574 CONDIVISIONI
Opinioni
Ultime notizie sulla scomparsa di Maddie McCann
16 Giugno 2020
17:43

Maddie non dorme più nel suo letto

Il caso Maddie McCann è il più famoso al mondo perché materializza la più profonda paura di un genitore: la culla vuota, il figlio strappato da mani sconosciute dal tepore della casa dove dovrebbe essere al sicuro. E per questo che da 13 anni ci ossessiona autorizzandoci a fare le ipotesi più disparate, perfino a colpevolizzare i genitori per non averla protetta. Che sia alla svolta o no, non ci dimenticheremo della bimba con la pagliuzza sull’iride. Non lo faremo perché ha materializzato i nostri incubi.
A cura di Angela Marino
574 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sulla scomparsa di Maddie McCann

Rimboccare le lenzuola al proprio bambino, baciargli la fronte quando scivola nel mondo dei sogni e poi scoprire, tornando a controllarlo, che quel letto è freddo e vuoto. Non c’è niente di più scioccante, pauroso e disturbante per un genitore che immaginare una scena simile, quella della culla vuota, della scomparsa di un bambino dal tepore domestico. Eppure la cronaca ci insegna che il crimine può materializzare i nostri peggiori incubi, dar forma alle paure più profonde, come è successo nel 2007 a Kate Healey e Gerry McCann quando hanno scoperto il lettino vuoto dove poco prima avevano lasciato la figlioletta di tre anni. Madeleine McCann, che i media hanno voluto vezzosamente ribattezzare ‘Maddie’ benché in famiglia nessuno l’avesse mai chiamata così, da quella sera a Praya da Luz è una bambina scomparsa. La mente va subito a lei, visualizziamo il suo visino armonioso e i suoi occhi verdi con la pagliuzza scura sull'iride, quando pensiamo a un bimbo rapito. Maddie è l'incarnazione dell'incubo.

La colpevolizzazione dei genitori

Quello che è successo in Algarve alla famiglia McCann è così spaventoso che abbiamo avuto bisogno di incolparne i genitori. Non parlo delle indagini, che li hanno scagionati, ma delle chiacchiere da bar, del sentimento comune che ha guardato con diffidenza alla coppia di medici britannici. A ogni apparizione televisiva era uno scroscio di polemiche, soprattutto sulla madre. È troppo fredda, è troppo emotiva, si espone in maniera eccessiva. E se non avesse voluto rendere pubblico il caso, non sarebbe stato sospetto? E se si fosse ritratta? Se fosse stata sciatta? Qualunque cosa Kate Healy McCann avesse fatto o non fatto, così come suo marito Gerry, l’avremmo additata. Così come abbiamo fatto per la scelta, molto anglosassone e poco latina, di lasciare i bimbi a dormire da soli nell’appartamento, andando a controllarli ogni mezzora, quella sera. Scelta che in un modo o nell'altro ha reso possibile la scomparsa.

Se il crimine è ‘inevitabile'

Chi lascia un bambino da solo? I McCann hanno scelto di fare così, eppure avrebbero potuto usufruire del servizio di babysitting notturno del resort e sappiamo che Gerry e Kate, coppia di medici borghesi e benestanti, vi avrebbero certo fatto ricorso se non fosse stato per un preconcetto culturale, quello di non averne bisogno. Se qualcuno tra le spiagge paradisiache di Praya da Luz aveva puntato quella bambina, se qualcuno seguiva la famiglia e ne studiava le abitudini, sarebbe certo venuto il momento in cui l'avrebbe trovata esposta, vulnerabile, il momento in cui rapire la piccola. Preferiamo pensare di no, altrimenti dovremmo ammettere che una cosa simile può capitare a tutti e non potremmo mai conviverci.

La cronaca non è fatta di sole statistiche

La parola fine sull’epopea della bambina con la pagliuzza nell’occhio non è scritta ancora. Forse la scriverà la procura tedesca, che si dice certa della sua morte, forse non verrà scritta mai restando materia per scrittori e documentaristi. La cronaca ci insegna che i peggiori incubi possono trasformarsi in realtà, ma la cronaca non è fatta di sole statistiche. Come testimoniano i casi di Jaycee Dugard, tornata da sua madre dopo 18 anni dal rapimento, quando tutti pensavano che fosse ormai morta o quella di Elisabeth Smart, salvata dal suo aguzzino dopo nove mesi di segregazione e restituita alla famiglia, anche la statistica criminale ha le sue eccezioni, anche la cronaca nera, i suoi piccoli miracoli. Per Gerry, Kate, Sean e Amelie McCann, i genitori e i fratelli di Madeleine, non è ancora finita. Meritano di continuare a sperare finché è ragionevole e anche oltre, perché da un incubo simile si ha anche il diritto sacrosanto di desiderare di svegliarsi.

574 CONDIVISIONI
Giornalista dal 2012, scrittrice. Per Fanpage.it mi occupo di cronaca nera nazionale. Ho lavorato al Corriere del Mezzogiorno e in alcuni quotidiani online occupandomi sempre di cronaca. Nel 2014, per Round Robin editore ho scritto il libro reportage sulle ecomafie, ‘C’era una volta il re Fiamma’.
Maddie McCann, gli inquirenti tedeschi: "Entro pochi mesi risolveremo il caso della scomparsa"
Maddie McCann, gli inquirenti tedeschi: "Entro pochi mesi risolveremo il caso della scomparsa"
Maddie McCann, la polizia tedesca vuole tornare Portogallo: "Abbiamo informazioni eccellenti"
Maddie McCann, la polizia tedesca vuole tornare Portogallo: "Abbiamo informazioni eccellenti"
Maddie, dal carcere Brueckner rifiuta di collaborare: "Se sono colpevole lo provino"
Maddie, dal carcere Brueckner rifiuta di collaborare: "Se sono colpevole lo provino"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni