Aveva paura di fare tardi al lavoro, così quando ha lasciato la sua auto nel parcheggio dell'ufficio ha completamene dimenticato che suo figlio fosse in macchina con lei. Purtroppo il piccolo, di soli 17 mesi di vita, è rimasto chiuso in quella vettura per otto ore e quando lei è tornata per lui non c'era più nulla da fare. L'episodio si è verificato nella giornata di venerdì 13 luglio, in Florida. Le forze dell'ordine di Pembroke Pines sono state allertate da alcune chiamate che denunciavano la presenza di un bambino lasciato da solo sul seggiolino di una macchina.

Ma quando i soccorsi sono giunti sul luogo indicato non hanno potuto far altro che dichiarane il decesso. Inutili si sono rivelati i tentativi di rianimarlo dopo che i vigili del fuoco sono riusciti a tirarlo fuori dalla vettura. Intanto, è stata aperta un'inchiesta per far luce su quanto successo. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, la mamma del piccolo sarebbe corsa al lavoro dimenticandoselo in macchina. Le elevate temperature che sono state registrate nei giorni scorsi potrebbero essere la causa della morte del bimbo, la cui identità non è stata svelata per proteggere la privacy della famiglia.

Con l'arrivo dell'estate episodi di questo genere sono molto frequenti in tutto il mondo. Tra il 1998 e il 2017 ben 742 bambini sono morti dopo essere stati lasciati in macchina dagli adulti soltanto negli Stati Uniti. Nella maggior parte dei casi, ciò è avvenuto per dimenticanza, causata da stress o stanchezza. Anche in Italia negli ultimi anni si sono registrati fatti affini. L'ultimo, in ordine temporale, si è verificato a Pisa alla fine dello scorso mese di maggio, quando una bambina di un anno è morta dopo che il padre l'ha lasciata in auto nel parcheggio dello stabilimento dove lavora.