193 CONDIVISIONI
23 Settembre 2021
14:30

Spagna, sommozzatori trovano in mare tesoro romano risalente al 400 d.C.

Un tesoro risalente al periodo dell’Impero Romano è stato ritrovato in fondo al mare da due sommozzatori durante un’immersione. Ben 53 monete d’oro sono state recuperate in Spagna a Xàbia, nella baia di Portitxol. “È una cosa incredibile, il sogno di ogni bambino trovare un tesoro”, ha spiegato uno dei due sommozzatori.
A cura di Chiara Ammendola
193 CONDIVISIONI

Sembrava una monetina da dieci centesimi, come ne avevano già trovate tante durante le loro immersioni, e così avevano deciso di lasciarla lì, incastrata in un piccolo foro e difficile da prendere. Una volta tornati in barca però Luis Lens e César Gimeno sono assaliti da un dubbio e hanno deciso di immergersi di nuovo: in quella monetina c'era qualcosa di diverso. E la loro sensazione si è rivelata fondata: quel luccichio era emanato da una moneta d'oro risalente al periodo dell'Impero Romano. Ma non era l'unica: "incastonate nella fessura di una roccia" c'erano altre 52 monete d'oro che i due amici, oltre che cognati, hanno raccolto scoprendo di fatto uno dei tesori unici nel suo genere in Europa, secondo gli esperti.

La scoperta risale allo scorso agosto quando Luis e César, come ogni anno hanno deciso di trascorrere le loro vacanze a Xàbia, una delle maggiori attrazioni turistiche di Alicante. È uno dei luoghi in cui possono svolgere il loro hobby principale, lo snorkeling. Ed è proprio durante una di queste immersioni, il 23 agosto nella baia di Portitxol, che armati di pinne e occhiali si sono trovati dinanzi al tesoro romano. Recuperate le monete i due hanno deciso di rivolgersi all'amministrazione locale: "Abbiamo portato loro le otto monete che avevamo trovato in un barattolo di vetro con un po' d'acqua di mare", ha raccontato Lens che è poi tornato in fondo al mare per altre tre volte per recuperare le altre monete insieme ad alcuni esperti in archeologia subacquea del Comune, dell'Università di Alicante (UA) e della Guardia Civil. Insieme alla monete hanno recuperato tre chiodi, probabilmente di bronzo, e resti di piombo piuttosto deteriorati che sembrano appartenere a una cassa, come quelle dei forzieri delle storie di avventura: "È una cosa incredibile, il sogno di ogni bambino trovare un tesoro", ha spiegato l'uomo.

Secondo l'Istituto Universitario per la Ricerca in Archeologia e i Beni Storici dell'Università di Alicante (INAPH), le monete appartengono al periodo tardo romano, tra la fine del IV secolo e l'inizio del V, e sono in perfette condizioni. Si possono anche leggere le iscrizioni che le identificano come monete dei periodi degli imperatori Valentiniano I, Valentiniano II, Teodosio I, Arcadia e Onorio, e ce ne sono ancora alcune non identificate. Le monete saranno restaurate e poi esposte al Museo Archeologico ed Etnografico Soler Blasco di Xàbia. La baia di Portitxol de Xàbia è un'area ben nota per l'abbondanza di resti archeologici sottomarini attualmente in fase di studio: ancore, carichi di anfore, resti di ceramiche di epoche diverse, materiale metallico o elementi associati alla navigazione antica, che sono stati salvati fino ad oggi nelle varie indagini archeologiche promosse dal Comune, dall'Università di Alicante e dalla Generalitat dal 2019.

193 CONDIVISIONI
Il catamarano su cui viaggiano si ribalta, Vigili del fuoco soccorrono due persone in mare
Il catamarano su cui viaggiano si ribalta, Vigili del fuoco soccorrono due persone in mare
7 di Cronaca
Decathlon non vende più canoe a Calais: i migranti le usavano per attraversare la Manica
Decathlon non vende più canoe a Calais: i migranti le usavano per attraversare la Manica
Il governo inglese "ha sbagliato tutto" nella gestione della pandemia da Covid
Il governo inglese "ha sbagliato tutto" nella gestione della pandemia da Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni