È di 5 morti e almeno 7 feriti il bilancio di una forte esplosione avvenuta nelle scorse ore in un sex shop a nord di Tokyo. Ci sono volute più di cinque ore prima che 20 unità di vigili del fuoco riuscissero a spegnere le fiamme all'interno del punto vendita di materiale hard, chiamato Kawaii Omiya, situato nel quartiere a luci rosse della città e a poca distanza dall'omonima stazione ferroviaria. Stando a una prima ricostruzione dei fatti fornita dalle forze dell'ordine, le fiamme si sarebbero prorogate rapidamente a causa del forte vento e delle avverse condizioni meteo nel corso del pomeriggio di domenica 17 dicembre, invadendo anche il palazzo di 3 piani che ospita il negozio. Numerosi i clienti che sono rimasti intrappolati dalla nube di fumo.

Tra le vittime, ci sono due ragazze di 20 anni, una donna sulla trentina e un uomo di 40 anni. È stato rinvenuto anche un altro corpo carbonizzato, e del quale non si è riusciti ad arrivare all'identificazione. In base ai registri dell'ultima ispezione di giugno, tuttavia, hanno reso noto i vigili del fuoco, l'attività commerciale non aveva presentato irregolarità nei controlli. Per cui la polizia sta indagando sulle cause dell'incidente.