13 maggio 23:06 Il Governo italiano non accetta accordi bilaterali sul turismo all’interno dell’Ue

Il Governo italiano non accetta accordi bilaterali sul turismo all'interno dell'Ue, lo ha annunciato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte al termine del Consiglio dei ministri sul decreto Rilancio. "Non accettiamo accordi bilaterali all'interno dell'Ue che possano creare corridoi privilegiati" ha spiegato il Premier rivelando che nell'ultimo colloquio con la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha già "posto questo tema" spigando che sarebbe la distruzione del singolo mercato".

13 maggio 23:00 Dl rilancio, Ministra Bonetti: “Non c’è assegno per i figli, era la misura più importante”

"Il Decreto Rilancio raccoglie molte delle proposte che ho avanzato e difeso fino ad oggi perché alle famiglie vengano assicurati servizi fondamentali" ma "Non è passata però la misura più importante, l'assegno per i figli, e con essa un approccio nuovo e integrato di politiche di sostegno alle famiglie e alle comunità del nostro Paese", a scriverlo è Elena Bonetti, Ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia. "Io non demordo, tutto il governo lo sa. Ora più che mai il Paese ha bisogno di politiche familiari stabili, degne di questo nome e all'altezza dei bisogni degli italiani. A questo punto il Family Act si rende ancora più urgente ed è la prospettiva giusta" ha concluso Bonetti.

13 maggio 22:53 Conte: “Su centri estivi offriremo ventaglio soluzioni”

Spiraglio per la riapertura dei centri estivi, "Offriremo un ventaglio di soluzioni" ha spiegato infatti durante la conferenza stampa per il Dl rilancio il Premier Conte, assicurando: "Le famiglie sono e saranno al centro della nostra attenzione". A confermarlo ci ha pensato poi anche  il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri che ha spiegato: "Con il decreto tutti i lavoratori possano essere sostenuti e anche le famiglie più in difficoltà che potranno accedere al reddito di emergenza e poi le famiglie con il sostegno a baby sitter, congedi parentali e anche centri estivi perché siamo consapevoli delle difficoltà che dovranno affrontare con la chiusura delle scuole. Grazie a un lavoro sinergico con l'Anci, ci sarà un ventaglio di soluzioni per i centri estivi, si potrà recuperare il bonus baby sitting e 30 giorni di congedo"

13 maggio 22:42 Ripreso Cdm dopo conferenza stampa del Governo su Dl Rilancio

Dopo l'annuncio del via libera al Dl rilancio, i ministri si sono nuovamente riuniti per riprendere la seduta del Cdm.  Il Consiglio dei ministri, iniziato poco dopo le 18 infati è stato solo interrotto dalla conferenza stampa del governo ma poi è ripreso per discutere degli altri punti all'ordine del giorno è ripreso. La riunione, spiegano a Palazzo Chigi, non era terminata ma semplicemente "sospesa".

13 maggio 21:40 L’annuncio di Conte: “Basta dpcm, prossimo provvedimento su spostamenti sarà decreto legge”

Il prossimo provvedimento del governo in merito alle restrizioni e alle riaperture non sarà un dpcm ma un decreto legge. Questa è la volontà espressa dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa che si è tenuta al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato il decreto Rilancio. Conte assicura che da domani il governo inizierà a lavorare al nuovo decreto, considerando che le misure attualmente in vigore scadranno il 18 maggio. E annuncia: “Proporrò ai ministri di adottare un decreto legge. Dobbiamo vedere la possibilità anche tecnica di adottarlo, ma sarebbe la soluzione migliore per coinvolgere in maniera migliore il Parlamento e anche perché siamo usciti dalla fase più acuta e abbiamo la possibilità di adottare lo strumento del decreto legge”.

13 maggio 21:25 Patuanelli: “Eco e sismabonus a 110% fondamentale per edilizia”

"L'innalzamento al 110% del bonus per le ristrutturazioni legate a sismabonus ed ecobonus, alla messa in sicurezza antisismica del nostro patrimonio e al risparmio energetico è una norma fondamentale per l'edilizia", lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli al termine del Cdm. Si tratta di una norma "molto importante per l'intero sistema edilizio ma anche per dare modo a chi non ha capacità  economica di vivere in un edificio confortevole anche dal punto di vista climatico"

13 maggio 21:17 Conte: “Per ora non sarà concesso spostamento tra Regioni”

Per ora non sarà concesso nessuno spostamento tra Regioni. lo ha annunciato Giuseppe Conte rispondendo ai giornalisti nel corso della conferenza stampa sul dl rilancio. "Le Regioni ci hanno prospettato l'esigenza che questi spostamenti interregionali rimangano congelati o comunque limitati al minimo indispensabile, almeno in questa fase" ha spiegato Conte facendo intendere che il governo accoglierà questa richiesta nel prossimo Dpcm. Per il Governo "in questa fase gli spostamenti potrebbero condizionare la valutazione della curva epidemiologica sul piano territoriale"

13 maggio 21:07 Ministro Bellanova in lacrime: “Gli sfruttati non saranno più invisibili, Stato più forte del caporalato”

"Un punto fondatale di questo testo a cui tengo per la mia storia è l'emersione dei rapporti di lavoro, da oggi gli sfruttati non saranno più invisibili" così il Ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova ha riferito in lacrime l'ok ai permessi di soggiorno per stranieri che lavorano come badanti o nei campi agricoli durante l’emergenza coronavirus.

13 maggio 20:55 Conte: “A scuola a settembre in sicurezza, 1 miliardo e 250mila per digitalizzazione e adeguamento”

Per la scuola 1 miliardo e 250mila euro per la digitalizzazione e messa in sicurezza degli istituti scolastici in vista di esami di maturità e ritorno a scuola a settembre. Lo ha annunciato il Premier Giuseppe Conte in conferenza stampa subito dopo il Cdm che ha evaporato il cosiddetto decreto rilancio.

13 maggio 20:51 Dl Rilancio, Reddito di emergenza con Isee fino 15mila euro

C'è anche il Reddito di emergenza tra le misure introdotte dal Decreto Rilancio appena approvato dal governo. lo ha spiegato Conte introducendo il testo che ha avuto il via libera del Cdm. La misura è valida per chi ha Isee fino 15mila euro.

13 maggio 20:48 Decreto Rilancio: Buono vacanze da 500 euro a famiglia da spendere in alberghi per l’estate

C'è anche un buono vacanze da 500 euro a famiglia da spendere in alberghi e altre strutture ricettive per l'estate. Lo ha annunciato Conte in conferenza stampa annunciando le misure del Decreto Rilancio. Il provvedimento vale per tutte le famiglie con Isse inferiore a 40mila euro

13 maggio 20:40 Conte: “Manovra da 55 miliardi, un sostegno per un Paese in difficoltà”

"Si tratta di una manovra da 55 miliardi per il sostegno a un Paese in difficoltà", lo ha detto Conte durante la conferenza stampa per annunciare l'atteso via libera al Decreto Rilancio da parte del Cdm. Di questi fondi "25.6 miliardi di euro sono per rifinanziare cassa integrazione e bonus autonomi". "Introduciamo misure di rilancio e sostegno alle imprese per una pronta ripartenza. Aiutiamo le famiglie che hanno figli, abbiamo un reddito di emergenza" ha aggiunto il Premier

13 maggio 20:35 Decreto Rilancio approvato dal Governo: “Abbiamo lavorato intensamente”

Il Cdm ha approvato l'atteso Decreto Rilancio. "Un Lavoro intenso" ha annunciato Conte. Ecco tutte le misure del governo a sostegno di imprese e famiglie. "Vi posso assicurare che ogni ora di lavoro pesava perché sapevamo di dover intervenire quanto prima. Abbiamo impiegato un po' di tempo ma posso assicurarvi che non abbiamo impiegato un minuto di più' di quello strettamente necessario per un testo cosi complesso".

13 maggio 20:26 In Francia oltre 27mila morti per coronavirus, 83 decessi nelle ultime 24 ore

La Francia supera quota 27mila morti per coronavirus e resta il quinto Paese al mondo più colpito dalla pandemia. Nelle ultime 24 ore in Francia sono stati registrati altri 83 morti che portano il totale a 27.074. Cala pressione sugli ospedali visto che continua a diminuire il numero di pazienti in rianimazione. Dati che confermano il trend positivo dei giorni scorsi

13 maggio 20:08 A New York 166 morti nelle ultime 24 ore

Sono 166 i decessi per coronavirus registrati nelle ultime 24 ore nello Stato di New York. Un dato leggermente in calo rispetto ai 195 del giorno prima ma ancora alto. Lo ha riferito il governatore Andrew Cuomo nel briefing quotidiano spiegando che sono in leggero aumento anche i ricoveri. A New York dunque continua il lockdown assoluto che come nota positiva ha portato all'azzeramento del numero di pedoni uccisi.

13 maggio 19:57 Da lunedì 18 maggio stop all’autocertificazione in Sardegna

Stop all'autocertificazione da lunedì 18 maggio per muoversi in Sardegna. Lo ha annunciato il presidente della Regione Christian Solinas, che per la prossima settimana si prepara a riaprire tutto. "Da lunedì  prossimo, 18 maggio, non ci sarà più bisogno in Sardegna di alcuna autocertificazione per muoversi sul territorio regionale" ha dichiarato il Governatore, avvertendo però che "Il periodo che ci attende comporta un attento monitoraggio a 7-14 giorni per verificare l'eventuale ripresa dei casi".

13 maggio 19:50 In Sicilia solo 11 nuovi casi su quasi 3mila tamponi

Buone notizia dalla Sicilia sul fronte del contagio da coronavirus. Nelle ultime 24 ore si sono registrati solamente 11 nuovi casi di contagio a fronte di 2.964 tamponi effettuati. Il numero dei casi totali nell'Isola ha raggiunto quota 3.354 mentre i decessi sono 262 con un solo morto registrato nelle ultime 24 ore. Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 63 (0 ricoverati, 77 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 78 (9, 75, 11); Catania, 679 (56, 273, 95); Enna, 225 (23, 167, 29); Messina, 353 (62, 151, 54); Palermo, 378 (51, 138, 33); Ragusa, 37 (4, 50, 7); Siracusa, 54 (19, 160, 27); Trapani, 22 (1, 112, 5)

13 maggio 19:33 In Polonia si torna a scuola il 25 maggio

La Polonia si avvia verso una nuova fase del contenimento del contagio. Da lunedì prossimo, infatti, riapriranno molti esercizi commerciali che erano rimasti chiusi durante il lockdown come ristoranti, bar, parrucchieri e centri estetici ma, a partire dal 25 maggio, si ritornerà anche sui banchi di scuola, anche se gradualmente. Lo ha annunciato oggi il premier polacco Mateusz Morawiecki in una conferenza stampa con il ministro della sanità Lukasz Szumowski.

13 maggio 19:19 Oms: “Non abbasserà il livello di allarme, la pandemia durerà ancora a lungo”

Non bisogna abbassare il livello di allarme perché la pandemia in atto durerà ancora a lungo, lo ha ricordato il capo del Programma di emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità Mike Ryan sancendo il punto sulla situazione dell'emergenza coronavirus in conferenza stampa a Ginevra. "L’Oms non abbasserà il livello di allarme fino a quando non disporremo di un significativo controllo del virus, di solidi sistemi di sorveglianza e di sistemi sanitari più forti" ha dichiarato Ryan, aggiungendo: "Bisogna fare ancora un lungo cammino fino alla cosiddetta nuova normalità".

"Abbiamo un nuovo virus che entra nella popolazione umana per la prima volta e quindi è molto difficile prevedere quando riusciremo a prevalere su di esso. Questo virus potrebbe diventare solo un altro virus endemico nelle nostre comunità e potrebbe non scomparire mai come l'Hiv che non è scomparso. Non sto confrontando le due malattie, ma penso sia importante essere realistici. Non credo che nessuno possa prevedere quando o se questa malattia scomparirà" ha aggiunto Ryan, proseguendo: "Con un vaccino potremmo avere una possibilità di eliminare questo virus, ma quel vaccino dovrà essere disponibile, dovrà essere altamente efficace, dovrà essere reso disponibile a tutti e dovremo usarlo".

Nel corso del Briefing Ryan ha ricordato anche l'esigenza di della prevenzione della diffusione del coronavirus nelle residenze per malati e anziani dove ha fatto strage. "È una tragedia che ha ucciso già troppe persone e se la malattia rimane in questi luoghi, tornerà nelle comunità attraverso gli operatori che vi lavorano e i visitatori. Dobbiamo avere cura dei più vulnerabili, altrimenti tutta la comunità sarà di nuovo in pericolo" ha concluso il rappresentante dell'Oms.

13 maggio 19:07 In Sardegna da lunedì riaprono parrucchieri, gioiellerie, profumerie e negozi di abbigliamento

In Sardegna da lunedì 18 maggio riaprono parrucchieri, gioiellerie, profumerie e negozi di abbigliamento. Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, infatti ha annunciato che firmerà entro stasera una nuova ordinanza per la riapertura dei negozi nei Comuni dell'isola con indice di trasmissibilità del Covid-19 non calcolabile. In pratica il Governatore si sostituirà ai sindaci che non hanno voluto usufruire dell'apertura anticipata prevista dal provvedimento regionale per la Fase 2, che li autorizzava nel caso di R(t) uguale o inferiore a 0,5. "La Sardegna ha oltre 245 Comuni con circolazione zero e l'indice R(t) è pari a 0,48. Alcuni sindaci hanno raccolto l'opportunità di riaprire, in altre parti della Sardegna si è preferito un atteggiamento di maggiore incertezza o prudenza" ha spiegato Solinas.

13 maggio 18:57 Linee guida per le spiagge nella fase due, Decaro: “Quasi impossibili da far rispettare”

Le Linee guida per la riapertura delle spiagge nella fase due "Sono quasi impossibili da far rispettare", lo ha dichiarato il sindaco di Bari e presidente dell'Associazione nazionale dei comuni italiani, Antonio Decaro. "Le linee guida che sono state approntate dall'Inail e dall'Istituto superiore di Sanità ci danno delle indicazioni, per le spiagge private sarà molto semplice perché hanno ingressi separati e gestori. Per le spiagge pubbliche non so come faremo" ha spiegato Decaro, ricordando che solo nel capoluogo pugliese ci sono 42 chilometri di costa e "anche schierando l'esercito è impossibile poter contingentare l'ingresso".

13 maggio 18:48 Allarme dell’Fbi: “Cyber attacco dalla Cina per rubare vaccino anti Covid”

"La Cina lancerà probabilmente un cyber-attacco contro gli Usa per rubare dati legati alle cure e ai vaccini contro il coronavirus", l'allarme arriva dall‘Fbi che definisce il possibile attacco del Paese orientale una "significativa minaccia". L'avvertimento è rivolto sia alle istituzioni di ricerca sia a società farmaceutiche statunitensi ed è contenuto in un bollettino pubblico rilasciato dall'ente federale americano nell'interesse collettivo. L'avviso però non fornisce alcuna evidenza del coinvolgimento di Pechino nella possibile operazione.

13 maggio 18:36 In Italia per la prima volta i guariti sono oltre la metà dei casi totali

Per la prima volta dall'inizio dell'emergenza sanitaria, in Italia le persone dimesse e guarite sono oltre la metà dei casi totali di coronavirus. È quanto emerge dall'analisi dai dati del bollettino di oggi, mercoledì 13 maggio. Il totale dei dimessi e guariti infatti ha raggiunto quota 112.541 mentre il totale dei casi nel nostro Paese è di 222.104. Altre bune notizie arrivano dal numero degli attualmente positivi che per la prima volta dall'inizio dell'emergenza è in calo in tutta Italia con la sola eccezione del Molise.

13 maggio 18:27 Oms: “Il coronavirus ha rallentato i progressi sulla longevità dell’uomo”

La pandemia da Covid-19 ha rallentato i progressi sulla longevità dell'uomo, a dare la cattiva notizia è l'Organizzazione mondiale della sanità, ricordando "l'urgente necessità che tutti i paesi investano nel rafforzamento dei sistemi sanitari e nell'assistenza sanitaria di base". "La buona notizia è che le persone in tutto il mondo ingenerale vivono vite più lunghe e più sane. La cattiva notizia è che il tasso di progresso è troppo lento per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e sarà ulteriormente rallentato dal coronavirus" ha spiegato il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che "I sistemi sanitari e la sicurezza sanitaria sono le due facce della stessa medaglia". "La pandemia COVID-19 evidenzia la necessità di proteggere le persone dalle emergenze sanitarie, nonché di promuovere la copertura sanitaria universale e interventi come il miglioramento dell'igiene e dei servizi igienico-sanitari di base", ha affermato la dott.ssa Samira Asma, Assistente alla direzione generale dell'OMS.

13 maggio 18:19 Emirates riprende i voli anche in Italia, dal 21 maggio a Milano

La compagnia aerea degli Emirati Arabi Uniti, la Emirates, riprende i voli commerciali anche in Italia dopo lo stop forzato per l'emergenza coronavirus. Lo ha reso noto a stessa società con sede a Dubai spiegando che si riparte dal 21 maggio. I voli per l'Italia riguarderanno solo la città di Milano e fanno parte di un programma più generale di ripristino dei voli di linea che interesserà  nove città tra Europa, Nordamerica e Australia. Emirates precisa che i voli riguarderanno i collegamenti con Parigi, Madrid, Milano, Chicago, Toronto, Sidney e Melbourne e che i passeggeri saranno fatti salire a bordo solo dopo una rigorosa procedura di accettazione medico-sanitaria e di sicurezza che coinvolgerà i paesi di destinazione

13 maggio 18:11 Russia sospende uso dei ventilatori che hanno preso fuoco, sono gli stessi donati anche all’Italia 

Le autorità russe hanno deciso di sospendere in via precauzionale l'uso de ventilatori Aventa-M dopo gli improvvisi incendi in due ospedali a Mosca e San Pietroburgo che hanno causato anche vittime tra i pazienti. Lo ha annunciato il Servizio federale di sorveglianza sanitaria di Mosca spiegando che su questo tipo di ventilatori saranno effettuare verifiche. "La causa dell’incidente potrebbe essere il surriscaldamento degli apparati di ventilazione polmonari Aventa-M" hanno spiegato infatti i funzionari. Alcuni di questi respiratori sono finiti anche in Italia, negli ospedali di Bergamo e di Milano, e hanno aiutato la Lombardia a superare la prima emergenza quando c'era mancanza di questi apparecchi.

13 maggio 17:59 In Lombardia altri 394 contagi in 24 ore ma calano i nuovi casi a Milano

In Lombardia ci sono 83.298 casi confermati di contagio, in aumento di 394 unità rispetto a ieri quando erano 82.904 ma calano i nuovi casi a Milano. È quanto emerge dai dati dell'ultimo bollettino comunicato dalla Regione. Continuano a diminuire sia i pazienti ricoverati in ospedale, sia quelli in terapia intensiva ma nelle ultime 24 ore sono morte altre 69 persone, il che porta a 15.185 il conto dei decessi totali

13 maggio 17:51 Coronavirus: 222.104 contagiati in Italia, 195 morti nelle ultime 24 ore

Sono 222.104 i contagiati da coronavirus in Italia mentre e 31.106 i decessi. Sono questi i dati dell'ultimo bollettino della protezione civile diffuso oggi mercoledì 13 maggio. Nelle ultime 24 ore i decessi sono stati 195 mentre i guariti sono 3.502. Numeri che, insieme a quelli delle terapie intensive, confermano il trend decrescente delle ultime settimane.

13 maggio 17:43 Mascherine a 50 centesimi, nuovo accordo tra Arcuri e farmacie: 9 milioni di pezzi a maggio

Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Nuovo accordo tra il commissario all'emergenza Domenico Arcuri, Federfarma e i distributori sulle mascherine a 50 centesimi dopo le polemiche dei giorni scorsi. È quanto emerge al termine della riunione tra i vari rappresentanti. Il Commissario si renderà disponibile a fornire un'integrazione economica sui costi delle mascherine che verranno acquistate dai distributori dei farmacisti al più basso prezzo possibile sul mercato mentre  le associazioni dei distributori si sono impegnate ad approvvigionare le farmacie con una fornitura di 9 milioni di mascherine nel mese di maggio a partire dal prossimo lunedì e di 20 milioni di mascherine la settimana a partire dal mese di giugno. Il Commissario inoltre si è impegnato a continuare ad integrare gli approvvigionamenti delle farmacie con 10 milioni di mascherine nel mese di maggio, a partire da domani

13 maggio 17:36 Il campionato di calcio di Serie A può ripartire il 13 giugno

Il campionato di calcio italiano di Serie A può ripartire dal 13 giugno prossimo, è questa la decisione presa dalla Lega di Serie A durante l’assemblea convocata oggi in videoconferenza. A Larga maggioranza si è deciso di proporre come prima data per il ritorno sui campi il 13 giugno. La decisione è arrivata poco dopo l'annuncio del via libera agli allenamenti di gruppo a partire dal prossimo 18 maggio da parte del ministro dello Sport Vincenzo Spadafora. "La Federcalcio ha accolto tutte le osservazioni del comitato tecnico scientifico, riadattando il proprio protocollo. Così il 18 maggio si potranno riprendere gli allenamenti" aveva spiegato il rappresentante del Governo.

13 maggio 17:27 I parrucchieri potranno aprire anche domenica e lunedì

I parrucchieri e gli estetisti potranno aprire anche domenica e lunedì per ridurre l'afflusso di clienti durante gli altri giorni della settimana. Lo prevedono le linee guida indicate nel documento tecnico dell'Inail e dell'Iss approvato nella seduta di ieri dal Comitato tecnico scientifico in vista della riapertura delle attività prevista per il 18 maggio. "Al fine di garantire l'accessibilità ai servizi dopo un lungo periodo di chiusura e in considerazione delle misure da adottare, che verosimilmente ridurranno il numero di trattamenti in contemporanea è opportuno prevedere la possibilità di permettere deroghe ai giorni di chiusura e consentire l'estensione degli orari di apertura dei locali" si legge nel documento che propone, tra le altre cose, anche postazioni separate di almeno due metri, aree d'attesa per i clienti all'esterno del negozio.

13 maggio 17:21 Lino, l’infermiere guarito dal coronavirus dopo 67 giorni: “State attenti, pericolo è ancora alto“

"Ricordate che il virus resta e il pericolo è ancora alto, ed è impensabile allentare l’attenzione nella cosiddetta fase 2. La prima volta la sanità in ginocchio, stremata e malconcia è riuscita a rialzarsi ma non saprei in futuro cosa potrebbe accadere“ è l'accorato appello ai suoi concittadina da parte di Lino, operatore sanitario in ospedale e primo contagiato di Lucera, nel Foggiano, guarito dal coronavirus dopo 67 giorni tra cui molti ricoverato in ospedale.

13 maggio 17:10 Nel Regno Unito ancora 494 decessi per coronavirus in 24 ore

Resta alto il numero dei decessi giornaliero per coronavirus nel Regno Unito. Nelle ultime 24 ore, infatti, nel Paese sono morte altre 494 persone portando il totale a 33.186. Lo rende noto il Dipartimento della Sanità britannico nel suo ultimo bollettino. Dall'inizio della pandemia nel Paese si registrano oltre 229.70o casi di contagio. Il Governo britannico si sta impegnando a raggiungere quota 100mila test al giorno ma anche ieri ci si è fermati sotto questa soglia con circa 87mila tamponi effettuati.

13 maggio 17:03 In Europa oltre 160mila morti per coronavirus

Le persone morte a causa del coronavirus  in Europa sono più di 160mila. È quanto emerge dal conteggio dell’Afp su dati forniti dai vari Paesi. Il Vecchio Continente è quello più colpito dalla pandemia in assoluto. In questa triste classifica in testa c'è la Gran Bretagna  con oltre 33mila decessi, seguita dall'Italia (oltre 30mila morti), Spagna (27mila) e Francia (26mila).

13 maggio 16:56 Coldiretti: “Persi 10 miliardi di euro nel turismo, bene la riapertura in Ue”

Dall'inizio della crisi sanitaria per l'emergenza coronavirus in Italia si sono "persi 10 miliardi di euro nel settore del turismo" connessi alla spesa turistica degli stranieri nel nostro Paese, per questo è un "bene la riapertura delle frontiere" consigliata dall'Ue per fare ripartire i viaggi tra Paesi. A ricordarlo è Coldiretti sulla base dei dati Istat. Il riferimento è alle parole del presidente della Commissione Europea, Ursula Von Der Leyen che oggi ha annunciato le linee guida sul turismo europeo nei prossimi mesi

13 maggio 16:48 In Messico 353 morti in 24 ore: è record nel Paese

Continua l'impennata di casi di nuovo coronavirus anche in Messico dove purtroppo nelle ultime 24 ore si è raggiunto un nuovo triste record di decessi dopo un leggero calo fatto registrare nei giorni scorsi. Nell'ultima giornata il Paese nordamericano ha fatto registrare ulteriori 1.997 casi di contagio e 353 morti, il numero più alto dall'inizio della pandemia. In totale in Messico si contano 38.324 contagi e 3.926 decessi.

13 maggio 16:40 Oms: “Sorpresi dalla mancanza di preparazione di alcuni Paesi”

Tutti gli esperti sapevano che un nuovo coronavirus "poteva arrivare" dopo i casi della Sars e della Mers eppure molti Paesi si sono fatti trovare completamente impreparati di fronte all'emergenza Covid-19. È quanto ha osservato Sylvie Briand, specialista di malattie infettive dell'OMS, non nascondendo la sorpresa. Alcuni Paesi "non erano davvero pronti" ad affrontare la pandemia, ha spiegato l'esponente dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. "Non siamo sorpresi perché sapevamo che" il coronavirus "poteva arrivare", ha dichiarato in un'intervista alla France Presse, "Abbiamo già avuto una pandemia nel 2009 e anche il virus si è diffuso molto rapidamente: in meno di nove settimane abbiamo visto tutti i continenti colpiti. Quindi sappiamo che, dato il nostro modo di vivere, può muoversi molto rapidamente. La questione che ci ha più sorpresi è lo stato di preparazione di alcuni Paesi che non erano davvero pronti ad affrontare questa pandemia. Questa è una delle cose che abbiamo scoperto un po' tardi".

13 maggio 16:28 Svizzera, dal 15 giugno frontiere aperte con Austria e Germania

Il dipartimento svizzero di giustizia e polizia ha annunciato che dal 15 giugno saranno riaperte, per motivi anche di turismo, le frontiere con Austria e Germania, sempre a condizione che non ci sia un cambio di trend dei contagi di coronavirus.

13 maggio 16:23 Belgio, 82 morti in un giorno e 202 nuovi casi

Il numero di morti in Belgio a causa del Covid-19 ha raggiunto 8.843, con un aumento di 82 morti nelle ultime 24 ore. Lo ha annunciato il Centro di crisi e la sanità pubblica Spf, aggiungendo che da ieri sono stati segnalati 202 nuovi casi, che corrispondono ad un calo del 2 percento sugli ultimi sette giorni, per un totale di 53.981. Calano nel Paese i ricoveri. Nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 70: complessivamente i pazienti in ospedale sono 2.014, contro i 2.230 di ieri (calo dell'8 percento). Un totale di 420 pazienti sono in terapia intensiva. Sono invece 205 le persone dimesse.

13 maggio 16:18 Austria, il cancelliere Kurz: “Non possiamo riaprire ora il confine con l’Italia”

Secondo il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, "non ci sono prospettive di una tempestiva riapertura dei confini" verso l'Italia. "Non vedo i presupposti", ha detto parlando degli attuali dati di contagio in Italia. Interpellato dai cronisti sull'eventuale orizzonte temporale, Kurz ha risposto: "Non siamo veggenti". Il governo è felice di chi intenda fare le sue vacanze in Austria, ha aggiunto ancora il cancelliere, secondo l'agenzia Apa.

13 maggio 16:10 In Grecia focolaio in un campo rom dopo il funerale di un uomo morto di coronavirus

Le autorità sanitarie e la protezione civile greche sono intervenute in un campo rom nel centro del Paese dove nel fine settimana è stato individuato un focolaio di coronavirus. Lo scrive il Guardian. Si ritiene che l'epidemia si sia diffusa nel campo, a Larissa, dopo il funerale di un uomo morto di Covid-19 al quale hanno partecipato più di 150 persone. Circa 3000 uomini, donne e bambini vivono in condizioni di sovraffollamento nel campo. La tv di Stato ha riferito che, finora, circa 500 residenti sono stati testati per il coronavirus in seguito all'individuazione di dieci nuovi casi della malattia ieri. I casi positivi vengono trasferiti per la quarantena in un centro medico appositamente installato nella zona, secondo la protezione civile.

13 maggio 16:02 Prima di giugno non ci si sposterà tra le Regioni

Bisogna aspettare ancora per la mobilità tra le Regioni. Secondo quanto ha confermato il ministro Boccia alla Camera, prima di giugno non ci si sposterà tra le Regioni. Il ministro ha sottolineato che ogni valutazione è rimandata a fine maggio. In ogni caso, ha aggiunto, "sarà più facile garantire una relazione tra regioni a basso rischio, sarà molto più complicato consentire il passaggio di cittadini da una regione a basso rischio ad una ad alto rischio".

13 maggio 15:56 Boccia: “Linee guida sulla Fase 2 sono pronte e stasera saranno trasmesse alle Regioni”

Le linee guida sulla Fase 2 "sono complete e saranno trasmesse alle Regioni questa sera". Lo ha detto il ministro per le Autonomie Francesco Boccia al question time alla Camera parlando di "indicazioni che il governo dà per una tutela rigorosa ed esclusiva sul lavoro". "L'Italia è un malato in condizioni migliori di prima. Ma è pur sempre un malato, che non può permettersi ricadute", ha detto tra le altre cose Boccia sottolineando che "la prudenza che il governo ha utilizzato" finora "è tutta finalizzata a questo obiettivo".

13 maggio 15:44 Sindaco Gori: “A Bergamo più tamponi grazie ai privati, comprati reagenti in Gran Bretagna”

"Entro fine mese la provincia di Bergamo potrà contare su 4000 tamponi al giorno. Grazie a chi? Al Rotary e ad alcune aziende private, che a loro spese hanno acquistato attrezzature robotizzate negli Usa e reagenti nel Regno Unito. Quel che la Regione avrebbe dovuto fare e non ha fatto". A scriverlo, su Twitter, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

13 maggio 15:30 Il Santuario di Lourdes riapre parzialmente: rimasto chiuso dal 17 marzo a causa della pandemia

Il Santuario di Lourdes, nei Pirenei francesi, meta di pellegrinaggio per milioni di persone ogni anno, riaprirà parzialmente le porte da sabato prossimo "per i pellegrini singoli della regione". La Grotta, dove secondo la religione cattolica la Vergine Maria apparve a Bernadette nel 1858, non sarà direttamente accessibile ai visitatori. La struttura aveva chiuso i battenti il 17 marzo a causa della pandemia. Si è trattato della chiusura più lunga della storia del Santuario.

13 maggio 15:18 Scuola, viceministra Ascani: “Evitare almeno per i bambini la didattica a distanza”

"Il nostro obiettivo è evitare almeno per i bambini e per i ragazzi più piccoli che si abbia la modalità a distanza": lo ha detto Anna Ascani, viceministro dell'Istruzione, intervenendo su Radio1 Rai a "Formato Famiglia". Ascani, sui tentativi di riapertura delle scuole in Piemonte, ha aggiunto: "Non sono tornati tra i banchi, non sono tornati a scuola. Credo sia una fuga in avanti. Con il governo, insieme al ministero della famiglia si sta lavorando per mettere in piedi dei servizi simili a quelli di questa sperimentazione ma dentro un protocollo di sicurezza che metta al sicuro bambini, famiglie e operatori in modo molto più responsabile. Francamente fatico a capire una sperimentazione che parta dal Piemonte perché purtroppo quella è una regione nella quale di fatto il contagio si è tutt'altro che fermato. In tutta onestà: chiamarla scuola è una forzatura perché non c'è nessun ritorno a scuola". Sempre sulla didattica a distanza, la viceministro ha aggiunto: "Le famiglie hanno dato un supporto indispensabile senza il quale non sarebbe stato possibile fare quello che si è fatto in queste settimane. A partire da settembre se, nella fascia di ragazzi più grandi, la didattica a distanza dovesse diventare una parte sostanziale dell'attività scolastica, daremo linee guida molto più chiare e nette", ha concluso.

13 maggio 15:01 Von der Leyen: “Europa sta riaprendo passo dopo passo”

"L'Europa sta riaprendo, passo dopo passo. Oggi la Commissione Ue fornisce una guida su come riprendere a viaggiare in modo sicuro e responsabile per rimettere in piedi il turismo europeo". Lo  ha  scritto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, su Twitter.

13 maggio 14:45 Morti nelle case di riposo inglesi, il leader dell’opposizione Starmer attacca Johnson

Le vittime nelle case di riposo britanniche al centro del botta e risposta fra il leader dell'opposizione laburista Keir Starmer e il premier conservatore Boris Johnson nel loro secondo faccia a faccia nel Question Time del mercoledì alla Camera dei Comuni. Starmer ha denunciato un differenziale di 18.000 decessi negli ospizi fra gli anziani nell'aprile di quest'anno (26.000 morti stimate) e gli 8.000 del 2019, notando come i dati ufficiali ne abbiano attribuiti finora 8.000 circa al coronavirus, senza spiegazioni sugli altri 10.000. Ha anche rinfacciato al governo di non aver modificato fino all'11 marzo l'indicazione che escludeva rischi specifici maggiori nella case di riposo, e di non aver garantito test e protezioni tempestive ad hoc. Il premier britannico ha ammesso l'impatto "spaventoso" dell'epidemia negli ospizi, con un numero di vittime "troppo alto", osservando però che la tendenza è stata gradualmente invertita e che i numeri sono adesso in calo.

13 maggio 14:28 Commissaria Ue ai trasporti: “Non raccomandiamo di avere dei posti vuoti sugli aerei”

"In questo momento non raccomandiamo in maniera specifica di avere dei posti vuoti sugli aerei" come misura di sicurezza legata al contenimento del contagio di Covid-19, "tuttavia raccomandiamo d'indossare una mascherina e altri dispositivi di protezione, sia ai passeggeri che all'equipaggio, e abbiamo stabilito altri protocolli relativi all'imbarco e al disimbarco dei passeggeri". Lo ha detto la commissaria Ue ai trasporti, Adina Valean, presentando le linee guida dell'Esecutivo comunitario per far ripartire i trasporti in Europa.

13 maggio 14:03 Aumentano i morti in Spagna: nelle ultime 24 ore 184 vittime

Per il secondo giorno consecutivo aumentano, sia pur lievemente, i morti in Spagna: nelle ultime 24 ore sono decedute 184 persone rispetto alle 176 delle 24 ore precedenti (+4,5%). Lo ha reso noto il governo spagnolo, secondo quanto riporta il quotidiano El Pais. Si registrano inoltre 439 nuovi casi di contagio. Nel complesso nel Paese sono morte 27.104 persone dall'inizio della pandemia a fronte di 228.691 casi. Le persone guarite sono 140.823.

13 maggio 13:45 Il ministro Azzolina: “Possibile bocciare se studente troppo carente, nessun 6 politico”

"Resta ferma la possibilità di non ammettere all'anno successivo studentesse e studenti con un quadro carente fin dal primo periodo scolastico". Lo precisa la ministra dell'istruzione Lucia Azzolina in audizione alla Camera. "La valutazione avverrà sulla base di quanto effettivamente svolto, gli alunni potranno essere ammessi alla classe successiva anche in presenza di voti inferiori a 6 decimi, in una o più discipline. Ma non sarà ‘6 politico'. Le insufficienze compariranno nel documento di valutazione", ha detto. Per quanto riguarda gli esami di terza media, Azzolina ha aggiunto: "Accogliendo gli appelli pervenuti, ho subito dato la mia disponibilità a concedere tutto il tempo che serve alle istituzioni scolastiche per svolgere tutto il procedimento in assoluta serenità". Secondo la bozza di ordinanza ministeriale il procedimento dell'esame doveva svolgersi entro la fine delle lezioni, dunque l'8 giugno. "In linea con quanto previsto dal decreto legge 22/2020, studentesse e studenti saranno valutati attraverso lo scrutinio finale che terrà conto anche di un elaborato da consegnare. L'argomento sarà concordato con i docenti, valorizzando il percorso fatto da ciascuno studente. Sarà presentato oralmente, in modalità telematica, davanti al Consiglio di classe, e sarà valutato in sede di scrutinio finale sulla base dell'originalità, della coerenza con l'argomento assegnato, della chiarezza espositiva", ha ricordato.

13 maggio 13:34 Non solo Wuhan: la città cinese di Jilin in lockdown dopo nuovi casi di contagio

La città di Jilin, nell'omonima provincia cinese del nordest, è in parziale lockdown dopo la chiusura dei confini, la sospensione dei trasporti e lo stop a scuole e locali pubblici, come cinema, teatri e palestre. La decisione è seguita ai casi di Covid-19 che hanno alimentato i timori di un'altra ondata di contagi. Con oltre 4 milioni di abitanti, la città ha visto ieri 6 nuove infezioni. Ai residenti sarà permesso di lasciare la città solo con esito negativo al test dell'acido nucleico nelle ultime 48 ore e il rispetto di un rigido periodo di "auto-isolamento". I ristoranti possono restare aperti, ma non più di 3 o 5 persone possono sedere allo stesso tavolo, e i clienti devono osservare la distanza di almeno un metro. La provincia di Jilin, che confina con la Corea del Nord e in minima parte con l'Estremo Oriente russo, è da alcuni giorni sotto pressione dopo un primo focolaio a Shulan, città di 670mila abitanti nell'amministrazione di Jilin, trasformando l'area nella più a rischio in Cina per quanto riguarda il virus.

13 maggio 13:27 Decreto rilancio, il Cdm slitta alle 17

La riunione del Consiglio dei ministri, inizialmente prevista per le ore 14 di oggi, mercoledì 13 maggio, a Palazzo Chigi, sul dl rilancio e le misure economiche per contrastare la crisi dovuta all'emergenza Coronavirus, slitta alle 17. Lo si apprende da fonti di governo.

13 maggio 13:20 La proposta dell’Ue: “Riaprire le frontiere tra Paesi con situazione epidemiologica simile”

"Le restrizioni ai viaggi ed i controlli alle frontiere Ue dovrebbero essere gradualmente revocati se gli sviluppi epidemiologici proseguono con l'attuale trend positivo e quando ci sarà un livello sufficientemente basso. Se questo non è subito possibile, le restrizioni ai viaggi ed i controlli alle frontiere dovrebbero essere revocati per le regioni, le aree e gli Stati membri con un'evoluzione positiva ed una situazione epidemiologica abbastanza simile". Lo ha proposto Bruxelles rispetto alla ripresa della libertà di movimento nella fase 2 dell'emergenza Coronavirus.

13 maggio 13:06 Dal 18 maggio si potranno rivedere gli amici, ma resta il divieto di assembramento

Dal 18 maggio, anche a seguito delle riaperture di bar e ristoranti, che sono state anticipate visti i dati incoraggianti sui contagi, potrebbe esserci un'apertura anche per gli incontri con gli amici, finora esclusi dall'allentamento delle misure restrittive stabilito dal governo, che invece avevano permesso di vedere i congiunti. Manca tuttavia ancora l'ufficialità. In ogni caso, sia nei locali al chiuso sia per strada o in casa, rimarrà il divieto di assembramento.

13 maggio 12:40 Nuovo focolaio Coronavirus a Modena, chiuso reparto del Policlinico

Al Policlinico di Modena è stato chiuso il reparto di Post-Acuzie, con l'immediata attivazione delle misure di sanificazione, dopo che sono stati rilevati tre casi positivi al Coronavirus in pazienti che sembravano aver già sconfitto il virus, ovvero con due tamponi negativi, e due decessi. A riportare la notizia è il Resto del Carlino. I tre ammalati sono stati immediatamente trasferiti nei reparti Covid, fa sapere l'Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, mentre tutti gli altri che si trovavano ricoverati nel reparto Post-Acuzie sono stati isolati precauzionalmente. Contestualmente, aggiunge l'Azienda ospedaliero-universitaria di Modena, sono state attivate le misure di sanificazione degli ambienti e degli spazi di lavoro.

13 maggio 12:10 La Germania potrebbe riaprire le frontiere dal 15 giugno, ma per Italia e Spagna “è presto”

La Germania potrebbe riaprire i suoi confini entro la metà di giugno. "L'obiettivo del governo tedesco è aprire le frontiere entro il 15 giugno", ha detto il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer in conferenza stampa a Berlino, annunciando le decisioni prese nel Gabinetto oggi. "La Germania aprirà le frontiere con il Lussemburgo a partire da sabato 16 maggio", ha annunciato fra l'altro. E sarà pronta a fare altrettanto con la Danimarca, ha aggiunto, non appena Copenaghen avrà compiuto le sue consultazioni con i Paesi vicini.

Tuttavia, è ancora presto per favorire gli spostamenti verso altri Paesi. "Francia, Austria e Svizzera ritengono che sia ancora troppo presto per aprire le frontiere con Italia e Spagna, perché sono paesi molto colpiti dal Coronavirus", ha concluso Seehofer in conferenza stampa a Berlino.

13 maggio 12:04 Dati Confcommercio: “Solo il 20% degli italiani potrà andare in vacanza”

Le previsioni per la prossima estate, al tempo dell'emergenza Coronavirus, non sono delle migliori. "La stagione turistica sarà tutta in perdita", ha detto la Confcommercio in audizione alla Commissione Industria del Senato spiegando che finita l'emergenza sanitaria "ci sarà il problema di riempire le stanze degli alberghi". Potrà andare in vacanza, ad esclusione di chi ha le seconde case, solo il 20% degli italiani. Nel settore turistico, a causa della Covid, "le perdite potrebbero essere di 120 miliardi da qui a fine 2020″. Le imprese a rischio nel commercio e nel turismo sono il 10% del totale, pari a circa 270mila, mentre i posti di lavoro che potrebbero essere persi sono 420mila.

13 maggio 11:56 Per la prima volta nessun nuovo caso in Thailandia dallo scorso gennaio

La Thailandia non ha riportato oggi alcun nuovo caso di Coronavirus per la prima volta dal 13 gennaio: lo ha reso noto il centro nazionale per il monitoraggio della malattia, secondo quanto riporta la Cnn. Il portavoce del centro, Taweesilp Visanuyothin, ha confermato che il bilancio dei contagi resta a quota 3.017. Un totale di 56 pazienti sono morti, mentre 2.844 sono guariti.

13 maggio 11:34 Il ministro Spadafora in Senato: “Eccessivo dibattito intorno al mondo del calcio”

"Ho lavorato  in queste settimane per dare risposte al mondo dello sport. Sono  consapevole della passione intorno al calcio e dell'importanza del settore, ma ho trovato eccessivo l'inasprimento del dibattito intorno al calcio in un momento come questo". Lo ha detto il ministro dello sport Vincenzo Spadafora nell'informativa al Senato. Inoltre, ha aggiunto che è confermata la ripresa degli allenamenti per il 18 maggio, precisando per quanto riguarda il calcio che "se in una quadra ci sarà un positivo, tutti andranno in quarantena".

13 maggio 11:27 Ilaria Capua: “Il virus non si è indebolito, attenzione alle città”

La virologa Ilaria Capua è tra gli esperti che stanno cercando di mettere in guardia su una nuova possibile ondata dell'epidemia da Coronavirus. Nonostante i dati degli ultimi giorni mostrino una situazione sotto controllo, almeno in Italia, "il virus non si è attenuato e può tornare con una seconda ondata in autunno". Inoltre, i rischi secondo la virologa possono mutare e sfociare in un "malattia delle città" che può coinvolgere gli animali domestici e da allevamento, rendendoli potenziali serbatoi.

13 maggio 10:57 Nel mondo 291mila persone sono morte per Coronavirus, i contagi sono più di 4 milioni

Sono più di 291mila i morti nel mondo a causa del Coronavirus. I dati aggiornati della Johns Hokpins University parlano 4.261.955 casi confermati a livello globale e 291.961 decessi. Gli Stati Uniti restano il Paese più colpito, seguito per bilancio dei contagi da Russia, Spagna e Regno Unito. L'Italia scende dal quinto posto.

13 maggio 10:44 A Firenze rimosso tumore a bimba di 11 mesi positiva: “Operazione terminata con successo”

Un intervento di chirurgia complessa per rimuovere un tumore è stato portato a termine con successo nei giorni scorsi nell'Ospedale pediatrico Meyer di Firenze su una bambina di undici mesi, risultata positiva al tampone per rilevare la presenza del Covid. Per asportare la grande massa che si era formata sul rene della piccola, i medici e gli infermieri dell'equipe coordinata dal professor Lorenzo Masieri, hanno utilizzato tutti i dispositivi di protezione necessari per operare in sicurezza ed evitare di essere contagiati.

13 maggio 10:37 Boom di casi di Coronavirus in Russia, più diecimila nelle ultime 24 ore

Boom di casi di Coronavirus in Russia, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 10.028 nuovi contagi di Covid-19, che portano il totale a 242.27, confermando la Federazione come il secondo Paese più colpito al mondo per numero di casi dopo gli Usa. I nuovi decessi, come riporta il centro operativo per l'emergenza, sono stati 96, di cui 53 a Mosca. In tutto, le vittime dell'epidemia ammontano a 2.212. Un dato positivo arriva proprio dalla capitale – epicentro del contagio – dove sono state rilevate 4.703 nuove infezioni, l'incremento giornaliero più basso degli ultimi 12 giorni.

13 maggio 10:30 Il virologo Pregliasco: “Il virus resterà con noi per 1 o 2 anni, prepariamoci a scenario peggiore”

"Questo virus ci sta spiazzando con caratteristiche che non avevamo mai visto". A parlare è il virologo Fabrizio Pregliasco, ospite della trasmissione Di Martedì su La7. "Il Coronavirus ci terrà compagnia per uno o due anni, dobbiamo prepararci allo scenario peggiore con una ulteriore ondata. Dobbiamo attrezzarci per far fronte al peggio nella speranza che la situazione diventi, invece, sempre più tranquilla e gestibile".

13 maggio 10:10 In Giappone morto lottatore di sumo per Coronavirus: aveva 28 anni

È morto il primo lottatore di sumo contagiato dal Coronavirus in Giappone. Shobushi, originario della prefettura di Yamanashi, non lontano da Tokyo, il cui vero nome era Kiyotaka Suetake, aveva 28 anni: era un lottatore di quarta divisione di sumo ed era stato il primo sportivo di questa disciplina a risultare contagiato dal virus il 10 aprile scorso. Le sue condizioni erano peggiorate pochi giorni dopo, il 19 aprile, ed era ricoverato in terapia intensiva in un ospedale a Tokyo.

13 maggio 09:47 Coronavirus, oggi in programma il Consiglio dei ministri su dl rilancio

È in programma oggi alle 14 il Consiglio dei Ministri sul decreto rilancio. Il Cdm dovrebbe varare la manovra anti-crisi dopo il confronto tra i ministri sul piano da 55 miliardi che mobilita 130 miliardi di liquidità a sostegno di famiglie, imprese e lavoratori.

13 maggio 09:20 In Germania 798 contagi e 101 decessi in un giorno: dati in calo

La Germania ha registrato in un giorno 798 nuovi casi di Covid-19 che portano il totale dall'inizio dell'epidemia a 171.300. Come emerge dai dati del Robert Koch Institute, i decessi in 24 ore sono stati 101 e il totale è salito a 7.634. I pazienti guariti sono circa 1.500 a complessivi 148.700. I dati su contagi e decessi sono in calo rispetto a ieri, quando erano stati reso noti 933 nuovi casi e 116 morti in un giorno, con un tasso di letalità del 4,4%. L'indice di contagio, che dopo l'avvio della fase 2 era salito da 0,7 a oltre 1, ieri risultava pari a 0,94.

13 maggio 09:13 In Corea del Sud salgono a 119 i nuovi casi legati al focolaio scoppiato tra bar e locali

Sale a quota 119 il numero di contagi legati a un focolaio sviluppato tra i bar e club del quartiere di Itaewon a Seul, e circa ventimila persone sono state sottoposte al test per il Coronavirus in relazione al picco dei contagi nell'area dei locali notturni della capitale sud-coreana a causa della notte brava di un 29enne che è poi risultato positivo all'infezione. Lo ha dichiarato il vice ministro della Sanità, Kim Ganglip, che ha sottolineato l'importanza per tutti gli avventori dei bar della zona, famosa per la sua movida, tra il 24 aprile e il 6 maggio scorso di sottoporsi al test per potere fermare eventuali casi di contagio secondari o terziari. Dopo la ripresa di contagi, il governo sud-coreano ha deciso di rinviare di una settimana il ritorno a scuola, e Seul e altre municipalità hanno emesso ordinanze per proibire gli assembramenti. Il governo sud-coreano, ha dichiarato oggi il primo ministro, Chung Sye-kyun, punta a rintracciare entro la fine di questa settimana tutti gli avventori dei bar di Itaewon: il premier ha promesso il rispetto della privacy di tutti coloro che decideranno di sottoporsi al test. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 26 nuovi casi di contagio nel Paese, tra cui un morto, secondo i dati diffusi dal Korea Centers for Disease Control and Prevention, portando a 10.962 i contagi accertati nel Paese dall'inizio dell'epidemia e a 259 il numero di morti.

13 maggio 09:09 Regno Unito: “8 milioni di persone con problemi sanitari non dovrebbero rientrare al lavoro

Otto milioni di persone con condizioni sanitarie pre-esistenti dovrebbero essere escluse dal programma di ripresa lavorativa nel Regno Unito secondo uno studio della University College di Londra (Ucl) pubblicato oggi, 13 maggio. Lo riporta il quotidiano britannico The Guardian, secondo il quale i ricercatori hanno avvertito che allentare la serrata troppo velocemente potrebbe portare il bilancio delle vittime del Regno Unito a 73mila nel 2020. Circa l'80 per cento della popolazione non deve temere il rientro al lavoro, ma il restante 20 per cento che soffre di condizioni mediche quali diabete, obesità e problemi di cuore è vulnerabile. La maggior parte di questo 20 per cento non è considerata estremamente vulnerabile a livello clinico dal ministero della Salute, e di conseguenza non gli è stato detto di isolarsi per 12 settimane. Il Sistema sanitario nazionale britannico ha reso noto che la lista di persone che avrebbero dovuto isolarsi includeva un milione e mezzo di persone. Il professore che ha guidato lo studio, Amitava Banerjee, ha dichiarato che "nel documento di 50 pagine sull'uscita dal lockdown del governo non ci sono riferimenti a questi gruppi ad alto rischio. Se un individuo ha meno di settant'anni ma ha il diabete, o problemi al cuore o al rene, ha bisogno di chiare linee guida per sapere come agire". Altrimenti chi riceve un salario minimo e soffre di queste condizioni sanitarie potrebbe tornare a lavorare a prescindere, ha notato Banerjee.

13 maggio 09:02 Bonaccini (Emilia Romagna): “1 giugno data ragionevole per spostarsi tra Regioni”

"Il primo giugno mi sembra una data ragionevole per riaprire agli spostamenti tra Regioni. Ma spetterà al governo decidere, com'è giusto che sia". Lo ha detto il governatore dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini in un'intervista al quotidiano La Repubblica. Il presidente ha anche aggiunto che le Regioni da parte loro avevano "chiesto autonomia decisionale solo sulle riaperture del 18, e l'abbiamo ottenuta", sottolinea.

13 maggio 08:53 Nuovo focolaio Covid a Bologna: sei morti nella Rsa di Monteveglio

Nuovo focolaio di Coronavirus in una Rsa. Si tratta della Anni Azzurri – Villa dei Ciliegi di Monteveglio, a Valsamoggia, nel Bolognese. Dopo i 33 casi positivi segnalati dai tamponi effettuati il 27 aprile scorso, sono sei gli ospiti deceduti, tutti risultati positivi al Covid-19, anche se alcuni di loro, entrate in ospedale ai primi di maggio, dopo il tampone di pochi giorni prima avevano ricevuto esito negativo. "Si tratta di persone molto anziane, alcune vicine ai cento anni di età – ha detto il sindaco di Valsamoggia Daniele Ruscigno –, altre con uno stato di salute precario. Purtroppo, nonostante dai sopralluoghi sembri che tutte le misure di sicurezza e i protocolli anti Covid siano sempre stati rispettate dalla struttura, una volta che il virus entra in contatto con una categoria fragile come quella degli anziani contenerne i danni è difficilissimo".

13 maggio 08:44 Il virologo Baldanti: “Vi spiego perché funziona la terapia al plasma. Ora servono donatori”

"I malati arrivano a centinaia, tutti insieme, in ospedale. Gravissimi. Il tasso di mortalità è pazzesco: uno ogni sei di chi entra in Rianimazione non ce la fa". Il "virologo da laboratorio" Fausto Baldanti ha cominciato così a raccontare al Corriere della Sera come è stata concepita l'idea di utilizzare il plasma per curare i malati di Coronavirus. "Era il 29 febbraio – ha spiegato Baldanti -, ci troviamo in laboratorio io e l'infettivologo Raffaele Bruno e ci guardiamo in faccia: ‘Adesso come li curiamo i malati?'. Ai tempi non c'è nessuna terapia certa. Il tentativo è di provare l'efficacia dei farmaci contro l'Hiv con gli antinfiammatori. Sappiamo che una terapia simile è già stata utilizzata per l'Ebola e la Sars e uno dei due propone: ‘Ma se provassimo con il plasma dei convalescenti?'. Decidiamo di far espandere il virus in provetta per avere delle dosi uguali da utilizzare come bersaglio del siero dei pazienti ricoverati, il primo test è del 10 marzo. I risultati arrivano a breve: più il livello di anticorpi neutralizzanti, quelli sviluppati dai pazienti che hanno avuto il virus, è alto, più la malattia di chi è ancora malato regredisce". A due mesi di distanza, conclude Baldanti, "abbiamo presentato l'ormai noto studio pilota, ossia quello che si effettua per testare un'idea. Sono stati arruolati 46 pazienti tra Pavia, Mantova e uno a Novara. La mortalità è passata a 1 ogni 16 pazienti. Sono migliorati gli indici infiammatori e i parametri dell'ossigenazione. Il nostro protocollo è richiesto da tutto il mondo. Ora servono donatori".

13 maggio 08:32 Da lunedì 18 maggio si valuta stop all’autocertificazione

Il governo sta valutando un ulteriore allentamento delle misure di contenimento del Coronavirus a partire dal 18 maggio, quando potrebbe essere eliminato il vincolo che consente gli spostamenti solo per far visita ai congiunti, oltre che per necessità, lavoro e motivi di salute. Via libera anche agli spostamenti verso le seconde case, se all'interno della regione di residenza. Di conseguenza, è possibile che venga anche eliminata l'autocertificazione.

13 maggio 08:09 L’annuncio del viceministro Sileri: “Dal 1 giugno forse ci si potrà spostare tra Regioni”

Il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri ha annunciato, ospite della trasmissione ‘Circo Massimo' su Radio Capital, che è probabile che saranno consentiti gli spostamenti tra Regioni a partire dal 1 giugno. Tutto dipenderà comunque dall'andamento epidemiologico e dalla situazione della curva dei contagi nei singoli territori, che saranno monitorati costantemente dal Ministero della Salute. "Dal 18 maggio faremo un passo avanti e di questo ne sono sicuro e per fine mese ci sarà maggiore libertà – ha aggiunto -. Ovviamente non posso garantire oggi la libertà del movimento fra diversi Regioni perché è un momento di osservazione; è una fase 2 molto iniziale e ci sono 12 regioni che hanno meno di 12 infetti. È come se all'Italia fosse stata data una lettera di dimissioni dopo una brutta malattia: bisogna aspettare queste due settimane e vedere come va. Noi dobbiamo essere pronti a non farci prendere alle spalle da eventuali altri contagi".

13 maggio 07:50 Federfarma e la guerra delle mascherine: “Farmacisti vittime della confusione”

Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Sulle mascherine "è stata fatta tanta confusione e le vittime siamo noi farmacisti che stiamo al banco, al contatto col pubblico. Siamo stati vittime anche della speculazione che fin dal primo momento è stata fatta sul prezzo delle mascherine. Quando c'è stato l'aumento della domanda, il prezzo delle mascherine per noi farmacisti è aumentato anche di 10 volte, questo ha fatto sì che noi abbiamo dovuto venderle ad un prezzo molto alto". A parlare è Vittorio Contarina, vicepresidente di Federfarma nazionale, presidente di Federfarma Lazio, ospite del programma ‘L'imprenditore e gli altri' su Radio Cusano Tv Italia. "I cittadini davano la colpa a noi che siamo passati come speculatori e affamatori del popolo – ha aggiunto -. A fine aprile il commissario Arcuri, senza parlare con i rappresentanti delle categorie, ha stabilito con un comunicato che le mascherine sarebbero costate 50 centesimi. Un prezzo così basso ha provocato diverse problematiche, ha comportato che i farmacisti che le compravano a un 1 euro si sono trovati a non sapere che fare, se le vendevano a più di 50 centesimi andavano contro l'ordinanza di Arcuri, se le vendevano sottocosto si ritrovavano in contrasto con la legge anti-riciclaggio. Poi ci hanno detto che l'ordinanza va in deroga alla legge anti-riciclaggio quindi abbiamo potuto iniziare a venderle. Il Commissario Arcuri ci ha accusati dicendo che è colpa nostra se non si trovano le mascherine. Poi la gente se la prende con noi perchè si dimentica di dire che c'è l'iva e quindi non costano 50 centesimi ma 61 e noi veniamo insultati per questo. La Guardia di finanza spesso ci sequestra le mascherine perché arrivano, e mi domando chi è che le fa entrare, con certificati non in regola. Non accettiamo più di passare come speculatori. Ci sono stati diversi esponenti politici che hanno preso le distanze da Arcuri: Italia viva e Beatrice Lorenzin nella maggioranza e Fdi e Lega nell'opposizione" conclude Contarina.

13 maggio 07:39 Papa Francesco prega per studenti e docenti: “Il Signore dia loro coraggio e successo”

"Preghiamo oggi per gli studenti, per i ragazzi che studiano e per gli insegnanti, che devono trovare nuove modalità per andare avanti nell'insegnamento. Il Signore li aiuti in questo cammino, gli dia coraggio e anche un bel successo". Lo ha detto Papa Francesco nell'introduzione della messa mattutina a Santa Marta, in onda anche su Rai 1.

13 maggio 07:29 Record di vittime in Brasile per Coronavirus: 881 nuovi morti nelle ultime 24 ore

Il Brasile ha registrato nelle ultime 24 ore 881 morti per Coronavirus, il numero più alto nel paese sudamericano dall'inizio della pandemia. Sale così a 12.400 il totale dei decessi. Il ministero della Salute ha riferito di altri 9.258 casi, che portano così a 177.589 il totale dei contagi. Un dato che fa del Brasile il settimo paese al mondo per numero di infezioni, superando la Germania con 173.034.

13 maggio 07:17 Negli Usa 1900 nuovi morti nelle ultime 24 ore, ma per Fauci il bilancio è superiore

I morti per Coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore sono stati 1.894. È quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University. I casi totali di contagio nel Paese sono 1,36 milioni e i decessi complessivi 82.340. Tuttavia, secondo il famoso immunologo Anthony Fauci il bilancio delle vittime è "quasi certamente" superiore a quello ufficiale. Fauci, davanti alla Commissione salute del Senato, ha spiegato che la conta ufficiale non tiene conto delle persone decedute a causa del virus che non si sono recate negli ospedali del paese, e che dunque non hanno ottenuto una diagnosi. "Non posso dire con esattezza quanto più alto sia in termini percentuali. Data la situazione, specie nella città di New York, che si è davvero misurata con una sfida alla tenuta del suo sistema sanitario, potrebbero esserci state persone decedute a casa, che erano contagiate dalla Covid ma non sono state classificate come tali, perchè non hanno mai raggiunto un ospedale", ha dichiarato l'infettivologo. Alla domanda della senatrice democratica Patty Murray su cosa succederebbe se non si seguissero le linee guida degli esperti di salute sulle fasi della riapertura, l'esperto ha affermato che "non vi è alcun dubbio sul fatto che, anche nelle migliori circostanze, una volta passati alla fase della mitigazione vedremo riapparire nuovi casi, e la capacità di rispondere a quei casi con l'isolamento e un buon tracciamento dei contatti determinerà se sarà possibile continuare ad andare avanti nel tentativo di riaprire l'America. La mia preoccupazione è che potremo assistere nuovamente a piccoli picchi che potrebbero trasformarsi in focolai", ha aggiunto

13 maggio 07:00 Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia e nel mondo di mercoledì 13 maggio

In Italia sono 221.216 i casi positivi al Coronavirus, con un incremento di 1402 contagi rispetto al giorno precedente. Dei casi totali, 30.911 morti e 109.039 guariti. Ecco i casi regione per regione:

Lombardia: 82.904

Piemonte: 28.889

Emilia Romagna: 26.929

Veneto: 18.782

Toscana: 9.802

Liguria: 8.863

Lazio: 7.212

Marche: 6.568

Campania: 4.615

Trento: 4.303

Puglia: 4.337

Sicilia: 3.343

Friuli VG: 3.148

Abruzzo: 3.115

Bolzano: 2.572

Umbria: 1.419

Sardegna: 1.344

Valle D'Aosta: 1.160

Calabria: 1.138

Basilicata: 387

Molise: 386

La prossima data cardine della Fase 2 è lunedì 18 maggio, così come annunciato dal premier Giuseppe Conte nel suo ultimo discorso di aprile: a partire dal prossimo lunedì, infatti, le Regioni potranno riaprire negozi e attività in modo autonomo, fermo restando il monitoraggio della situazione sui contagi. Spunta anche l'ipotesi degli spostamenti tra regioni a partire dal 1 giugno, in base a criteri da seguire. Si allunga dunque la lista di ordinanze regionali che pianificano per lunedì 18 maggio l'apertura delle attività commerciali e dei servizi per la persona, come parrucchieri e centri estetici: tra questi la Campania, il Lazio, la Sicilia, il Friuli Venezia Giulia, la Liguria, la Toscana e l'Emilia Romagna, in cui si pensa di aprire anche le spiagge. In Piemonte rischio stop alle riaperture da lunedì prossimo se l'indice di contagio R0 non si abbassa. Intanto l'Inail diffonde le indicazioni da seguire per la riapertura di bar e ristoranti, nonchè delle spiagge, anche quelle libere.

Sono oltre 4 milioni i contagi da Coronavirus nel mondo: gli Stati Uniti sono il Paese più colpito, a seguire Spagna, Regno Unito, Russia e Italia. Dopo l'aumento dei casi in Corea del Sud, continuano a crescere nuovamente i contagi nella capitale Seul, che arrivano a quota 101: l'infezione si sarebbe propagata tra i clienti di locali e night club. A New York smantellato l'ospedale da campo a Central Park, allestito nei primi giorni della pandemia. Intanto a Wuhan vengono effettuati test a tappeto su tutti i residenti per evitare il rischio di una seconda ondata del contagio; il dottor Anthony Fauci avverte gli USA del rischio di una riapertura nel generare un elevato numero di "morti inutili". In Brasile, nonostante il contagio sia ancora tutt'altro che sotto controllo, il presidente Bolsonaro riapre anche i parrucchieri e le palestre. In Russia è stato contagiato dal Coronavirus il portavoce di Putin.