20 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Crisi nel Mar Rosso

Nave greca attaccata e colpita da un missile al largo dello Yemen, nel Mar Rosso

La nave Zografia è stata colpita alle 10 ora locale, mentre si trovava a nord-ovest di Saleef, in Yemen. Avrebbe subito lievi danni e si starebbe ora dirigendo a Suez per una più attenta valutazione della situazione.
A cura di Davide Falcioni
20 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

‘Zografia’, nave di proprietà greca e battente bandiera maltese, è stata colpita da un missile nel Mar Rosso, al largo dello Yemen. Lo riportano i media ellenici. Secondo l’agenzia britannica United Kingdom Marine Trade Operations (Ukmto), la nave è stata colpita alle 10 ora locale, mentre si trovava a nord-ovest di Saleef, in Yemen. Avrebbe subito lievi danni e si starebbe ora dirigendo a Suez per una più attenta valutazione della situazione. Secondo le informazioni del ministero della Navigazione greco, nessun membro dell’equipaggio sarebbe rimasto ferito.

Giovedì scorso, 11 gennaio, la Marina degli Stati Uniti ha condotto un’operazione nel Mar Arabico nella quale ha sequestrato missili balistici e componenti di missili da crociera di fabbricazione iraniana diretti al movimento sciita Houthi, in Yemen. A confermarlo il Comando centrale delle forze armate Usa (Centcom), secondo cui l’operazione, avvenuta nelle acque internazionali al largo della Somalia, è stata eseguita da uomini dei speciali della Marina Navy Seal, appoggiati da elicotteri e droni.

Tra il materiale bellico posto sotto sequestro ci sono motori a propulsione, sistemi di guida e testate per missili balistici a medio raggio, missili da crociera anti-nave e componenti associate per la difesa aerea. "Le analisi iniziali indicano che gli stessi tipi di armi sono state impiegate dagli Houthi per minacciare e attaccare navi mercantili in transito nel Mar Rosso", spiega la nota di Centcom. Si tratta del primo sequestro di armi iraniane agli Houthi effettuato dal novembre scorso, cioè dall’inizio degli attacchi del movimento armato yemenita contro navi in transito nel Mar Rosso.

Gli Stati Uniti ricordano come "la fornitura, la vendita o il trasferimento, diretto o indiretto, di armi agli Houthi in Yemen violano la risoluzione 2216 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e il diritto internazionale”. Il Centcom conferma anche, come già riferito dai media Usa, che due uomini dei Navy Seal risultano dispersi a seguito dell’operazione. Le ricerche, afferma il comandante Erik Kurilla, sono al momento in corso. Le armi sono state sequestrate a bordo di una barca a vela tipicamente utilizzate in quelle acque, il dau, successivamente affondata dalle forze Usa. A bordo si trovavano 14 membri dell’equipaggio che saranno trattati “secondo il diritto internazionale”.

20 CONDIVISIONI
35 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views