179 CONDIVISIONI
9 Giugno 2022
15:38

Perché Zelensky dice che il destino della guerra si decide a Severodonetsk (dove i russi avanzano)

Secondo il presidente ucraino Zelensky, Severodonetsk è l’epicentro dello scontro per la conquista del Donbass. Il leader di Kiev ha definito la battaglia nella città “l’atto con il quale si decide la sorte della regione”. La conquista di Severodonetsk, infatti, vorrebbe dire porre la bandiera russa su tutta la repubblica di Lughansk. I russi sarebbero un passo più vicini alla conquista dell’intero Donbass.
A cura di Gabriella Mazzeo
179 CONDIVISIONI

Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, la città orientale di Severodonetsk è "l'epicentro dello scontro nel Donbass". "Questa è una battaglia molto feroce – ha affermato – ed è una delle più difficili in questa guerra. Sono grato a tutti coloro che difendono la città. Il destino del nostro Donbass si sta decidendo lì".

E in effetti è proprio a Severodonetsk che si stanno decretando le sorti dell‘integrità territoriale dell'Ucraina: la caduta della città permetterebbe a Putin di affermare che l'intera repubblica di Lughansk è stata conquistata. Con il raggiungimento di questo obiettivo militare, il Cremlino concentrerebbe tutte le sue forze nella conquista totale del Donbass con offensive sempre più violente sulla repubblica di Donetsk, in cui le forze ucraine controllano circa la metà del territorio.

I combattimenti a Severodonetsk

La Russia sta cercando di conquistare Severodonetsk con lo stesso metodo usato su Mariupol: bombardamenti continui e graduale avanzata di truppe corazzate. Ad aiutare Mosca anche il quantitativo di armi a disposizione che secondo Kiev è dieci volte superiore a quello in dotazione all'esercito ucraino. Nonostante tutto, i soldati ucraini continuano a resistere: a Severodonetsk però restano intrappolati circa 15mila civili che non possono lasciare la città a causa dell'intensità dei bombardamenti.

Accerchiati dai russi e con perdite fino a 150 uomini al giorno, i militari di Kiev stanno cercando di reagire ritirandosi verso Lysychansk, situata su un'altura le cui difese naturali sono difficili da superare. In questo momento le armi occidentali appaiono fondamentali per vincere la battaglia decisiva contro Mosca. Secondo il governatore di Lughansk, Serhij Haidai, con i lanciarazzi a lungo raggio promessi da Stati Uniti e Gran Bretagna, l'esercito di Kiev potrebbe "riprendere Severodonetsk in due o tre giorni".

Cosa succede se i russi conquistano il Donbass

Con la caduta di Lughansk e la possibile conseguente conquista di Donetsk, potrebbero concretizzarsi tre ipotesi: la prima è che Putin possa dichiarare il raggiungimento dell'obiettivo della guerra e decidere di sedersi al tavolo delle trattative. La seconda è che Mosca possa decidere di spingersi fino a Odessa per poi raggiungere la Transnistria, regione separatista filo-russa in Moldavia. Il terzo scenario, invece, prevede nuove mire del Cremlino su Kiev, la capitale alla quale i russi hanno rinunciato nelle prime fasi della guerra.

179 CONDIVISIONI
Zelensky dice che le armi occidentali stanno cambiando il destino della guerra contro la Russia
Zelensky dice che le armi occidentali stanno cambiando il destino della guerra contro la Russia
Cosa dice il rapporto di Amnesty sulla guerra in Ucraina che ha provocato l'ira del presidente Zelensky
Cosa dice il rapporto di Amnesty sulla guerra in Ucraina che ha provocato l'ira del presidente Zelensky
Per i russi l'Ucraina sta schierando in guerra
Per i russi l'Ucraina sta schierando in guerra "soldati mutanti"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni