Speciale Europa
15 Aprile 2022
16:41

La Conferenza sul futuro dell’Europa ha deciso le sue proposte finali

La plenaria dell’8 e 9 aprile ha visto i gruppi di lavoro della Conferenza sul futuro dell’Europa presentare le loro proposte raggruppate per temi. A fine mese ci sarà la plenaria finale, il 9 maggio la cerimonia di chiusura.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Speciale Europa

La Conferenza sul futuro dell'Europa è alle battute finali. Durante l'ultima plenaria, che si è tenuta l'8 e il 9 aprile, i presidenti e i portavoce dei nove gruppi di lavoro hanno presentato lo loro proposte raggruppate per temi: salute; democrazia europea; migrazione; valori e diritti, Stato di diritto e sicurezza; istruzione, cultura e gioventù; economia più forte, giustizia sociale e lavoro; cambiamento climatico e ambiente; l'Ue nel mondo; trasformazione digitale. Il prossimo appuntamento è la plenaria finale della Conferenza – il 29 e 30 aprile a Strasburgo – nel corso della quale le proposte dovranno essere approvate dagli stessi membri della plenaria. Poi il Comitato esecutivo della Conferenza includerà le proposte in un documento finale che sarà inviato ai presidenti delle istituzioni europee il 9 maggio. È il giorno della cerimonia di chiusura a Strasburgo.

Il passaggio della scorsa settimana è stato decisivo: le proposte, arrivate ai gruppi di lavoro da parte dei panel dei cittadini europei, dai panel nazionali e dalle idee espresse sulla piattaforma digitale, sono state discusse da tutti i membri della plenaria. I deputati hanno sottolineato l'importanza della Conferenza come esercizio di apertura e democrazia, lodando il lavoro di tutti i cittadini europei che hanno partecipato a questa esperienza.

In generale, da parte dei deputati, è arrivata la richiesta di rafforzare i poteri del Parlamento Ue, anche per coinvolgere maggiormente i cittadini come insegna proprio l'esperienza della Conferenza sul futuro dell'Europa. Per quanto riguarda, invece, le varie aree, le proposte sono diverse: un sistema sanitario più forte, un accesso equo alla digitalizzazione per tutti, una dimensione sociale come parte della transizione verde e l'educazione dei bambini, nelle scuole, ai valori europei.

178 contenuti su questa storia
Stop alla vendita di auto a benzina e diesel dal 2035, via libera dal Parlamento europeo
Stop alla vendita di auto a benzina e diesel dal 2035, via libera dal Parlamento europeo
Neanche stavolta il Parlamento Europeo ha trovato un accordo sul clima: si ricomincia daccapo
Neanche stavolta il Parlamento Europeo ha trovato un accordo sul clima: si ricomincia daccapo
Salario minimo, Beghin a Fanpage:
Salario minimo, Beghin a Fanpage: "In Italia 3 milioni di lavoratori poveri e sfruttati, ora basta"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni