254 CONDIVISIONI
Covid 19
27 Agosto 2021
16:01

Il caso Islanda, tra restrizioni e record di vaccini: “Voto A+ nella gestione della variante Delta”

Il caso Islanda, che con restrizioni e record di vaccinazioni che hanno interessato l’84% della popolazione over 12 è riuscita a contenere la quarta ondata della pandemia collegata alla variante Delta. Burioni: “La mutazione ha provocato un’ondata epidemica con un notevole aumento dei casi. Però non è morto nessuno, a riprova che i vaccini funzionano, e pure molto bene”.
A cura di Ida Artiaco
254 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tra i casi di studio per osservare l'evoluzione della curva dei contagi Covid collegati alla variante Delta non può non essere annoverata l'Islanda. Con l'87% della popolazione over 12 completamente vaccinata e la reintroduzione il mese scorso di alcune misure restrittive, il Paese è riuscito a contenere la nuova ondata della pandemia con un numero di ospedalizzazioni e decessi molto basso nonostante l'incremento delle infezioni. Basti pensare che nelle ultime 24 ore è stato registrato il primo morto per Coronavirus da maggio scorso: si tratta di un uomo di 70 anni che era ricoverato in terapia intensiva. Il totale delle vittime dall'inizio della pandemia è così salito a 31. Aumentano invece i nuovi casi: 103 nelle ultime 24 ore, mentre l'incidenza a 14 giorni è al momento di 316,0 infezioni per 100mila abitanti. Tuttavia, si mantengono basse le ospedalizzazioni: 18 pazienti sono ricoverati in area medica e 4 in terapia intensiva. Ma come è possibile che sia arrivati a questa situazione?

Tra coloro che hanno provato a spiegare il caso Islanda c'è anche il virologo Roberto Burioni. "L’Islanda ha oltre il 73% di vaccinati. La variante Delta ha provocato un’ondata epidemica con un notevole aumento dei casi. Però non è morto nessuno, a riprova che i vaccini funzionano, e pure molto bene", ha scritto in un tweet pubblicato nei giorni scorsi, in cui ha rimandato ad una analisi dello scienziato Eric Topol che a sua volta ha scritto: "Come gestire un'ondata di variante Delta? Islanda. 78% della popolazione totale completamente vaccinata. Voto: A+". In Islanda al 27 agosto risultano completamente vaccinate secondo dati del ministero della salute 263.354, pari al 71% della popolazione generale e all'84% della popolazione over12. Non solo. Il governo sta continuando a incoraggiare i cittadini a usare le mascherine e a rispettare il distanziamento, oltre a seguire altre restrizioni che sono state introdotte a fine luglio e che a breve saranno allentate.

Il ministro della salute Svandís Svavarsdóttir ha infatti annunciato che la quarta ondata della pandemia è arrivata al picco e che gli ospedali si stanno lentamente svuotando. Per questo, alcune delle restrizioni introdotte per fermare la diffusione del virus verranno allentate a partire da domani, sabato 28 agosto e resteranno in vigore per le prossime 3 settimane. Le palestre e le piscine potranno così aprire a pieno regime. Fino a 200 persone potranno partecipare a eventi sportivi, o andare in ristoranti o club. Non ci sarà più la regola del metro per gli eventi da seduti, ma ci sarà ancora l'obbligo della mascherina.

254 CONDIVISIONI
27601 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni