26 Agosto 2021
18:04

In Qatar migliaia di lavoratori migranti sarebbero morti per “cause naturali”

Secondo la denuncia di Amnesty International, che ha pubblicato un lungo report, in Qatar migliaia di lavoratori migranti sono morti per “cause naturali” o problemi cardiaci generici. Sulla maggior parte di questi decessi, però, non è stata condotta alcuna indagine. Le condizioni di lavoro nel Paese, con la manodopera straniera spesso costretta a lavorare a temperature altissime, tornano al centro dell’attenzione in vista dei mondiali di calcio che si terranno tra poco più di un anno.
A cura di Tommaso Coluzzi

Migliaia di lavoratori stranieri morti in pochi anni, praticamente tutti per "cause naturali" o generici problemi cardiaci. Senza una vera spiegazione che possa giustificare così tante vittime giovani, ma soprattutto nessuna indagine per accertare le reali motivazioni dei decessi. È successo in Qatar negli ultimi dieci anni, secondo quanto rivela un lungo report diffuso da Amnesty International. Le cause, però, non sarebbero quelle individuate dalle autorità del Paese, ma sarebbero strettamente collegate alle condizioni in cui i migranti – che spesso arrivano da India, Nepal e Bangladesh – sono costretti a lavorare.

Secondo quanto riporta Amnesty i certificati che spiegano i decessi con motivazioni come le cause naturali sono "insignificanti", ma impediscono alle famiglie delle vittime di chiedere un risarcimento, nonostante spesso siano in difficoltà perché si trattava dell'unico lavoratore del nucleo. "Quando uomini relativamente giovani e in buone condizioni di salute muoiono improvvisamente dopo aver lavorato molte ore sotto un caldo estremo, sorgono forti dubbi sulla sicurezza delle condizioni di lavoro in Qatar", spiega Steve Cockburn, direttore del programma Giustizia sociale ed economica di Amnesty International, che chiede di indagare sulle cause della morte delle vittime e di risarcire le famiglie.

La percentuale di morti non chiarite ruoterebbe intorno al 70%, con un numero di vittime tra il 2010 e il 2019 tra i lavoratori  migranti altissimo: 15.021. Conferme arrivano anche dai Paesi dell'Asia meridionale: in Bangladesh i dati ufficiali dicono che il 71% dei cittadini morti in Qatar sono attribuiti a cause naturali. Il rischio più grande per i lavoratori è il caldo estremo, con un alto tasso di umidità. Amnesty chiede di proteggere i lavoratori dalle condizioni climatiche estreme e di aprire al risarcimento delle vittime. Il tutto a poco più di un anno di distanza dall'inizio dei mondiali di calcio, con gli occhi del mondo puntati sul Qatar e sulle terribili condizioni in cui spesso si trovano lavoratori.

Trieste, Salvini Meloni contro il governo: "Idranti contro lavoratori che scioperano pacificamente"
Trieste, Salvini Meloni contro il governo: "Idranti contro lavoratori che scioperano pacificamente"
Protesta no Green Pass, lavoratori bloccano il porto di Trieste: "800 sono rimasti fuori"
Protesta no Green Pass, lavoratori bloccano il porto di Trieste: "800 sono rimasti fuori"
166 di Videonews
Libia, migliaia di migranti nei centri di detenzione a Tripoli: vittime di violenze fisiche e sessuali
Libia, migliaia di migranti nei centri di detenzione a Tripoli: vittime di violenze fisiche e sessuali
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni