1.189 CONDIVISIONI
Covid 19
11 Marzo 2021
07:10
AGGIORNATO12 Marzo

Le notizie sul coronavirus dell’11 marzo

1.189 CONDIVISIONI

Le notizie sul Coronavirus Covid-19 in Italia e nel mondo e i dati di giovedì 11 marzo 2021. L'Aifa ha vietato l'utilizzo di un lotto di vaccino covid AstraZeneca in tutta Italia per possibile reazione avversa. Draghi interverrà domani sul tema. L’azienda: “Nessuna prova dell’aumento di rischio di embolia o trombosi”. Esclusa intanto correlazione tra la morte di un militare e la somministrazione del vaccino. Si va verso un nuovo Decreto al posto del Dpcm con nuove misure restrittive come chiesto dal Cts. Vertice tra Governo e Regioni, domani nuovo Consiglio dei ministri per decidere. Draghi attende il nuovo monitoraggio dell'Iss che porterà al cambio di colore di alcune regioni: verso zona rossa per Piemonte, Lombardia e altre Regioni. Campania intanto chiude mercati, parchi, piazze e lungomari. Report Gimbe: +66% di nuovi ingressi in terapie intensive nelle ultime tre settimane. Speranza: “Aspettiamo fino a 80 milioni di dosi di vaccini anti covid entro fine estate”. Iss: variante inglese domina su quella brasiliana e sudafricana. L'Ema ha approvato il vaccino Covid di Johnson & Johnson. L'Italia supera i 6milioni di vaccinati con la prima dose mentre sono 1,8 i vaccinati completi. Nel mondo 118 milioni di contagi e 2,6 milioni di decessi covid. In Germania terza ondata covid, 14mila casi e 321 decessi in 24 ore. In Brasile record di morti: 2.286 nelle ultime 24 ore. La Danimarca ha sospeso l'uso del vaccino Astrazeneca per ulteriori esami su reazioni avverse.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19
11 Marzo
22:39

Vaccino AstraZeneca pericoloso per la salute? Galli: “Temo sia una clamorosa bufala”

Il professor Massimo Galli, infettivologo dell’Ospedale Sacco di Milano, ha commentato il blocco di un lotto del vaccino anti Covid di AstraZeneca: “C’è necessità di fare le doverose indagini in proposito, ma temo proprio che sia una clamorosa bufala e che questa cosa farà molto danno senza che ce ne sia molto motivo purtroppo”.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
22:27

Vaccino Astrazeneca, Magrini (Aifa): "I dati dell'Ema sono rassicuranti"

Nicola Magrini, direttore generale dell'Agenzia del farmaco italiana, tranquillizza gli italiani sul ritiro del lotto di vaccino AstraZeneca: "Si tratta di una misura cautelativa – spiega – per fare esami di qualità sul prodotto". Tuttavia "i dati che arrivano all'Ema da parte di tutti i Paesi sono rassicuranti".

A cura di Tommaso Coluzzi
11 Marzo
22:22

Lopalco: "Grazie ai vaccini e all'arrivo dell'estate potremmo lasciarci alle spalle la pandemia"

Il Prof. Pier Luigi Lopalco
Il Prof. Pier Luigi Lopalco

"Grazie alla vaccinazione e all'arrivo dell'estate speriamo di lasciarci presto alle spalle questa pandemia". A dirlo è stato l'assessore alla sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, che oggi ha visitato quattro centri vaccinali allestiti dalla Asl di Brindisi: quello di Fasano, all'interno del centro commerciale Conforama, il Palasport 2006 di Ceglie Messapica, il centro vaccinale di Latiano, nel Pio Istituto Caterina Scazzeri, e quello ospitato dal centro anziani di Bozzano, a Brindisi. L'assessore, accompagnato dal direttore generale Asl, Giuseppe Pasqualone, e dal direttore del Servizio di Igiene e Sanità pubblica, Stefano Termite, ha iniziato il suo giro da Fasano, uno spazio di 4000 metri quadri messo a disposizione dai responsabili del centro commerciale per la realizzazione del più grande hub vaccinale della Puglia, con un potenziale di 3000 vaccini somministrabili al giorno. A Ceglie, poi, ha assistito alle operazioni di vaccinazione in corso negli 8 box del Palasport 2006, altro spazio hub allestito in collaborazione col Comune. Spostatosi a Latiano, Lopalco ha incontrato il sindaco del paese, Cosimo Maiorano, che lo ha accompagnato nei locali del Pio Istituto Caterina Scazzeri, dove tra pochi giorni si cominceranno a somministrare le prime dosi di vaccino. Ultima tappa a Brindisi, nei 1000 metri quadri del centro anziani di Bozzano, uno dei primi attivi nella provincia brindisina.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
21:51

Positivi al Covid escono di casa per andare al funerale di un parente: 4 denunce

Positivi al Covid-19 e sottoposti a isolamento domiciliare, sono usciti di casa per partecipare al funerale di un parente, ma sono stati scopertui e denunciati dai Carabinieri. Protagoniste della vicenda sono quattro persone di Pianella (Pescara), denunciate a piede libero dai militari dell'Arma della locale Stazione, al termine degli accertamenti. Il fatto è avvenuto a Spoltore, dove si sono svolte le esequie. Ulteriori accertamenti sono in corso con l'obiettivo di chiarire la posizione sanitaria degli altri parenti presenti ai funerali.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
21:43

Toti: "Con Rt a 1,08 la Liguria potrebbe tornare arancione"

"Si sta per concludere la seconda settimana in cui la Liguria è rimasta in zona gialla, nelle prossime ore attendiamo da Roma la decisione sulla nuova collocazione. Il nostro Rt è salito e oscilla attorno all'1,08, il che dovrebbe riportarci in fascia arancione, anche se l'occupazione dei letti in terapia intensiva e la disponibilità di posti negli ospedali sono sotto controllo". A scriverlo il presidente della Liguria Giovanni Toti su Facebook. "Purtroppo paghiamo ancora l'incidenza che era molto alta nel Ponente ligure: con le misure restrittive che abbiamo applicato i dati sono migliorati ma purtroppo la diffusione del virus negli scorsi giorni ha influenzato il nostro Rt – aggiunge -. La Liguria resta comunque tra le regioni che meglio stanno combattendo il Covid: la scorsa settimana eravamo gli unici in zona gialla, circondati da regioni in zona arancione, ora potremmo passare in arancione mentre le altre rischiano la zona rossa e questo dimostra ancora una volta che le nostre misure, mirate, solo dove serve, stanno funzionando. Così come la decisione di far tornare precauzionalmente le scuole alla didattica a distanza: i dati evidenziano che il numero di classi in quarantena nella nostra regione nella prima settimana di marzo è triplicato rispetto allo stesso periodo del mese precedente e speriamo che con queste misure lungimiranti la curva torni a decrescere". "Intanto le vaccinazioni in Liguria continuano a pieno ritmo – aggiunge il governatore -: finora abbiamo somministrato oltre 166 mila dosi e da lunedì quasi 41 mila cittadini hanno preso appuntamento per il vaccino tramite il medico di famiglia, segno che il sistema, nonostante il rodaggio iniziale, sta funzionando. Nel frattempo stiamo seguendo con attenzione tutte gli aggiornamenti circa la sospensione in via precauzionale da parte dell'Aifa di un lotto del vaccino AstraZeneca. Al momento non c'è alcuna evidenza di un nesso tra i casi di trombosi registrati in Europa e la somministrazione del vaccino. Tutta la nostra sanità è già operativa, Alisa ha informato tempestivamente le Aziende sociosanitarie liguri, che ne hanno sospeso la somministrazione e stanno già effettuando una ricognizione. Secondo i primi dati, in Liguria sono 23 le segnalazioni totali di reazione avversa per AstraZeneca, di cui 9 del lotto interessato. Si tratta di reazioni non gravi, tutte risolte o in fase di miglioramento. Seguiremo con attenzione tutte le evoluzioni per informarvi come sempre in modo trasparente e puntuale".

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
21:01

La Germania non interrompe l'utilizzo di AstraZeneca

La Germania non interrompe la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Lo ha reso noto il Paul Ehrlich Institut, sottolineando che fino ad ora non vi è alcun indizio che vi sia un collegamento fra il decesso avvenuto in Danimarca e il vaccino. L'istituto sottolinea che dopo una prima verifica l'Ema "ha mantenuto la sua valutazione positiva del vaccino autorizzato di AstraZeneca". In Germania è stato annunciato che le dosi AstraZeneca sono consigliate anche per gli ultrasessantacinquenni.

A cura di Susanna Picone
11 Marzo
20:52

AstraZeneca: "No prove aumento rischio embolia o trombosi"

AstraZeneca sta collaborando con le Autorità sanitarie e regolatorie che stanno procedendo agli accertamenti necessari. "Da un'analisi dei nostri dati di sicurezza su oltre 10 milioni di somministrazioni non è emersa alcuna prova di un aumento del rischio di embolia polmonare o trombosi venosa profonda in qualsiasi gruppo di età, sesso, lotto o in qualsiasi paese in cui è stato utilizzato il vaccino  – si legge in una nota -. Il numero di questi eventi è significativamente inferiore nei soggetti vaccinati rispetto al numero osservato nella popolazione generale. AstraZeneca intende inoltre precisare che dagli accertamenti di qualità internamente effettuati a seguito della segnalazione di AIFA, non si sono evidenziati aspetti che possano avere avuto un impatto sulla qualità, sicurezza, efficacia del lotto in questione e di questo è stata prontamente informata l'AIFA".

A cura di Susanna Picone
11 Marzo
20:49

Sospese anche in Sicilia inoculazioni del lotto sospetto di AstraZeneca

Sospesa in via precauzionale anche in Sicilia l'inoculazione del lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca, così come disposto a livello nazionale dall'Aifa. Lo ha comunicato l'assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza, in una conferenza stampa a Palazzo Orleans. "Il lotto in questione – ha detto Razza – non è stato distribuito solo in Sicilia ma anche in altre regioni. Da noi ne sono arrivate 20.500 dosi, ne sono state somministrate 18.194. Delle rimanenti 2.306 abbiamo sospeso l'inoculazione. Ho sentito il ministro Speranza che ci ha confermato la sospensione solo per questo lotto e la richiesta del governo italiano ad Aifa ed Ema di fare controlli a tutto campo. Il nostro auspicio, per evitare che la campagna di vaccinazione possa avere un contraccolpo, è che da parte dell'Aifa e dell'Ema vi siano al più presto delle parole ancora più chiare. Gli italiani e i siciliani hanno vissuto l'avvio della campagna di vaccinazione – ha detto l'assessore – con il sentimento della speranza, che deve ancora oggi permanere, poiché la campagna si avvia al coinvolgimento non solo delle fasce generazionali più adulte". Complessivamente sull'isola, alla data di ieri, sono state distribuite 174.700 dosi di vaccino AstraZeneca, sono state già somministrate 95.642 dosi, secondo il dato che si riferisce alle ore 17 di oggi. Sono previste ulteriori consegne.

A cura di Susanna Picone
11 Marzo
20:46

Domani Mario Draghi parlerà pubblicamente del caso dei vaccini AstraZeneca

Domani alle ore 15.00 il presidente del Consiglio, Mario Draghi, interverrà pubblicamente sulla questione dei vaccini AstraZeneca dopo il blocco di un lotto di dosi. Lo ha comunicato la sua portavoce, Paola Ansuini, rispondendo a un post su Twitter del deputato di Forza Italia Antonio Palmieri che chiedeva a Palazzo Chigi di dissipare i dubbi sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca.

A cura di Annalisa Girardi
11 Marzo
20:37

Vaccino AstraZeneca, Rezza: "Iss farà le verifiche del caso, serve una settimana circa"

"L'Istituto superiore di sanità farà immediatamente tutte le verifiche del caso e tutte quelle analisi che servono a stabilire qual è la qualità delle fiale appartenenti a questo lotto. Ci vorranno comunque alcuni giorni, circa una settimana". Lo ha detto il Direttore Generale della Prevenzione presso il Ministero della Salute Giovanni Rezza intervenendo al Tg1.

A cura di Susanna Picone
11 Marzo
20:28

Come potrebbero cambiare le misure di contenimento

Sarà il Consiglio dei ministri previsto per domattina alle 11.30 a decidere in merito alla stretta anti-Covid. Le ipotesi di cui si è parlato in questi giorni riguardano una zona rossa generalizzata nel weekend e una revisione dei parametri, più severi, con cui scatta la zona rossa.

A cura di Susanna Picone
11 Marzo
20:17

Salvini dice no a chiusure nazionali

Mentre il governo Draghi sta decidendo sulle nuove chiusure, il leader della Lega Matteo Salvini dice no a misure generalizzate in tutta Italia. "Le chiusure se ci sono siano mirate – ha detto Salvini  – ci sono zone più colpite dal contagio e quindi bisogna intervenire velocemente ed efficacemente, ci sono zone meno colpite e non è giusto adottare le stesse misure".

A cura di Susanna Picone
11 Marzo
19:52

Militare morto, il Procuratore: "Nessuna evidenza che la causa sia stata il vaccino"

"Non vi sono evidenze da cui desumere che l'infarto è stato causato o anche concausato dal vaccino". A dirlo il procuratore aggiunto di Trapani, Maurizio Agnello, riferendosi alla morte del vice comandante della sezione di pg dei carabinieri. "Il maresciallo Maniscalco è deceduto per infarto oltre 48 ore dopo la somministrazione del vaccino – continua Agnello – e sono in corso accertamenti di tipo istologico".

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
19:43

Domani Cdm per decidere le nuove misure per contenere i contagi

Non si terrà nessuna cabina di regia questa sera tra il Presidente del Consiglio Mario Draghi e le forze di maggioranza. La decisione sulla nuova stretta da adottare per arginare la corsa del Covid verrà presa direttamente in Consiglio dei ministri, in un vertice che si terrà domani, probabilmente in mattinata. L'ipotesi più accreditata è che scatti l'automatismo della zona rossa una volta superata la soglia dei 250 contagi ogni centomila abitanti, mentre altrettanto probabile è che il governo opti per una stretta significativa a Pasqua. Ma il Cdm dovrà anche decidere se estendere il giro di vite a tutti i weekend, e non solo al fine settimana delle festività pasquali, per arginare la corsa dei contagi. Quest'ultima opzione però è quella maggiormente divisiva per la maggioranza, ecco perché i nuovi numeri della cabina di regia dell'Iss sui contagi e, più in generale, sui 21 parametri da tenere sotto controllo per decidere il passaggio da un'area all'altra saranno determinanti.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
19:33

Molise e Abruzzo sono le prime regioni in Italia per incidenza dei morti

Foto di repertorio
Foto di repertorio

Molise e Abruzzo sono le prime due regioni in Italia per incidenza settimanale dei decessi legati al Covid-19 ogni centomila abitanti. L'incidenza del Molise, nell'ultima settimana, è pari al 9,317, quella dell'Abruzzo a 8,810. Segue, al terzo posto, il Friuli Venezia Giulia, con 7,875. È quanto emerge dalle analisi del ricercatore abruzzese Riccardo Persio, che da mesi analizza i dati dell'emergenza regionali e nazionali. "L'Abruzzo – afferma Persio, dottorando all'Università Kore di Enna – è al secondo per l'incidenza settimanale dei decessi ogni 100mila abitanti, appena dietro al Molise. Questo dato elevato è causato principalmente dal fatto che la recrudescenza del virus in Abruzzo è partita prima rispetto a molte altre regioni italiane. Tuttavia, in Abruzzo si registrano più decessi rispetto alle altre aree colpite precocemente da questa ondata del virus, nello specifico Umbria, quinta, e Bolzano, settima". Dopo Molise, Abruzzo e Friuli, ci sono Emilia Romagna (6,36), Umbria (6,32), Marche (5,15), P.A. Bolzano (4,31), Lombardia (4,25), Piemonte (3,87), Puglia (3,84), P.A. Trento (3,66), Toscana (3,44), Campania (3,3), Liguria (2,95), Veneto (2,74), Lazio (2,31), Sicilia (2,13), Basilicata (1,44), Valle d'Aosta (0,8), Sardegna (0,74), Calabria (0,74)

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
19:23

Il pm che indaga sul militare morto si vaccina con Astrazeneca: "Bisogna avere fiducia"

"Poche ore dopo aver disposto i primi accertamenti sulla morte e sulla somministrazione del vaccino mi sono recato all’hub di Siracusa per vaccinarmi con la prima dose di AstraZeneca. Ritengo sia fondamentale avere fiducia nella campagna vaccinale per superare questa emergenza”. A dirlo il sostituto procuratore Gaetano Bono, titolare dell’inchiesta, coordinata dal procuratore Sabrina Gambino, sulla morte di Stefano Paternò, sottoufficiale della Marina militare ad Augusta, deceduto il giorno dopo essersi vaccinato.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
19:09

Ecco perché non deve preoccupare la sospensione del vaccino AstraZeneca

I lotti ABV5300 e ABV2856 del vaccino anti COVID di AstraZeneca sono stati sospesi in svariati Paesi a seguito dell’emersione di alcune reazioni avverse gravi. Al momento non è nota alcuna correlazione diretta tra il farmaco e gli eventi gravi, se non quella temporale, pertanto sono in corso tutte le indagini delle autorità sanitarie. La sospensione, infatti, è del tutto a scopo precauzionale. Ecco perché non dobbiamo allarmarci.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
19:03

Vaccino, la Spagna invita alla calma: "Continuiamo con AstraZeneca"

Il governo spagnolo ha invitato alla calma sul vaccino AstraZeneca annunciando che continuerà le somministrazioni. "In Spagna, non ci sono stati casi e il rapporto tra il vaccino e i decessi non è stato ancora dimostrato", ha dichiarato alla stampa locale il ministro della Salute, Carolina Darias. "Da noi ci sono casi di trombosi, legati al vaccino, solo effetti collaterali minori", ha aggiunto, invitando a "prudenza e tranquillità". "Siamo in buone mani", ha dichiarato Darias in un'intervista a La Sexta. La Spagna, riporta El Pais, è tra i Paesi che hanno ricevuto lo stesso lotto di vaccino AstraZeneca la cui inoculazione è stata sospesa in Italia per ulteriori accertamenti. Le informazioni ad oggi disponibili indicano che il numero di casi di trombosi, altri eventi di tromboembolismo e altre condizioni correlate a coaguli di sangue nelle persone vaccinate non è superiore a quello osservato nella popolazione generale. Al 9 marzo 2021, erano stati segnalati 22 casi di eventi tromboembolismo tra i tre milioni di persone vaccinate con il prodotto AstraZeneca nella Ue (esclusa quindi la Gran Bretagna), secondo i dati riportati da El Pais.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
18:53

Francia, occupate l'80% delle terapie intensive. Il Governo: "La situazione peggiorerà"

La situazione in Francia è "tesa e preoccupante", questa sera "sono stati superati i 4.000 letti di rianimazione occupati da malati Covid" su un totale di circa 6.000 in tutta la Francia, l'80%. A renderlo noto il ministro della Salute, Olivier Véran, nel consueto punto stampa del giovedì, sottolineando che la situazione "è destinata a peggiorare nelle prossime settimane". Preoccupa "in particolare l'Ile-de-France", la regione di Parigi, e soprattutto per quanto riguarda gli ingressi in rianimazione, ha aggiunto il ministro.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
18:48

Cile, prorogato lo "stato di catastrofe" per la pandemia

Il Parlamento cileno ha approvato una proroga dello "stato di catastrofe" adottato lo scorso anno per fronteggiare la pandemia del coronavirus. Il provvedimento durerà fino al 30 giugno. La richiesta di proroga del presidente Sebastian Pinera ha ricevuto 27 voti favorevoli, otto contrari e otto astensioni ieri sera in Senato, dopo essere stato approvato martedì dalla Camera dei Deputati. Lo ‘stato di eccezione costituzionale di catastrofe dovuta a calamità pubblica' è stato emanato per la prima volta in Cile il 18 marzo dello scorso anno per un periodo di 90 giorni, appena due settimane dopo la conferma del primo contagio di coronavirus nel Paese, e , da allora è stato prorogato tre volte per lo stesso periodo.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
18:38

La Francia: "Non c'è motivo per sospendere la vaccinazione con AstraZeneca"

"Ho investito della questione l'Agenzia nazionale per la sicurezza del farmaco. Secondo loro, non c'è motivo di sospendere la vaccinazione con AstraZeneca": a dirlo il ministro della Salute francese, Olivier Véran, rispondendo a una domanda dei giornalisti durante la conferenza stampa del giovedì.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
18:33

Lotto vaccino AstraZeneca ritirato: sequestri dei Nas in tutta Italia

Sono in queste ore in corso in tutta Italia sequestri precauzionali da parte dei carabinieri dei Nas delle dosi del vaccino anti-Covid di AstraZeneca del lotto ABV2856, che è stato nelle scorse ore bloccato dall'Agenzia Italiana del Farmaco in seguito a una morte sospetta in Italia e ad alcune segnalazioni in Europa. È quanto si apprende da fonti del Ministero della Salute.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
18:27

Papa Francesco: "Chi accumula vaccini resterà vittima della propria miopia"

Papa Francesco, che più di una volta ha chiesto l'accesso a vaccini e cure anti-coronavirus per tutti, "soprattutto i più vulnerabili", in una lettera al giudice argentino Roberto Andrés Gallardo, si è scagliato contro coloro che "accumulano vaccini". Ne parla il giornale argentino La Nacion. Il Santo Padre ha scritto a Gallardo per ringraziarlo del lavoro che sta svolgendo sul problema della carenza di vaccini insieme al Comitato Panamericano dei Giudici per i Diritti Sociali e la dottrina francescana. "Chi accumula vaccini, chi mette l'accento sulla proprietà intellettuale, chi blocca la fornitura di medicinali, ha torto e alla fine sarà vittima della propria miopia", ha avvertito il Pontefice, in un'epistola a questo magistrato che è stata più volte in Vaticano, dove nel giugno 2019 ha costituito il Comitato panamericano dei giudici per i diritti sociali e la dottrina francescana.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
18:17

Trapani: autopsia esclude nesso tra morte militare e dose di vaccino AstraZeneca

Non esisterebbe nessun nesso tra la morte di un militare, Giuseppe Maniscalco, di 54 anni, avvenuta a Trapani pochi giorni fa e il vaccino AstraZeneca che avrebbe ricevuto prima del decesso. A stabilirlo l’autopsia che è stata eseguita a Trapani. La Procura aveva aperto nei giorni scorsi un’inchiesta sulla morte del militare dopo la denuncia dei familiari. Il vice comandante della sezione di Polizia giudiziaria presso la Procura di Trapani aveva avuto un malore dopo la somministrazione del vaccino ed era morto. Ma l’Asp di Trapani sta verificando ugualmente se la dose del vaccino utilizzato sia dello stesso lotto sequestrato oggi.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
17:43

Anche la Lombardia ha ritirato il lotto di vaccino AstraZeneca sospetto

"La Direzione Generale Welfare ha ritirato a scopo precauzionale il lotto di vaccini AstraZeneca ABV2856 segnalato dall'Aifa". Lo comunica, in una nota, la Regione Lombardia.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
17:13

Lombardia, 5.849 nuovi contagi e 81 morti nelle ultime 24 ore

La Regione italiana con il più alto numero di nuovi casi è di nuovo la Lombardia, dove i contagi sono stati 5.849 nelle ultime 24 ore e dove sono stati purtroppo registrati altri 81 decessi, per un totale dall’inizio della pandemia di 29.004 morti. Aumentano ancora sia i ricoveri in ospedale (più 134 per un totale di 5.718) sia il numero di persone ricoverate in terapia intensiva: sono 645 (più 28 rispetto a ieri). Ecco il bollettino con i dati di oggi giovedì 11 marzo sui contagi Covid in Lombardia.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
17:08

Il bollettino di oggi: 25.673 nuovi casi e 373 morti

Nelle ultime 24 ore in Italia sono stati diagnosticati 25.673 nuovi casi di Coronavirus. Da ieri si registrano altri 373 morti. La Regione che fa registrare il più alto numero di infezioni su base giornaliera è ancora la Lombardia. È quanto rivela il bollettino odierno del Ministero della Salute sull'emergenza coronavirus.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
17:00

Von der Leyen: "In arrivo 200 milioni di dosi di vaccino Johnson&Johnson"

"Più vaccini sicuri ed efficaci arrivano sul mercato. Abbiamo appena autorizzato l'uso del vaccino di Johnson&Johnson nell'Ue, dopo il parere positivo dell'Ema. Col numero di dosi ordinate, possiamo vaccinare fino a 200 milioni di persone nell'Ue". Così la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, su Twitter.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
16:52

In Umbria 283 positivi e 4 morti: diminuiscono i ricoveri

283 nuovi positivi e 4 morti a fronte di 6.251 tamponi effettuati di cui 3.731 con test molecolare. È l'andamento dell'epidemia in Umbria, dove diminuiscono anche gli ospedalizzati (-6) che diventano 487 mentre restano stabili i numeri relativi alle terapie intensive (80).

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
16:38

Abruzzo, contagi in forte aumento: oggi 608, +236 rispetto a ieri

Sono in totale 58.931 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza. Rispetto a ieri si registrano 608 nuovi casi, con un balzo dei contagi decisamente alto: ieri, infatti, i nuovi casi erano stati 372. I positivi con età inferiore ai 19 anni sono 116, di cui 21 in provincia dell'Aquila, 53 in provincia di Pescara, 30 in provincia di Chieti e 12 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 37 nuovi casi e sale a 1872 (di età compresa tra 53 e 98 anni, 13 in provincia di Chieti, 8 in provincia di Teramo, 12 in provincia di Pescara e 4 in provincia dell'Aquila). Del totale odierno, 12 casi sono riferiti a decessi avvenuti nei giorni e comunicati solo oggi dalle Asl.
Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 44.161 dimessi/guariti (+906 rispetto a ieri).

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
16:27

Campania, 2.981 nuovi casi e 27 morti di Covid

In Campania nelle ultime 24 ore sono stati diagnosticati 2.981 nuovi casi di Coronavirus: tasso di positività al 10,85%, ancora superiore di diversi punti rispetto alla media nazionale. Altri 27 i morti nelle ultime 24 ore. Preoccupano i ricoveri: crescono sia i posti letto occupati nei reparti ordinari, sia nelle terapie intensive: in tutto, 1.648 ricoverati in Campania.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
16:20

Anche in Molise somministrato il lotto Astrazeneca bloccato

Il lotto ABV2856 del vaccino Astrazeneca, per il quale l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo su tutto il territorio nazionale, è stato distribuito e somministrato anche in Molise. Lo riferisce, interpellato dall'ANSA, il direttore generale dell'Azienda sanitaria regionale (Asrem), Oreste Florenzano. Lo stop, a seguito della segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
16:13

La Camera ha approvato il decreto Covid-elezioni

Dopo l'ok del Senato la Camera dei Deputati ha dato il via libera definitivo al decreto Covid-elezioni: 220 i voti favorevoli, 25 i contrari e 132 gli astenuti. Ad astenersi sono stati i deputati della Lega, che hanno deciso di non votare a favore di un provvedimento introdotto dal precedente governo, guidato da Giuseppe Conte. Ecco cosa prevede.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
16:06

Puglia, 1.634 nuovi contagi e 17 morti di Covid

Il Prof. Pier Luigi Lopalco
Il Prof. Pier Luigi Lopalco

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati diagnosticati 1.634 nuovi contagi da coronavirus, secondo il bollettino di oggi 11 marzo. Registrati inoltre altri 17 morti. Continua a crescere in modo notevole il numero di nuovi casi positivi, nonostante il calo dei test: a fronte di 10.938 tamponi per l'infezione da coronavirus, sono stati registrati 1.634 contagi. Ieri i nuovi casi erano 1.571 su 12.262 test, si legge nel bollettino epidemiologico quotidiano stilato dalla Regione sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute, Vito Montanaro. Sono stati registrati 17 decessi (ieri erano 27) e in tutto, in Puglia, sono morte 4.205 persone.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
15:41

Nella nuova mappa europea del contagio 5 regioni in rosso scuro

L’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha pubblicato la nuova mappa delle zone ad alto rischio contagio da Covid-19 nell’Ue. Per quanto riguarda l’Italia, Campania, Marche, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e province autonome di Trento e Bolzano sono le aree colorate in rosso scuro.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
15:35

Militare siciliano morto dopo vaccino AstraZeneca: 10 indagati

Dieci persone sono state iscritte nel registro degli indagati dopo la morte di Stefano Paternò, sottufficiale della Marina militare ad Augusta di 43 anni, che il giorno prima di avere un attacco cardiaco aveva ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. Nel registro degli indagati tutta la catena di distribuzione del vaccino, dalla società AstraZeneca che lo produce, fino al personale sanitario dell’ospedale militare che si è occupato direttamente dell’inoculazione. L’accusa per tutti è di omicidio colposo.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
15:32

Speranza: "Con vaccino J&J abbiamo un'arma in più contro il Covid-19"

"Ora abbiamo uno strumento in più per combattere il Covid-19. Uno strumento particolarmente utile perché si tratta del primo vaccino monodose. Manteniamo alta l’attenzione di tutte le istituzioni sanitarie, italiane e internazionali, sulla sicurezza e sulla sorveglianza. Sono i vaccini la chiave più importante per vincere la sfida contro la pandemia". È il commento del Ministro della Salute Roberto Speranza alla notizia dell'approvazione, da parte dell'EMA, del vaccino Johnson & Johnson.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
15:28

Friuli, 991 nuovi casi e 16 morti nelle ultime 24 ore

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 7.537 tamponi molecolari e 3.250 test rapidi antigenici sono stati rilevati complessivamente 991 nuovi contagi. Un numero così alto di nuovi casi non si vedeva dal 9 gennaio, quando i positivi registrati erano stati 1.015. I decessi registrati sono 16. I ricoveri nelle terapie intensive scendono a 61 (tre in meno) mentre quelli negli altri reparti salgono a 497 (otto in più). Dall'inizio dell'emergenza i decessi complessivamente ammontano a 2.971, con la seguente suddivisione territoriale: 661 a Trieste, 1.501 a Udine, 606 a Pordenone e 203 a Gorizia. I totalmente guariti sono 65.089, i clinicamente guariti 2.385, mentre le persone in isolamento oggi risultano essere 12.616.

A cura di Davide Falcioni
11 Marzo
15:09

Covid, nuova ordinanza in Campania: stop alla vendita al dettaglio di alimenti nei mercati

Nuova ordinanza della Regione Campania: stop anche alla vendita al dettaglio di alimenti, prodotti agricoli e florovivaistici nei mercati, che nell’ordinanza invece pubblicata appena 12 ore prima erano rimasti aperti. Una nuova restrizione destinata a far discutere. Restano confermate invece le chiusure anti-assembramenti di piazze e lungomari.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
15:03

Mappa covid Ue: Italia sempre più rossa

Italia sempre più rossa nelle mappe covi dell'Ecdc dell'Ue. Campania, Marche e Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e province autonome di Trento e Bolzano sono le aree colorate in rosso scuro nella mappa aggiornata del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc). La settimana scorsa le aree a più alta incidenza Covid in Italia erano solo le province autonome e l'Emilia Romagna.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
14:51

Insulti e minacce online a Mattarella per l’emergenza covid: scattano perquisizioni in tutta Italia

Sergio Mattarella in attesa del vaccino
Sergio Mattarella in attesa del vaccino

L’inchiesta vede al centro una serie di messaggi di odio, insulti e minacce via social indirizzati al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, già dalla scorsa primavera, quando è esplosa l’emergenza coronavirus nel nostro Paese: il reato ipotizzato è quello di offesa all’onore e al prestigio del capo dello Stato. Oggi sono scattate le perquisizioni della Digos in diverse città italiane e ci sarebbero già 10 indagati.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
14:35

Ema approva il vaccino Covid di Johnson & Johnson: in arrivo 200 milioni di dosi per l’Ue nel 2021

Via libera dell’Ema al vaccino anti Covid di Janssen, divisione farmaceutica di Johnson & Johnson. Secondo gli accordi, dovrebbero arrivare nell’Ue 200 milioni di dosi entro la fine del 2021 e a partire dal secondo trimestre. La decisione dovrà essere recepita in Italia dall’Aifa. Tra le caratteristiche del siero il fatto che è monodose ed efficace contro le varianti. È il quarto siero ad ottenere il via libera da Bruxelles nella lotta al Coronavirus, dopo quelli di Pfizer, Moderna e AstraZeneca. Secondo gli accordi, la multinazionale dovrebbe inviare 200 milioni di dosi nel 2021 all'Ue, di cui 55 milioni solo nel secondo trimestre dell'anno, anche se nei giorni scorsi erano trapelate indiscrezioni su un possibile ritardo nella consegna. Se tutti i tempi dovessero essere rispettati, si potrà procedere ad una decisa accelerazione della campagna di vaccinazione nei Paesi europei, Italia inclusa.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
14:32

L'Aifa ha vietato l'utilizzo di un lotto di vaccino covid AstraZeneca in tutta Italia

Con provvedimento urgente l'Aifa ha disposto l'immediato divieto di utilizzo di un lotto di vaccino anti covid AstraZeneca in tutta Italia. Lo ha comunicato oggi la stessa Agenzia italiana del farmaco. Il lotto interessato è il numero ABV2856 del vaccino AstraZeneca. La decisione è stata assunta in via precauzionale ma è arrivata a seguito della segnalazione di alcuni eventi avversi gravi su persone vaccinate con questo tipo di antidoto e su cui devono essere svolte ulteriori analisi. "A seguito della segnalazione di alcuni eventi avversi gravi, in concomitanza temporale con la somministrazione di dosi appartenenti al lotto ABV2856 del vaccino AstraZeneca anti COVID-19, AIFA ha deciso in via precauzionale di emettere un divieto di utilizzo di tale lotto su tutto il territorio nazionale e si riserva di prendere ulteriori provvedimenti, ove necessario, anche in stretto coordinamento con l’EMA, agenzia del farmaco europea" spiega una nota dell'Aifa.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
14:27

Sileri: "Entro l'estate 2/3 delgi italiani avrà avuto prima dose del vaccino anti covid"

Entro l'estate 2/3 delgi italiani avrà avuto almeno la prima dose del vaccino anti covid, ne è convinto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, secondo il quale per ottobre oltre la maggioranza degli italiani avrà ricevuto anche la seconda dose. "All'inizio dell'estate i due terzi della popolazione avranno ricevuto la prima dose, di vaccino e per ottobre due terzi della popolazione avrà ricevuto anche la seconda" ha detto il sottosegretario a 24Mattino su Radio 24. Nei prossimi giorni "potrà essere necessaria qualche stretta in più dove i contagi corrono di più o per delle giornate in cui il rischio di esposizione può essere maggiore ma bisogna aspettare i dati della cabina di regia. Bisogna però non comunicare all'ultimo momento le variazioni e lasciare il tempo alle persone per organizzarsi: non vi sarà una chiusura dall'oggi al domani, ma ci sarà il tempo per la preparazione" ha aggiunto Sileri.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
14:06

I parlamentari vogliono priorità sui vaccini covid

I parlamentari vogliono priorità sui vaccini covid insieme ai sindaci. I parlamentari in pratica vogliono vaccinare deputati, senatori e sindaci prima delle altre categorie: lo prevede un atto di oltre 30 senatori, ma anche la richiesta di singoli parlamentari e un ordine del giorno approvato dalla Camera. La richiesta è quella di vaccinare contro il Covid prima i parlamentari e i sindaci, considerandoli categorie più a rischio di altre. Ma c’è già chi si oppone, come Matteo Salvini e lo stesso  presidente dell’Associazione dei comuni il sindaco di bari Antonio Decaro.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
13:53

Ilaria Capua: "Dobbiamo stare fermi altri 2 mesi poi è passata, i vaccini fanno miracoli"

"Dovremo gestire le scie della pandemia e dovremo farlo con l’approccio adatto per una situazione che si è trasformata. Ora la soluzione è stare fermi: si tratta di 2 mesi e siamo dall’altra parte. Bisogna stare a casa, evitare gli spostamenti e uscire il meno possibile, solo se indispensabile. Il vaccino sta facendo miracoli. Quando avremo una buona percentuale di soggetti fragili vaccinati, gli ospedali si svuoteranno e tutto tornerà nella giusta direzione" lo ha affermato la virologa Ilaria Capua direttore dell'UF One Health Center dell'Università della Florida.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
13:45

Sottosegretario alla Salute Costa positivo: in isolamento in covid hotel

Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa è risultato positivo al Covid-19, lo ha annunciato lui stesso spiegando di essere ora in isolamento in un covid hotel. "Sono risultato positivo a seguito di uno screening di routine programmato precedentemente", ha spiegato, aggiungendo: "Mi sono posto immediatamente in isolamento e sono in un Covid Hotel a Roma. I miei collaboratori, risultati negativi al tampone, sono comunque in isolamento fiduciario. Il sottosegretario dice di stare bene. "Ho solamente qualche leggero sintomo e sto continuando a lavorare da remoto" ha sottolineato, ricordando che "il rischio del contagio è sempre alto e non bisogna mai abbassare la guardia"

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
13:34

Covid, Ricciardi: "Con scelte giuste oggi avremmo normalità"

"Se avessimo fatto altre scelte giuste al tempo giusto, oggi saremmo in condizioni normali". Lo ha detto Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute intervenendo a un evento online sul tema "Vaccino, come ricominciare". Se i miei avvertimenti fossero stati ascoltati oggi potremmo vivere normalmente". Per Ricciardi non si tratta di applicare il lockdown ma di una strategia no covid, che parte dal lockdow, ma non in modo asettico: va definita l'area da liberare". Poi "bisogna attivare una campagna di motivazione e mobilitazione per liberarsi dal virus in 5-6 settimane e tornare alla vita normale. Normalmente basterebbe un lockdown di 3 settimane, quando la circolazione e' molto intensa come da noi allora servono 5-6 settimane". Ovviamente, aggiunge Ricciardi, "va accompagnato da aiuti per le attività". Questa strategia, quindi, richiede enormi sacrifici iniziali ma è di gran lunga migliore rispetto a un lungo yoyo". “Dobbiamo assolutamente vaccinare quanto prima possibile e quanto più possibile, ma dobbiamo anche capire che il vaccino di massa non sarà l’arma di liberazione che ci garantirà il ritorno alla normalità. L’unica cosa che ce la garantirà è la combinazione di più armi” ha aggiunto l'esperto.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
13:24

In Alto Adige oggi 204 nuovi casi e un decesso covid

Nelle ultime 24 ore in Alto Adige registrato un decesso per covid e 204 nuovi casi di coronavirus. L'Azienda sanitaria ha analizzato 1.486 tampini molecolari, registrando 133 contagi. Dei 10.195 test antigenici eseguiti ieri 71 erano positivi. Attualmente nella provincia di Bolzano sono ricoverati 364 pazienti: 44 in terapia intensiva (di cui 3 in Austria), 169 nei normali reparti e 151 nelle cliniche privati. In quarantena attualmente vi sono 5978 altoatesini.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
13:12

AstraZeneca: "Nostro vaccino è sicuro"

Dopo lo stop della Danimarca alla somministrazione del vaccino AstraZeneca, per verifiche sulla sua sicurezza, la casa farmaceutica AstraZeneca rassicura con una nota che il suo antidoto è sicuro. "La sicurezza del vaccino" contro il Covid "è stata ampiamente studiata nei trial clinici di fase 3 e i dati sottoposti a peer-review confermano che il vaccino è generalmente ben tollerato", si legge nella nota di AstraZeneca che ricorda che lo stop in Danimarca è precauzionale

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
13:03

Coronavirus Veneto, 1.677 nuovi positivi e 22 decessi in 24 ore: "Variate inglese al 70%"

Sono 1.677 i nuovi positivi al coronavirus in Veneto nelle ultime in 24 ore, in leggera crescita rispetto a ieri, a fronte di 43 mila test tra tamponi antigienici (16732) e molecolari effettuati nell'ultima giornata. L'incidenza totale  è del 3,9% quella sui soli molecolari è del 10%. Crescono anche i ricoveri in terapia intensiva con ulteriori sei posti letto occupati dai pazienti covid per un totale di 154 persone. In totale sono 1.510 i pazienti ricoverati in Veneto: crescono anche i ricoverati in area non critica (+12). Ventidue invece i decessi covid nelle 24 ore per un totale di 10.045 dall'inizio dell'emergenza ad oggi. "Ad oggi, il calcolo della percentuale di presenza della variante inglese sui tamponi effettuati in Veneto è attorno al 70%. Per ora la situazione è stata gestita senza lockdown e spero che se ne venga fuori senza misure durissime" ha spiegato il governatore del Veneto Luca Zaia commentando i dati quotidiani sulla diffusione del coronavirus in regione. "Per quanto riguarda la classificazione siamo sul filo del rasoio tra arancione e rosso, come molte altre regioni, rispetto ai numeri".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
12:57

Primo caso di variante indiana a Firenze, allarme dei medici: "I vaccini anti covid non la bloccano"

A Firenze si è registrato il primo caso di variante indiana del Covid-19. La mutazione del virus ha colpito un’infermiera vaccinata con Pfizer. La donna si è ammalata fino al ricovero in ospedale ma successivamente è guarita.Ad oggi sono 347 i casi segnalati in Italia per questa variante e se ne contano solo qualche migliaio in tutto il mondo. Gli attuali vaccini purtroppo sembrano non siano in grado di bloccarla", lo spiega in una nota Pietro Dattolo, il presidente dell'Ordine dei medici ed odontoiatri di Firenze. "Le prove di laboratorio hanno dimostrato come gli anticorpi neutralizzanti che si formano a seguito della vaccinazione non riescono ad offrire protezione contro questa particolare variante. Ad ora la nostra preoccupazione maggiore deve quindi essere quella di vaccinare il maggior numero di persone il più in fretta possibile in modo da creare una barriera di comunità contro il virus" ha aggiunto Dattolo. Sulla questione legata alla somministrazione per gli over 80, invece, il presidente aggiunge "Devono essere vaccinati prima degli altri. Sono loro le persone più fragili e soggette a rischio di letalità in caso di contagio ed è nostro compito quello di proteggerle. L'Ordine è a completa disposizione, ma la Regione deve mettere noi medici nelle condizioni di poterli vaccinare. Si faccia ricorso a tutti i vaccini disponibili, ma è assolutamente urgente fare in fretta per non veder incrementare la curva della letalità".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
12:45

Nuovo piano vaccini uguale per tutte le Regioni: quali sono le categorie prioritarie

Precedenza ai più anziani e alle persone fragili e poi, via via, si scenderà per fasce d’età: è questo il punto cruciale del nuovo piano vaccinale del governo Draghi che ha l’obiettivo di prevedere regole uniformi su tutto il territorio nazionale, senza distinzioni tra Regioni. Il piano prevede 5 categorie in tutto in base all’età e alla presenza di condizioni patologiche:

–  Categoria 1. Elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili; disabilità grave);

–  Categoria 2: Persone di età compresa tra 70 e 79 anni;

–  Categoria 3: Persone di età compresa tra i 60 e i 69 anni;

–  Categoria 4: Persone con comorbidità di età <60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili;

–  Categoria 5: Resto della popolazione di età <60 anni.

Sono inoltre considerate prioritarie le seguenti categorie, a prescindere dall’ età e dalle condizioni patologiche, quali:

– Personale docente e non docente, scolastico e universitario, Forze armate, di Polizia e del soccorso pubblico, servizi penitenziari e altre comunità residenziali.

Saranno quasi 52 milioni e mezzo le dosi di vaccino previste per l'Italia nel secondo trimestre 2021, per l'esattezza 52.477.454. Di queste dosi, sono previste 10.042.500 da AstraZeneca, 8.766.00 da Pfizer (cui si aggiungono 6,6 milioni di seconde dosi divise tra primo e secondo trimestre), 9.420.515 sempre da Pfizer grazie al secondo contratto, 7.307.292 da J&J (monodose, in via di approvazione), 7.314.904 da Curevac (ancora non approvato) e 4.650.000 da Moderna. Nel terzo trimestre si prevede il massimo degli arrivi, con ben 84,8 milioni di dosi attese di cui 24,7 milioni di AstraZeneca.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
12:24

Somministrate prime dosi del vaccino covid Moderna contro variante sudafricana: test sui già vaccinati

Moderna ha iniziato i test su un richiamo del proprio vaccino progettato per proteggere dalla variante sudafricana del virus SarsCov2. Il primo partecipante alla sperimentazione, spiega un comunicato della compagnia, ha ricevuto l'iniezione, e in tutto saranno 60 le persone arruolate, tutte già immunizzate con la versione originale del vaccino. "I dati pubblicati in precedenza hanno dimostrato che la vaccinazione con il moderno vaccino COVID-19 ha prodotto efficacia contro tutte le varianti chiave testate, inclusa la B.1.1.7, identificata per la prima volta in Uk e la B.1.351, ma quest'ultima con una riduzione di sei volte. Per un'abbondanza di cautela, Moderna sta perseguendo una strategia di sviluppo clinico contro queste varianti emergenti. Un emendamento allo studio di fase 2 arruolerà 60 partecipanti precedentemente vaccinati con mRNA-1273 per ricevere una singola dose di richiamo" spiegano dall'azienda

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
12:14

Piemonte verso zona rossa, indice Rt a 1,41

Il Piemonte verso la zona rossa da lunedì dopo il nuovo monitoraggio dell'Iss. L'Istituto Superiore di Sanità infatti ha comunicato alla Regione il dato dell'indice di contagio Rt, che è salito ora all'1,41. Lo ha reso noto il governatore Alberto Cirio oggi a Cuneo per la tappa del tour di ascolto e condivisone del territorio sulla programmazione dei fondi europei 2021-2027 e sul Recovery Plan. In base alle ultime disposizioni, una regione passa in zona rossa quando l'indice del contagio, appunto l'Rt, supera l'1,25.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
11:59

Il governo prorogherà il blocco dei licenziamenti, ma diventerà selettivo

Il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, conferma che il governo è pronto a prorogare il blocco dei licenziamenti, anche se diventerà selettivo: “Andiamo nelle direzione di una proroga del blocco dei licenziamenti. Oggi possiamo avere uno sguardo più selettivo, che ci consenta non tanto di ridurre le risorse che credo saranno ancora necessarie per molto tempo, quanto di ottimizzare il loro utilizzo”.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
11:42

L’uso di aspirina può ridurre il rischio di ammalarsi di Covid-19, lo studio

L’uso di aspirina può ridurre il rischio di ammalarsi di Covid-19, lo suggeriscono i risultati di un nuovo studio condotto in Israele che ha associato l’assunzione del farmaco a diminuzione del 29% della probabilità di contrarre l’infezione da coronavirus. Osservata anche una potenziale efficacia nel ridurre la durata della malattia. L’osservazione del possibile effetto benefico di basse dosi (75 mg) di aspirina sull’infezione da coronavirus “è preliminare ma sembra molto promettente” indicano i ricercatori, sottolineando l’importanza di confermare i risultati del loro lavoro in studi su larga scala che includano pazienti di altri ospedali e Paesi. “Abbiamo cercato di comprendere meglio i potenziali effetti benefici dell’aspirina nell’aiutare la battaglia del sistema immunitario umano contro la Covid-19.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
11:31

La Danimarca ha sospeso l'uso del vaccino Astrazeneca per 14 giorni per ulteriori esami su reazioni avverse

Il vaccino AstraZeneca
Il vaccino AstraZeneca

La Danimarca ha sospeso l'uso del vaccino anti covid Astrazeneca per 14 giorni per ulteriori test, lo ha annunciato il ministro della salute citando impossibili reazioni avverse come il rischio di coaguli di sangue su cui saranno svolti approfondimenti. "Le autorità sanitarie hanno sospeso, come misura precauzionale, la vaccinazione con AstraZeneca a seguito del segnale di un possibile effetto collaterale grave sotto forma di coaguli di sangue fatali. Al momento non è possibile concludere se esista una connessione. È necessario indagare a fondo" ha scritto il Ministro. Il provvedimento dopo le segnalazioni di casi gravi di coaguli di sangue in persone che sono state vaccinate con il vaccino COVID-19 di AstraZeneca. "In questo contesto", spiega l'autorità danese, "l'Agenzia europea per i medicinali ha avviato un'indagine sul vaccino AstraZeneca. Un rapporto si riferisce a un decesso in Danimarca. Al momento non si può concludere se esista un legame tra il vaccino e i coaguli di sangue"

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
11:13

Coronavirus Toscana, 1302 nuovi casi in 24 ore  su 15975 tamponi

Sono 1.302 i nuovi casi di Coronavirus in Toscana nelle ultime 24 ore su 15975 tamponi analizzati nell'ultima giornata. lo ha comunicato il governatore Eugenio Giani. "I nuovi casi registrati in Toscana sono 1.302 su 25.590 test di cui 15.975 tamponi molecolari e 9.615 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 5,09% (9,9% sulle prime diagnosi)" ha scritto il Presidente della Regione Toscana su Facebook.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
11:03

Basilicata zona rossa, il Tar conferma l'ordinanza

La Basilicata è zona rossa,  il Tar conferma l'ordinanza ritenendo legittimo i provvedimento del ministero della Salute che ha disposto la ‘zona rossa' nell'intero territorio della Basilicata. Bocciato il ricorso presentato da 9 avvocati residenti in altrettanti comuni lucani. "Non è contestabile, tenuto conto dei documenti istruttori che sorreggono l'ordinanza ministeriale impugnata, che sussistessero i presupposti per l'istituzione nel territorio della regione Basilicata di una ‘zona rossa'", si legge nella sentenza, dato quanto rilevato dalla cabina di regia, ossia "un'incidenza settimanale dei contagi superiore a 50 casi ogni 100mila abitanti e uno scenario di tipo 3 con livello di rischio almeno moderato". A fronte di tali evidenze, secondo il Tar, il "ministro della Salute non poteva esimersi dall'istituire una ‘zona rossa' e, per quanto di rilievo ai fini del giudizio, dal ricomprendere in detto perimetro l'intero territorio regionale".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
10:54

Nelle Marche 921 contagi in 24 ore, sale ancora il tasso di positività

Nelle Marche oggi registrati ulteriori 921 contagi nelle ultime 24 ore, numeri che confermano il trend di crescita dei contagi in regione (Ieri erano stati registrati 881 casi). Nell'ultima gironza effettuati 6847 tamponi: 4327 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1511 nello screening con percorso Antigenico) e 2520 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 21,3%). Intanto procede il piano vaccinazioni e superate le 155.000 dosi di vaccino anti Covid-19 somministrate. Ad oggi sono 176.810 le dosi vaccinali consegnate alla Regione, di cui 155.014 quelle somministrate, per una percentuale dell’87,7%.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
10:40

L'Ema ha iniziato valutazione di un altro anticorpo monoclonale come cura anti covid

L'Ema ha iniziato valutazione di un altro anticorpo monoclonale come cura anti covid, lo ha annunciato la stessa agenzia europea per i farmaci. "L'EMA ha avviato la revisione progressiva degli anticorpi bamlanivimab ed etesemivab, sviluppati da Eli Lilly per essere utilizzati in combinazione per il trattamento della COVID19" ha spiegato l'ente europeo rivelando che la valutazione esaminerà anche il bamlanivimab usato da solo

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
10:27

Toti: "Anche se arrivassero altri vaccini covid l'Italia non sarebbe in grado di somministrarli"

"Se arrivassero tutti i vaccini che ci hanno promesso i contratti, non saremmo in grado di somministrarli perché abbiamo sbagliato la programmazione" lo afferma il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, criticando il piano vaccinale nazionale. "L'Europa ha sbagliato moltissimo, ma quanto abbiamo sbagliato noi nel decretare tre diverse tipologie di uso di AstraZeneca che avevamo già in mano nelle ultime tre settimane? I piani vaccinali delle Regioni sono stati fatti e disfatti tre volte. Non abbiamo infermieri per fare i vaccini. Non aver pensato di allargare le professioni sanitarie che possono mettere un ago nella spalla è un altro errore" ha aggiunto il governatore in vista del nuovo piano vaccinale. "Per quel che dirà Draghi +abbiamo già praticamente fatto la riunione. Sappiamo che chiuderemo a Pasqua, sappiamo delle zone rosse, francamente la discontinuità non la vedo: do il beneficio a Draghi che è arrivato da dieci giorni, ma per quanto sia capace, bravo e autorevole, dovrà prendere contezza del mondo che lo circonda" ha aggiunto Toti.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
10:15

Report Gimbe: +66% di nuovi ingressi in terapie intensive nelle ultime tre settimane

Il nuovo monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe, relativo alla settimana 3-9 marzo 2021, mostra un complessivo peggioramento del quadro epidemiologico, con un ulteriore incremento dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente (145.659 vs 123.272). Inoltre per la prima volta da 8 settimane si registra una risalita dei decessi (2.191 vs 1.940). In crescita i casi attualmente positivi (478.883 vs 430.996), le persone in isolamento domiciliare (453.734 vs 409.099), i ricoveri con sintomi (22.393 vs 19.570) e le terapie intensive (2.756 vs 2.327).  In molte Regioni le terapie intensive sono sopra la soglia critica: l’occupazione dei posti in rianimazione a livello nazionale oltrepassa la soglia di allerta (30%) attestandosi al 31%. Particolarmente preoccupante il tasso di occupazione in Molise (67%), Umbria (57%), P.A. Trento (54%), Marche (44%), Lombardia (43%), Abruzzo (40%), Emilia-Romagna (40%).

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
10:03

Quali sono le città italiane più colpite dalla terza ondata di Covid-19

L'Italia è ormai entrata nella terza ondata della pandemia di Coronavirus: da alcune settimane la curva del contagio ha ripreso a risalire, così come la conseguente pressione sugli ospedali e il numero dei decessi, che ha superato quota 100mila. La situazione è particolarmente caotica in alcune città, dove, complice anche la circolazione delle varianti, è stata registrata una impennata di nuovi casi che ha costretto le amministrazioni locali a prendere provvedimenti ulteriormente restrittivi per fermare la trasmissione del virus. Da Bologna a Bari passando per Torino fino a Milano e Brescia, ecco la situazione nei centri e nelle rispettive province dove anche gli ospedali sono in affanno e dove sono state già prese ulteriori misure restrittive.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
09:52

Covid, Usa approvano piano aiuti da 1900 miliardi. Biden ordina altri vaccini: "Se ne avremo di più li condivideremo"

Va libera del Congresso Usa al maxi piano di aiuti economici contro l’emergenza coronavirus voluto da Biden. Si tratta di uno dei più grandi pacchetti di aiuti della storia americana  con un bilancio di 1900 miliardi di dollari. Oltre la metà del pacchetto è destinato alle famiglie attraverso la proroga sino a settembre dei sussidi di disoccupazione da 300 dollari a settimana, l'espansione di un credito d'imposta per i figli a carico e un nuovo pagamento diretto da 1.400 dollari a persona, con un tetto di 75 mila dollari di reddito per un single e 150 mila per una coppia. Intanto il presidente conferma di aver ordinato l'acquisto di altri 100 milioni di dosi del vaccino Johnson &Johnson, assicurando: "Se avremo surplus di vaccini li condivideremo col resto del mondo”. Il Presidente ha assicurato che si prenderà cura prima degli americani ma ha ricordato che "non saremo definitivamente sicuri finché tutto il mondo non lo sarà".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
09:43

A Bologna un 14enne è stato ricoverato in terapia intensiva per Covid: “È grave”

Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Un ragazzo di 14 anni è ricoverato per Covid in terapia intensiva all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Le sue condizioni sarebbero gravi e non avrebbe, secondo i sanitari, patologie pregresse. Solo qualche giorno fa sempre a Bologna era arrivata anche una bimba di 11 anni, la cui prognosi è ancora riservata. Il paziente è stato portato in ambulanza da Modena, dove era arrivato dopo essere risultato positivo al virus. Poi da qui è stato trasferito d'urgenza nel nosocomio bolognese in ambulanza.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
09:28

In Germania terza ondata covid, 14mila casi e 321 decessi in 24 ore

In Germania è arrivata la terza ondata covid, a confermarlo non solo i dati dei contagi e decessi registrati nelle ultime 24 ore ma anche l'analisi dello stesso Robert Koch Institut, l'ente incaricato di monitorare la pandemia nel Paese. Ci sono segnali chiari: la terza ondata della pandemia è già iniziata in Germania" ha dichiarato infatti detto il capo dell'istituto Robert Koch, Lothar Wieler, parlando ai giornalisti dell'associazione delle Nazioni unite Acanu di Ginevra. "Sono molto preoccupato. Distanziamento e mascherine sono ancora necessari" ha aggiunto Wieler. Le autorità sanitarie tedesche hanno riferito oggi di 14.356 nuove infezioni da Coronavirus e di 321 nuovi decessi nelle ultime 24 ore. L'incidenza su 100mila abitanti degli ultimi sette giorni è di 69,1, con un totale di 57.499 contagi nell'ultima settimana e circa 123.100 casi attivi.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
09:20

Il nuovo piano vaccini del governo Draghi: cambia l’ordine di precedenza

Precedenza ai più anziani e alle persone fragili e poi, via via, si scenderà per fasce d’età: è questo il punto cruciale del nuovo piano vaccinale del governo Draghi che ha l’obiettivo di prevedere regole uniformi su tutto il territorio nazionale, senza distinzioni tra Regioni. Novità in arrivo anche per chi somministrerà le dosi, per i centri vaccinali e per il richiamo.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
09:09

"Molti più giovani ricoverati per covid, serve lockdown", l'allarme di Andreoni (Società italiana malattie infettive)

"Noi stiamo vedendo un altro fenomeno che ci preoccupa" legato alle varianti del virus, "sono colpiti di più  i giovani, si ricoverano molto di più i giovani e hanno anche manifestazioni gravi. Questo deve essere monitorato", a lanciare l'allarme è Massimo Andreoni, direttore scientifico Simit (Societa' italiana malattie infettive). "I giovani normalmente non arrivavano in ospedale, ora cominciano ad arrivare e questo è un campanello d'allarme" ha spiegato  Andreoni ad Agorà  su Rai 3. Il fatto che le varianti siano non solo più  trasmissibili, come detto finora, ma anche più aggressive "è evidentemente un elemento di grande preoccupazione perché modifica molto lo scenario epidemiologico e la capacità degli ospedali di rispondere a un eventuale incremento dei numeri". "La nostra grande vera speranza è poter fare una vaccinazione di massa. Io credo che in questo momento bisogna pensare a un lockdown nazionale per raffreddare, in maniera seria, per alcune settimane la circolazione del virus e per  cominciare a fare una campagna vaccinale in una situazione diversa da quella attuale" ha aggiunto l'esperto, concludendo: "Lo considero propedeutico all'idea di avviare davvero una campagna vaccinale; 500-700 mila vaccinazioni al giorno, che si possono fare, bisogna farle in condizioni ideali e allora 2 settimane prima penserei di fare un lockdown nazionale".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
08:50

Quali Regioni potrebbero passare in zona rossa da lunedì 15 marzo: rischiano Lombardia e Piemonte

Attesa per il nuovo monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute potrebbe cambiare ancora la mappa delle Regioni con diversi cambiamenti di colore. IN particolare da lunedì 15 marzo potrebbero esserci alcuni passaggi di fascia verso il rosso: rischiano la zona rossa Lombardia e Piemonte, già arancione rafforzato, ma anche Friuli-Venezia Giulia, Marche ed Emilia-Romagna.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
08:41

Speranza: “Aspettiamo fino a 80 milioni di dosi di vaccini anti covid entro fine estate”

"I contagi fra gli operatori sanitari sono crollati. Abbiamo vaccinato oltre un milione e mezzo di ultra ottantenni e abbiamo cominciato a vedere finalmente una controtendenza rispetto alla salita dei casi. Sei decessi su 10 riguardavano questa fascia. L'atteggiamento ora deve essere di rigore ma anche di fiducia" perché "Aspettiamo qualcosa che è intorno a 50 milioni di dosi di vaccino per il secondo trimestre e si può arrivare fino a 80 milioni di dosi nel terzo trimestre”, lo ha spiegato Il ministro della Salute Roberto Speranza, ospite della trasmissione Accordi e Disaccordi. "A tutti noi piacerebbe dire che è finito e che da domani si riapre tutto ma se riapriamo con un'epidemia in corso poi staremo peggio e dovremo chiudere ancora di più. Oggi è saggio provare a vincere" ha sottolineato Speranza.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
08:26

L'immunologa Viola: "Chiudere le scuole, luoghi a rischio covid, in estate saremo la sicuro"

"La scuola è un luogo a rischio. È impossibile tenere i bambini sempre a distanza con la mascherina ben indossata e le classi sono troppo numerose. Con questa nuova variante così contagiosa  è meglio chiudere le scuole". E' quanto afferma Antonella Viola, immunologa e Professoressa di Patologia generale all'Università di Padova. "Siamo in un momento molto difficile, perché il virus è cambiato ed è più trasmissibile: con le varianti così diffuse su gran parte del territorio, dobbiamo stare più attenti. Un aumento dei contagi è inevitabile, ma abbiamo imparato a gestirlo", ha avvertito Viola in un'intervista al Corriere della Sera, assicurando: "Capisco la frustrazione dei cittadini. Posso solo dire che è l'ultimo sforzo: bisogna tenere duro ancora un mese e mezzo e poi, tra i vaccini e l'estate, l'avremo scampata".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
08:16

Nuovo dpcm, Italia chiusa a Pasqua e nei weekend: sempre più italiani in zona rossa

Il governo si appresta a varare nuove misure anti-contagio che dovrebbero entrare in vigore da lunedì 15 marzo. Le restrizioni riguarderebbero soprattutto i weekend, con chiusure per bar e ristoranti, e un’ulteriore stretta potrebbe arrivare per la settimana di Pasqua. Si va verso regole più stringenti in zona gialla e in zona arancione, oltre a criteri meno rigidi per l’ingresso in zona rossa. Da valutare non ci sono solo forma e tempi, ma anche i modi: si ipotizza che lo strumento del dpcm, almeno in questa occasione, possa essere sostituito da un decreto, come già avvenuto in passato per rafforzare alcune regole introdotte dai dpcm (l'ultimo è entrato in vigore pochi giorni fa, il 6 marzo). Al momento sembra esclusa l’ipotesi di un nuovo lockdown generalizzato, puntando invece su maggiori restrizioni locali, come si sta già facendo, per esempio, in Campania e Puglia.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
08:00

Patuanelli: “Governo studia chiusure a Pasqua come a Natale”

È evidente che si va verso un momento in cui gli spostamenti potrebbero essere generati dalle festività di Pasqua, e che il modello di divisione in fasce di colore deve essere mantenuto. E’ chiaro che nel periodo pasquale alcune misure restrittive dovranno essere implementate come abbiamo fatto a Natale, stiamo ragionando su quale tipo di misure, come zone rosse nei festivi e pre festivi, nel periodo intorno a Pasqua”, lo ha annunciato il ministro per le Politiche Agricole, Stefano Patuanelli, a “Porta a Porta”, ammettendo che nel Governo c’è un dibattito in corso perché “La situazione ci porta a mettere sempre in primo piano un principio di precauzione ma ovviamente dopo un anno di pandemia c’è un tessuto economico molto provato, quindi è chiaro che c’è questa discrasia tra l’esigenza di mettere in campo misure di contenimento della pandemia, dall’altro bisogna sostenere le attività che soffrono”

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:55

In Brasile nuovo record morti: 2.286 decessi covid in 24 ore

In Brasile nuovo record di morti covid mentre la seconda ondata di contagi nel Paese continua a crescere, segnata dal collasso del sistema sanitario in diverse città. Il Brasile ha superato per la prima volta le 2mila morti giornaliere per Covid-19 facendo registrare 2.286 decessi n 24 ore. Il record precedente era stato raggiunto appena martedì con 1.954 morti

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:52

Le zone rosse e arancione rafforzato regione per regione in attesa del nuovo Decreto covid

Quali sono le zone rosse e arancione scuro a livello provinciale e comunale in Italia? Ecco la mappa aggiornata con i colori regione per regione in attesa di scoprire le misure del nuovo decreto (che sostituisce il Dpcm) che sarà illustrato questo pomeriggio e che potrebbe introdurre nuovi parametri per individuare i territori più a rischio.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:48

Quattro Paesi bloccano un lotto del vaccino covid AstraZeneca sospeso in Austria

Dopo l'Austria, altri quattro Paesi hanno bloccato l'uso del lotto del vaccino covid AstraZeneca oggetto di indagine da parte delle autorità di Vienna: si tratta di Estonia, Lituania, Lussemburgo e Lettonia. La decisione di questi quattro Paesi giunge per consentire al Comitato di valutazione dei rischi dell'Ema di condurre un'inchiesta in proposito, secondo quanto si apprende. L'allerta era scattata per i presunti legami tra la sua somministrazione e l'infezione da Covid-19 di quattro pazienti, uno dei quali è poi deceduto. L'Ema ha affermato ieri che attualmente non ci sono prove che il vaccino abbia causato la malattia e che la trombosi non è elencata come un potenziale effetto collaterale del vaccino. Il lotto comprende un milione di dosi ed è stato consegnato a 17 paesi dell'Ue.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:40

Nuovo chiusure, Zaia: "Altri sacrifici solo se si garantisce il reddito"

"Chiusure nei weekend? Nessuno di noi fa salti di gioia. Ma dobbiamo essere onesti intellettualmente e dire che il liberi tutti significherebbe non avere posti negli ospedali per quelli che si ammalano". E' quanto afferma il presidente della regione Veneto Luca Zaia in un'intervista al Corriere della Sera. Il governatore ritiene però che "chiedere altri sacrifici ai cittadini non possa più essere una cambiale da firmare in bianco". "I cittadini sono angosciati dalla mancanza di reddito da una parte e sconcertati da notizie di ogni tipo dall'altra. Qualunque iniziativa del governo sarà efficace soltanto se potrà garantire un reddito, dei rimborsi e anche una prospettiva. Magari partendo da bar, ristoranti, palestre, spettacoli: i simboli di quest'incubo", ha commentato Zaia

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:33

Sileri: "Nuove regioni in zona rossa e chiusure a Pasqua ma no agli stop generalizzati"

"Questa settimana ci saranno altre regioni destinate a cambiare colore, virando verso l'arancione o il rosso, siamo nella fase di piena, ma non per questo servono misure generalizzate piuttosto aumentiamo i controlli", Lo ha dichiarato Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute. "Si propone un ‘contenimento' come lo abbiamo vissuto sotto Natale, ma quello era un periodo diverso, quindici giorni di shopping, di incontri familiari, e c'era un alto rischio di incontri tra le mura domestiche. Nelle prossime settimane, invece, la situazione sarà diversa. Il blocco nei weekend aiuta a impedire gli assembramenti, ma quello si può fare aumentando i controlli", ha spiegato Sileri in un'intervista a La Stampa. Per Sileri "Sarà il tempo utile a vedere i primi benefici delle vaccinazioni. Negli ultimi 10 giorni c'è stato un impulso positivo e dobbiamo accelerare con un altro milione e mezzo di dosi a settimana. A quel punto si potrà davvero vedere la luce in fondo al tunnel".

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:27

In Italia somministrate oltre 6 milioni di dosi di vaccino anti covid

In Italia somministrate oltre 6 milioni di dosi vaccini anti covid. Secondo l'ultimo aggiornamento del report della campagna vaccinale in Italia nel nostro Paese somministrate 6.005.183 di dosi. Sono invece 1.803.693 le persone completamente vaccinate  e cioè coloro a cui  sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino. Tra i vaccinati 2.617.659983 sono Operatori Sanitari e Sociosanitari e 1.291.558 gli over 80. Ecco quali regioni stano vaccinando di più.

A cura di Antonio Palma
11 Marzo
07:18

Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, giovedì 11 marzo

Continua l'emergenza covid in Italia e nel mondo, nell'ultimo bollettino dal Ministero della Salute registrati 22.409 i nuovi casi di Coronavirus . I test effettuati nell’ultima giornata, tra antigenici e molecolari, sono stati 361.040. Dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus i contagi nel nostro Paese sono 3.123.368. Sono 332 i decessi per Covid registrati nell’ultima giornata, per un totale di 100.811 morti dall’inizio dell’emergenza sanitaria. I guariti sono 13.752 per un totale di 2.535.483. I casi attualmente positivi 487.074 (+8.191). La Regione che fa registrare il più alto numero di infezioni su base giornaliera è la Lombardia. I dati relativi agli incrementi regione per regione nelle ultime 24 ore:

Lombardia: +4.422

Veneto: +1.561

Piemonte: +2.086

Campania: +3.034

Emilia Romagna: +2.155

Lazio: +1.654

Toscana: +1.293

Sicilia: +695

Puglia: +1.571

Liguria: +342

Friuli Venezia Giulia: +866

Marche: +881

Abruzzo: +372

Sardegna: +65

P.A. Bolzano: +213

Umbria: +296

Calabria: +283

P.A. Trento: +405

Basilicata: +118

Molise: +80

Valle d'Aosta: +20

Si va verso un nuovo decreto e non un Dpcm con nuove misure restrittive come chiesto dal Cts. Oggi vertice tra Governo e Regioni per illustrare le possibili misure. Draghi attende il nuovo monitoraggio dell'Iss che porterà al cambio di colore di alcune regioni, venerdì nuovo Consiglio dei ministri per decidere. Regioni e Comuni anticipano la stretta: ordinanze da nord a sud. Speranza: “Covid corre veloce, pronte nuove misure per contrastare la variante inglese”. Iss: variante inglese domina su quella brasiliana e sudafricana. L'Italia supera i 6milioni di vaccinati con la prima dose mentre sono 1,8 i vaccinati completi. Si attende il nuovo piano vaccini. Nel mondo 118 milioni di contagi e 2,6 milioni di decessi covid. In Brasile record di morti: 2.286 nelle ultime 24 ore.

A cura di Antonio Palma
1.189 CONDIVISIONI
29684 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni