367 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Agosto 2021
15:34

Usa, ostetrica di 32 anni incinta muore per Covid insieme alla bambina che porta in grembo

Dramma a Theodore, in Alabama (Stati Uniti), dove Haley Richardson, ostetrica di 32 anni, è deceduta al sesto mese di gravidanza dopo essere risultata positiva al Covid-19 insieme alla bambina che portava in grembo. È successo il 22 agosto nel reparto di terapia intensiva dell’USA Health Children’s and Women’s Hospital a Mobile dove era stata ricoverata. La famiglia: “Vaccinatevi”.
A cura di Ida Artiaco
367 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il Covid-19 ha ucciso lei e la bambina che portava in grembo. Lutto negli Stati Uniti, precisamente in Alabama, dove Haley Richardson, ostetrica di 32 anni, è deceduta al sesto mese di gravidanza dopo essere risultata positiva al Covid-19. Lo riporta la stampa a stelle e strisce. Come ha raccontato suo marito Jordan, la donna, residente a Theodore, è stata sottoposta a tampone alla fine di luglio dopo aver manifestato alcuni sintomi tipici della malattia, come affaticamento, perdita dell'olfatto e del gusto. A quel punto si è autoisolata in casa. Non era vaccinata. "Sapeva quanto fossero pieni gli ospedali e non voleva gravare su nessun altro", ha detto Jordan, anche lui risultato positivo al Covid-19 ma in forma più lieve. Poi l'8 agosto la situazione è precipitata. Il livello di ossigenazione del sangue è sceso pericolosamente così Haley è stata trasferita d'urgenza all'Ascension Sacred Heart Hospital di Pensacola.

Dopo alcuni giorni è stata spostata nel reparto di terapia intensiva dell'USA Health Children's and Women's Hospital a Mobile, dove è stata infine attaccata ad un ventilatore. Intanto, un'ecografia aveva mostrato come la sua gravidanza fosse a rischio. Dieci giorni dopo il ricovero è morta la bambina che portava in grembo. "Prima che contraesse il Covid – ha detto ancora Jordan – nostra figlia stava bene. Poi, i suoi movimenti sono diventati sempre più lenti. Avevamo capito che c'era qualcosa che non andava". Il 20 agosto, infine, esattamente due giorni dopo la morte della piccola, è stato dichiarato anche il decesso di Haley. "Stavano cercando un ECMO, una macchina cuore polmoni per lei, ma è stato molto difficile trovare un letto disponibile", ha detto il marito, rimasto solo insieme alla figlia maggiore, Katie, 3 anni. "Una volta che le sue condizioni sono peggiorate, non sono stati in grado di spostarla perché i suoi livelli di ossigeno erano troppo bassi", ha aggiunto.

E ora la famiglia e gli amici della 32enne stanno facendo appelli soprattutto alle donne incinte affinché si vaccinino contro il Covid. "Mia moglie avrebbe voluto essere vaccinata ma era spaventata per come ciò avrebbe poi influito sulla gravidanza – ha concluso il marito -. Quando ha scoperto di aspettare la bambina i dati a disposizione sulla vaccinazione delle donne incinte erano ancora pochi. Non eravamo preoccupati per noi, semplicemente non volevamo avere complicazioni con il bambino. Avremmo solo aspettato fino alla nascita, ma non c'è stato tempo". Anche Jason Whatley, un caro amico di famiglia, ha detto che spera che parlare della battaglia contro il Covid-19 di Haley possa aiutare a salvare vite umane. "Le donne incinte devono essere consapevoli di quanto siano a rischio a causa della pandemia e prendere tutte le precauzioni, inclusa la vaccinazione", ha sottolineato.

367 CONDIVISIONI
27536 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni