video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

ONU: “Russi usano stupri in Ucraina come strategia militare, persone abusate dai 4 agli 82 anni”

Stupri in Ucraina usati come “strategia militare” e come “tattica deliberata per disumanizzare le vittime”: così la rappresentante speciale delle Nazioni Unite Pramila Patten, che denuncia “casi orribili e violenze brutali”.
A cura di Susanna Picone
396 CONDIVISIONI
(Foto di Hannibal Hanschke/Getty Images)
(Foto di Hannibal Hanschke/Getty Images)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

In Ucraina i russi stanno usando gli stupri come "strategia militare" e come "tattica deliberata per disumanizzare le vittime”. A usare queste parole è stata la rappresentante speciale delle Nazioni Unite Pramila Patten, denunciando "casi orribili e violenze brutali" nel Paese invaso dalla Russia.

Patten ha detto che ci sono tutte le indicazioni delle aggressioni sessuali come arma di guerra in Ucraina: "Quando donne e ragazze vengono trattenute per giorni e violentate, quando si iniziano a stuprare ragazzini e uomini, quando si assiste a una serie di casi di mutilazione genitale, quando si sentono testimonianze di donne che parlano di soldati russi con il Viagra, è chiaramente una strategia militare. E quando le vittime parlano di ciò che è stato detto durante gli stupri, è chiaramente una tattica deliberata per disumanizzare le vittime”.

Le Nazioni Unite hanno verificato "più di cento casi" di stupro in Ucraina dall'inizio della guerra con la Russia, ma secondo Patten "non è una questione di numeri". "È molto complicato avere statistiche affidabili durante un conflitto attivo e le cifre non rispecchieranno mai la realtà, perché la violenza sessuale è un crimine silenzioso, il meno denunciato e il meno condannato", ha aggiunto specificando che "i casi segnalati sono solo la punta dell’iceberg".

Le vittime di stupro in Ucraina sono principalmente donne e ragazze, ma si segnalano abusi anche su ragazzi e uomini. Il funzionario ha citato il rapporto di fine settembre della commissione d'inchiesta internazionale indipendente che "ha confermato i crimini contro l'umanità commessi dalle forze russe e, secondo le testimonianze raccolte, l'età delle vittime di violenza sessuale varia dai 4 anni agli 82 anni". Ci sono molti casi di violenza contro i bambini, “violentati, torturati e confinati”.

Lo stupro come arma di guerra ha segnato tutti i conflitti, ma secondo Patten la guerra in Ucraina segna un "campanello d'allarme" internazionale. "C'è ora una volontà politica di combattere l'impunità e un consenso sul fatto che lo stupro è usato come tattica militare, una tattica di terrore", le sue parole.

396 CONDIVISIONI
4347 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views