5 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Alla fine le modelle IA sono molto umane: Emily Pellegrini ha rubato il corpo di un’altra donna

Nelle ultime settimane stanno nascendo sempre più profili sui social che affermano di essere modelle create con l’intelligenza artificiale. In alcuni casi è vero, in altri si tratta semplicemente di foto e video rubati a modelle vere e poi modificati.
A cura di Valerio Berra
5 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nell’arco di qualche minuto una ragazza bionda ha iniziato a seguire su Instagram alcuni giornalisti di questa redazione. Ha 390 follower sulla piattaforma, dice di vivere a Torino e anche se il profilo è stato aperto da poche settimane ha già 19 post e una sequenza di story in evidenza. La ragazza cerca pubblicità. Tra i suoi link c’è anche un profilo Fanvue, piattaforma simile a OnlyFans per pubblicare materiale esplicito. Ma c’è di più. Questa ragazza non esiste. Controllando bene le sue foto si vede dalle ombre, dai colori e dagli sfondi che tutto è stato creato con l’intelligenza artificiale (IA).

Il trend delle modelle create da questi software è iniziato da tempo. I casi sono tanti. Aitana è una modella creata dall’intelligenza artificiale che dice di guadagnare 10.000 dollari al mese. Rebecca Galani è la prima influencer nata in questo modo in Italia. E poi c’è il caso di Emily Pellegrini, modella virtuale con un profilo Instagram da oltre 240.000 follower.

I creatori di questi avatar di solito parlano volentieri con la stampa e raccontano qualche dettaglio per avere un po’ di visibilità in più. Emily Pellegrini è diventata nota perché secondo chi l'ha lanciata sui social avrebbe ingannato anche calciatori e lottatori di MMA. Ma appunto, si sa che i genitori glorificano sempre le imprese dei loro figli. Figuriamoci gli sviluppatori con i loro avatar. E infatti qualche dubbio sulle origini di alcune di queste modelle comincia a circolare.

Come si crea una modella con l’intelligenza artificiale

Nel 2023 i software in grado di creare immagini partendo da algoritmi di intelligenza artificiale sono arrivati al grande pubblico. Midjourney è forse la migliore come resa grafica ma si può accedere solo su abbonamento. Bing Create funziona meno bene ma permette una lunga serie di prove gratuite. Con questi strumenti si può fare un po’ di tutto, dalle fake news alle foto di Papa Francesco con piumini oversize passando per le locandine di finti film della Pixar.

Sicuramente ora è molto facile creare delle modelle artificiali fatte solo di pixel. Spesso, almeno da quello che stiamo vedendo, l’intelligenza artificiale è solo la base di partenza. Magari viene creato un volto con una serie di espressioni. Queste maschere di pixel poi vengono applicate ad altri corpi creati sempre dall’intelligenza artificiali. Tutto si aggiusta alla fine su uno sfondo che a questo punto può essere anche una normalissima fotografia.

Il problema dei corpi di Emily Pellegrini

Emily Pellegrini è per ora il caso più noto. C’è un elemento che rende il suo profilo molto più realistico di quello di altre sue colleghe: i video. Se creare delle foto con l’intelligenza artificiale è alla portata di tutti, creare un video è ancora una sfida complessa. Nel panorama dei software gratuiti, anche quelli migliori non riescono a tenere le stesse forme per tutti i fotogrammi della clip. L’effetto è uno sfarfallamento molto poco naturale.

Nel caso di Emliy no. I suoi video sembrano perfetti. Cambia un po’ il volto ma il corpo ha un effetto molto realistico. Un particolare che ha fatto insospettire qualche utente. E così si è scoperto nel giro di qualche ricerca che c’è un motivo per cui il corpo di Emily Pellegrini è così realistico: semplicemente esiste davvero. Vi lasciamo solo qui sotto l’esempio di un video rubato alla modella australiana Ella Cervetto. I video di Ella Cervetto è di febbraio 2023, quello di Emily Pellegrini dello scorso 1° gennaio.

Emily Pellegrini quindi non è esattamente una modella creata con l’intelligenza artificiale. È un deepfake, un video fasullo in cui il volto di una persona viene applicato sul corpo di un’altra. Una tecnologia spesso usata in modo pericoloso, visto che può diventare un mezzo molto veloce per diffondere fake news o creare materiale per ricatti a sfondo pornografico.

INSTAGRAM | Il confronto tra il video di Ella Cervetto e quello di Emily Pellegrini
INSTAGRAM | Il confronto tra il video di Ella Cervetto e quello di Emily Pellegrini
5 CONDIVISIONI
364 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views