443 CONDIVISIONI
Coronavirus
6 Luglio 2021
09:35

I vaccini contro il Covid ai Paesi poveri solo nel 2023, l’allarme di Nature

Col coronavirus che si sta diffondendo in Africa a un ritmo da record con la variante Delta che prende sempre più piede, Nature lancia l’allarme: le promesse fatte dai Paesi più ricchi non sono sufficienti per porre fine alla pandemia. “L’iniqua distribuzione dei vaccini ha permesso al virus di continuare a diffondersi”, dice l’esperta dell’Oms Soumya Swaminathan. C’è bisogno dunque del siero anti Covid, subito.
A cura di Biagio Chiariello
443 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La maggior parte delle persone nei Paesi più poveri dovrà aspettare altri due anni prima di essere vaccinata contro il COVID-19. A riportarlo è Nature. Sono necessarie circa 11 miliardi di dosi per vaccinare il 70% della popolazione mondiale e raggiungere la cosiddetta ‘immunità di gregge'. Al 4 luglio erano state somministrate 3,2 miliardi di dosi. All'attuale tasso di vaccinazione, si arriverà a circa sei miliardi di dosi entro la fine dell'anno, secondo il progetto dei ricercatori del Fondo Monetario Internazionale, con sede a Washington DC. Ma finora, oltre l'80% delle dosi del siero anti Covid è andato a persone nei Paesi ad alto e medio reddito. Solo l'1% delle persone nei Paesi a basso reddito ha ricevuto almeno una dose, secondo il sito web Our World in Data.

Il mese scorso, i leader del G7 hanno promesso dosi extra per i Paesi a basso e medio reddito (LMIC) entro la fine del 2022, in un vertice in Cornovaglia, nel Regno Unito. Il fulcro era la promessa del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di donare 500 milioni di dosi del vaccino contro il Coronavirus prodotte da Pfizer / BioNTech. Una cifra che va ad aggiungersi alle altre 87,5 milioni precedentemente promesse. Nello specifico Il Regno Unito si è impegnato ad assicurare 100 milioni di dosi; Francia, Germania e Giappone ne hanno promesse circa 30 milioni ciascuno. La Cina ha inviato circa 30 milioni di dosi di vaccino ad almeno 59 paesi, secondo i dati pubblicati il ​​2 luglio dai ricercatori del Duke Global Health Innovation Center di Durham, nella Carolina del Nord.

Persone in attesa del vaccino in India
Persone in attesa del vaccino in India

Vaccini ai Paesi poveri solo nel 2023

Ma per Andrea Taylor, ricercatrice di politiche sanitarie e vicedirettore della struttura, è improbabile che le dosi del vaccino arrivino "nell'immediato" alle persone più povere del mondo. A marzo, il suo gruppo ha previsto che tutto il mondo sarebbe stato vaccinato nel 2023. C'è da considerare anche il fatto che sia l'Unione Europea che gli Stati Uniti proibiscono l'esportazione di alcuni vaccini (e degli ingredienti per la produzione). L'UE insiste affinché le aziende mantengano i loro impegni di consegnare i vaccini all'UE prima di esportarli altrove. A febbraio, l'India, dove vengono prodotte circa sei dosi di vaccino su dieci nel mondo, ha ordinato ai produttori del Paese di interrompere l'esportazione di vaccini COVID-19, anche nell'ambito dell'iniziativa COVAX, istituita da gruppi tra cui l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per distribuire vaccini ai Paesi LMIC. "Questa è stata una grave battuta d'arresto", dice Taylor. COVAX si è impegnata a vaccinare un quinto della popolazione di ciascun LMIC erogando due miliardi di dosi entro la fine di quest'anno. Ha acquistato 2,4 miliardi di dosi, rispetto a 1,1 miliardi di marzo, secondo i dati del Duke Global Health Innovation Center. Ma al 2 luglio, l'organizzazione aveva inviato 95 milioni di dosi, rispetto ai 65 milioni di maggio.

La situazione in Africa

Nel frattempo, i casi di Coronavirus stanno aumentando in tutta l'Africa. L'ufficio africano dell'Oms con sede a Brazzaville, nella Repubblica del Congo, afferma che il numero di infezioni da COVID-19 è aumentato del 39% dal 13 al 20 giugno e del 25% nella settimana terminata il 27 giugno. Almeno 20 Paesi, tra cui Zambia, Uganda, Sudafrica e Repubblica Democratica del Congo, stanno vivendo una terza ondata di infezioni, secondo i Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC), con sede ad Addis Abeba, in Etiopia. Con conseguenze assai gravi per le strutture sanitarie dei vari Stati.

AstraZeneca è una delle principali fonti di dosi di vaccino per COVAX. Nel giugno 2020, l'azienda ha firmato un accordo con il Serum Institute of India (SII) di Pune, uno dei più grandi produttori di vaccini al mondo, per produrre un miliardo di dosi del vaccino che l'azienda ha sviluppato con l'Università di Oxford, nel Regno Unito, e inviarli ai Paesi LMIC. Di questi, 400 milioni di dosi dovevano essere fornite entro la fine del 2020. Ma le infezioni hanno iniziato a ripresentarsi con la seconda ondata indiana a marzo. Il governo a febbraio ha così ordinato al SII di deviare tutte le forniture di vaccini per soddisfare la domanda interna. Per COVAX è stato un duro colpo: alla fine di marzo di quest'anno, l'organizzazione aveva ricevuto appena 28 milioni di dosi di AstraZeneca. Avrebbe dovuto riceverne altre 90 milioni entro la fine di aprile, ma è ancora in attesa.

Complessivamente, tra febbraio e maggio, i Paesi africani hanno ricevuto solo 18,2 milioni delle 66 milioni di dosi che attendevano attraverso COVAX. Su quasi 1,3 miliardi di persone in Africa, solo il 2% ha ricevuto una dose di vaccino contro il COVID-19. E poco più dell'1% – 26 milioni di persone – sono completamente vaccinate, secondo l'ufficio Africa dell'OMS. Un portavoce di SII ha detto a Nature che l'azienda prevede di riprendere le esportazioni globali entro la fine del 2021. COVAX da parte sua, nonostante i ritardi, si dice fiduciosa di poter raggiungere il suo obiettivo di fornire due miliardi di dosi entro la fine del anno.

L'Unione africana, nel frattempo, sta valutando altre soluzioni. Con l'aiuto finanziario della Banca Mondiale, ha assicurato 400 milioni di dosi del vaccino sviluppato da Johnson & Johnson. “Lasciatemi dire senza mezzi termini, in Africa non stiamo vincendo questa battaglia contro il virus, quindi non mi importa se i vaccini provengono da COVAX o da qualsiasi altra parte. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è un rapido accesso ai vaccini", ha affermato il direttore del CDC per l'Africa John Nkengasong in un briefing alla fine del mese scorso. I singoli Paesi africani stanno inoltre negoziando accordi con le aziende produttrici di vaccini per colmare il vuoto lasciato dal SII. "Ma questi Paesi sono spesso in fondo alla coda –  dice Taylor – perché non hanno il potere d'acquisto di quelli più ricchi".

C'è bisogno dei vaccini, subito

Con i produttori indiani bloccati almeno per ora, gli Stati Uniti si stanno rivelando il principale fornitore mondiale di dosi di vaccino per i Paesi LMIC, spiega Taylor, e hanno iniziato a distribuire alcune delle loro scorte in eccesso. Tuttavia, secondo il capo scienziato dell'OMS Soumya Swaminathan, potrebbe essere troppo tardi. "L'iniqua distribuzione dei vaccini ha permesso al virus di continuare a diffondersi", afferma. Le popolazioni non vaccinate sono già a rischio, soprattutto dalle nuove varianti come la Delta. "Abbiamo bisogno di Paesi con una fornitura sostanziale per donare 250 milioni di dosi per settembre", afferma Swaminathan. L'OMS chiede ai suoi Stati membri "un enorme sforzo" per vaccinare almeno il 10% delle persone in ogni Paese "entro settembre", insieme a un "guida fino a dicembre" per vaccinare almeno il 30% entro la fine dell'anno. "Ciò accadrà solo se i Paesi condividono immediatamente le dosi con COVAX e se i produttori daranno priorità agli ordini COVAX", afferma Swaminathan. Il tempismo è estremamente importante, aggiunge Taylor. “Le dosi condivise subito avranno un impatto molto maggiore di quelle condivise tra sei mesi. Abbiamo bisogno che i paesi ricchi inviino immediatamente le dosi”.

443 CONDIVISIONI
27125 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni