Nuova tragedia dell'immigrazione al largo delle coste occidentali della Turchia. Una piccola imbarcazione con circa una quindicina di persone a bordo, che probabilmente tentavano di raggiungere la Grecia, infatti è naufragata nelle scorse ore  nelle acque del Mare Egeo trascinando in fondo al mare almeno 5 persone. Ne danno notizia i media locali citando il governatore della città costiera di Ayvalik, Namik Kemal Nazli, dove i cadaveri sono stati portati dopo essere stai recuperati insieme ai superstiti dell'affondamento

Tra le vittime purtroppo figurano anche quattro bambini, il restante cadavere recuperato dai soccorsi apparterrebbe invece ad una donna. Secondo le stesse fonti, i soccorsi giunti sul luogo del naufragio sarebbero riusciti a trarre in salvo altre otto persone che si trovavano sullo stesso natante, tra cui un bimbo di 3 anni, ora ricoverato in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale della zona. Non è escluso che le vittime, tutti cittadini afghani, appartenessero alla stessa famiglia che cercava di raggiungere come tante altri gruppi familiari le coste dell'isola greca di Lesbo.