Il cardinale George Pell
in foto: Il cardinale George Pell

Il Cardinale George Pell continuerà a scontare tra le mura di un carcere la pena a sei anni di reclusione per pedofilia e abusi sessuali su minori a cui è stato condannato in primo grado dal tribunale di Victoria, in Australia. Un tribunale australiano infatti ha confermato oggi la sentenza di condanna unanime emessa da una giuria nel dicembre scorso respingendo il ricorso in appello presentato dia legali dell'ex tesoriere del Vaticano. Dopo aver assistito alla sentenza, l'ex Capo della Segreteria per l’Economia della Santa Sede è stato ricondotto nella sua cella  come disposto dal giudice Anne Ferguson. Il ricorso del cardinale Pell davanti alla Corte d’appello dello stato di Victoria si basava sul fatto che la sentenza di colpevolezza era arrivata sulla base della testimonianza a porte chiuse di una sola delle due vittime, l’unico sopravvissuto, senza valutare altre prove.

La tesi degli avvocati del cardinale però è stata respinta dalla Corte di Appello a maggioranza, due contro uno, e Pell è stato riaccompagnato in carcere. Nel penitenziario l'alto prelato dovrà trascorrere almeno tre anni e 8 mesi prima di poter chiedere un'eventuale libertà condizionale. Per lui però c'è un'ultima possibilità: quella del ricorso all'Alta Corte australiana, il massimo organo giudiziario del suo Paese. Gli avvocati, non nascondendo la loro delusione per la sentenza di appello, infatti hanno già annunciato di  voler presentare la nuova richiesta di revisione del processo. "Il cardinale è ovviamente molto deluso per la decisione e continua a dichiararsi innocente" hanno fatto sapere in una nota ricordando che ringrazia sempre "i suoi numerosi sostenitori".

I fatti contestati a Pell risalgono al periodo tra il 1996 e il 1997 quando era arcivescovo di Melbourne. Per la legge è colpevole di aver molestato due coristi di 13 anni nella cattedrale di San Patrizio. Per giudici “Gli atti erano sessualmente evidenti, entrambe le vittime erano visibilmente e udibilmente angosciati durate le molestie" e gli abusi hanno avuto “un impatto significativo e di lunga durata” sulle vittime.

Vaticano: "Rispettiamo la sentenza"

La Santa Sede, ribadendo il proprio "rispetto per le autorità giudiziarie australiane","prende atto della decisione di respingere l'appello del Cardinale George Pell" ricoordando però che "il Cardinale ha sempre ribadito la sua innocenza e che è suo diritto ricorrere all'Alta Corte". A riportarlo è il portavoce del Vaticano Matteo Bruni, ricordando "la vicinanza alle vittime di abusi sessuali". A Pell, che è il più alto prelato della Chiesa cattolica mai condannato per abusi sessuali su minori, il Vaticano aveva già proibito "l'esercizio pubblico del ministero" e "il contatto in qualsiasi modo e forma con minorenni" dopo a condanna in primo grado. Dopo la condanna in secondo grado, il cardinale sarà privato anche del titolo onorifico dell'Ordine dell'Australia, uno dei più importanti dle Paese , lo ha reso noto il primo ministro australiano Scott Morrison.