È pesantissimo il bilancio di un incidente avvenuto questa mattina in Thailandia, dove almeno 17 persone sono morte e decine di altre sono rimaste ferite a causa di un violento scontro tra un treno e un autobus diretto in un tempio nella provincia di Cha Choeng Sao – a due ore dalla capitale Bangkok – per una cerimonia in occasione della fine della Quaresima buddista. "Il bilancio delle vittime che abbiamo finora è di 17" hanno dichiarato i soccorritori aggiungendo che l'incidente è avvenuto intorno alle 8 del mattino (le 3 in Italia).

Il governatore provinciale Maitree Tritilanond ha riferito che, stando a quanto emerso al momento, una trentina di persone sono rimaste ferite. Le immagini dei primi soccorsi mostravano corpi e oggetti sparsi tra le lamiere contorte: l'autobus si è rovesciato su un lato, il tetto è stato divelto e i soccorritori hanno riferito che è stata necessaria una gru per sollevarlo ed estrarre morti e feriti, il cui numero potrebbe aumentare nelle prossime ore. Incidenti di questo genere non sono rari in Thailandia, paese in cima alla lista per la pericolosità delle sue strade, tra le più letali del mondo a causa degli eccessi di velocità degli automobilisti, delle frequenti guide in stato di ebbrezza e degli scarsi controlli da parte della polizia. Secondo un rapporto del 2018 dell'Organizzazione mondiale della sanità, la Thailandia ha il secondo più alto tasso di mortalità per traffico nel mondo.