419 CONDIVISIONI
14 Giugno 2022
10:08

Questa pillola è la prima al mondo a far ricrescere i capelli nei pazienti con alopecia

Il farmaco orale, chiamato barnicitinib e commercializzato con il nome Olumiant, ha ricevuto l’approvazione della FDA per il trattamento dell’alopecia areata negli adulti.
A cura di Valeria Aiello
419 CONDIVISIONI
Pazienti degli studi clinici di Eli Lilly, prima e dopo 36 settimane di trattamento con baricitinib
Pazienti degli studi clinici di Eli Lilly, prima e dopo 36 settimane di trattamento con baricitinib

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il primo farmaco orale che fa ricrescere i capelli nei pazienti con alopecia areata, una malattia autoimmune che può interessare una o più parti del corpo, compreso il cuoio capelluto, il viso, il tronco e le estremità, provocando la caduta di capelli e peli, spesso a chiazze. La condizione, che nel mondo si stima colpisca lo 0,2% delle persone indipendente da sesso e razza, può manifestarsi a qualsiasi età e si è recentemente guadagnata le colonne dei giornali attraverso i casi di personaggi noti al grande pubblico, tra cui quello dell’attrice Jada Pinkett, moglie di Will Smith. “L'accesso a opzioni di trattamento sicure ed efficaci è fondamentale per il numero significativo di americani affetti da alopecia grave – ha affermato Kendall Marcus, funzionario della FDA – . L’approvazione di oggi contribuirà a rispondere a una significativa esigenza insoddisfatta per i pazienti con alopecia areata”.

Il medicinale, prodotto dalla società farmaceutica statunitense Eli Lilly, sarà commercializzato con il nome Olumiant (baricitinib) e appartiene una classe di farmaci chiamati inibitori delle Janus chinasi (JAK) che agiscono interferendo con la via di segnalazione cellulare che porta all’infiammazione. Il medicinale, già approvato per il trattamento dell’artrite reumatoide e nella terapia delle forme gravi di Covid-19 in pazienti adulti ospedalizzati, è risultato efficace nel ripristinare la crescita dei capelli pazienti con alopecia areata, come dimostrato in due studi clinici randomizzati e controllati con placebo, promossi da Eli Lilly e pubblicati il ​​mese scorso sul New England Journal of Medicine, che hanno coinvolto 1.200 pazienti con alopecia areata grave.

Quasi il 40% di coloro che hanno assunto il farmaco al dosaggio di 4 milligrammi al giorno ha avuto una ricrescita dei capelli completa o quasi completa dopo 36 settimane, rispetto al 23% del gruppo che ha ricevuto una dose di 2 milligrammi al giorno e il 5% del gruppo placebo. Circa il 45% delle persone nel gruppo a dosaggio più alto ha anche riportato una significativa ricrescita di ciglia e sopracciglia.

Riguardo gli effetti collaterali, i più comuni includevano infezioni del tratto respiratorio superiore, mal di testa, acne, colesterolo alto (iperlipidemia), aumento di un enzima chiamato creatinina fosfochinasi. Il farmaco non è raccomandato per l’uso in combinazione con altri inibitori delle JAK, immunomodulatori biologici, ciclosporina o altri potenti immunosoppressori, e viene fornito con avvertenze e precauzioni, inclusa la raccomandazione di un attento monitoraggio per lo sviluppo di segni e sintomi di infezione durante e dopo il trattamento.

419 CONDIVISIONI
Farmaco anti artrite fa ricrescere i capelli a pazienti con alopecia
Farmaco anti artrite fa ricrescere i capelli a pazienti con alopecia
Per la prima volta le onde sonore sono state utilizzate per far ricrescere le ossa
Per la prima volta le onde sonore sono state utilizzate per far ricrescere le ossa
Pillola antivirale contro il Covid, attenzione all’uso nei pazienti trapiantati
Pillola antivirale contro il Covid, attenzione all’uso nei pazienti trapiantati
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni