Ennesima tragedia di migranti al largo del Mar Egeo. Un barcone si è capovolto nei pressi della città di Enez, nella provincia di Edirne, e cinque profughi che erano a bordo sono morti, come riferisce l'agenzia di stampa turca Anadolu. L'incidente è avvenuto mentre una rara tempesta mediterranea sta provocando piogge torrenziali in alcune zone della Grecia e della Turchia. Non è ancora chiaro, tuttavia, quante persone ci fossero sulla barca e le squadre di soccorso stanno setacciando la zona alla ricerca di eventuali sopravvissuti o ulteriori cadaveri.

Intanto, dopo essere stati trasferiti a bordo di una nave militare maltese in acque internazionali, i 58 migranti della nave Aquarius sono sbarcati a Malta nelle scorse ore secondo quanto riferito dal governo di La Valletta. In base all'accordo stretto il 25 settembre scorso, tutti i migranti saranno trasferiti "nei prossimi giorni" in altri quattro Paesi europei: Francia, Germania, Spagna e Portogallo. "La Aquarius è costretta a rientrare al porto per gestire la questione registrazione", ha precisato Medici senza frontiere, facendo riferimento alla revoca dell'iscrizione dal registro navale di Panama. "Al momento nella zona non ci sono imbarcazioni impegnate nelle operazioni di ricerca e salvataggio, nessun testimone. La persone in fuga dalla Libia continueranno a morire".