Almeno dieci persone hanno perso la vita in seguito al crollo di un edificio residenziale a Bhiwandi, in India. E il timore è che il numero delle vittime possa ancora aumentare. Almeno altre 20-25 persone sarebbero infatti rimaste intrappolate sotto le macerie del fabbricato. Il crollo della palazzina, di tre piani, è avvenuto intorno alle 3:40 della notte tra domenica e lunedì, mentre i residenti dormivano. Al momento dell'incidente, secondo quanto riportato dai media locali, circa 25 famiglie si trovavano nell'edificio.

Salvate dalle macerie una ventina di persone, tra le vittime 8 bambini – Per il momento una ventina di persone sono state estratte vive da soccorritori e gente del posto. Sul posto stanno lavorando per cercare eventuali sopravvissuti almeno 40 soccorritori, che stanno utilizzando anche cani addestrati. Delle 10 vittime finora accertate, otto a quanto si apprende sono dei bambini. Secondo resoconti dei media locali, la palazzina crollata aveva più di 40 anni e necessitava di lavori di ristrutturazione. "Triste per il crollo dell'edificio a Bhiwandi, nel Maharashtra. Le mie condoglianze alle famiglie in lutto. Prego per un rapido recupero dei feriti. Sono in corso le operazioni di soccorso e viene fornita tutta l'assistenza possibile agli interessati", ha scritto su Twitter Narendra Modi. Crolli e cedimenti di interi edifici non sono purtroppo eventi rari in India, soprattutto durante la stagione delle piogge. Solo alcune settimane fa, il 25 agosto scorso, è crollata una costruzione di cinque piani nell’area residenziale di Mahad, 200 km a sud di Mumbai. La tragedia ha provocato la morte di 16 persone e decine di feriti.