Nuovo incendio a Beirut, in Libano, dove un improviso rogo divampato nella mattinata di oggi, martedì 15 settembre, ha devastato un palazzo nel centro della città.  Lo riferiscono i media libanesi mentre sui social network appaiono diversi video amatoriali dalla zona dell'incendio, sul lungomare di Beirut. L'edificio colpito dalle fiamme è un palazzo in fase di costruzione e realizzato dallo studio del celebre architetto britannico-iracheno Zaha Hadid. Il palazzo dallo stile futuristico era quasi completo dopo anni di costruzione ma le fiamme hanno distrutto tutto.

Dopo l'allarme sul posto sono accorse le forze di polizia e i vigili del fuoco che fortunatamente sono riusciti a domare le fiamme prima che raggiungessero i palazzi vicini. L'intervento però non è riuscito a salvare il palazzo colpito che è stato pesantemente danneggiato come è ben visibile dall'esterno. Una parte di un lato dell'edificio è bruciata completamente mentre i vigili del fuoco cercavano di spegnere le fiamme. Funzionari del ministero della Protezione civile libanese hanno affermato che comunque l'incendio è stato domato. Il palazzo era disabitato perché ancora da rifinire e fortunatamente questo ha evitato possibili vittime. Al momento infatti non ci sono state segnalazioni di morti o feriti nell'incendio.

Non si conoscono ancora le cause dell'incendio ma dopo il terzo rogo divampato in pochi giorni nel cuore della capitale libanese non sembra essersi pace per Beirut già devastata dalla enorme esplosione al porto del 4 agosto scorso che ha distrutto decine di edifici e provocato la morte di  circa 200 persone. L'incendio di oggi infatti colpisce una città ancora sotto shock dopo l'esplosione che ha squassato la città mediterranea e l'incendio dei giorni scorsi divampato proprio nel cantiere delle macerie. Il rogo di oggi  ha solo aumentato la devastazione.