video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Gaza, Israele bombarda scuola ONU piena di sfollati. Lazzarini (UNRWA): “Decine di morti e feriti”

La struttura colpita, ha spiegato Philippe Lazzarini, capo dell’UNRWA, ospitava circa duemila sfollati interni palestinesi, persone che speravano di essere al riparo dalle bombe.
A cura di Davide Falcioni
103 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Un altro giorno. Un altro mese. Un'altra scuola colpita". Sono le parole scritte su X da Philippe Lazzarini, capo dell'UNRWA, riferendo che l'esercito israeliano ha bombardato ancora una volta un edificio scolastico dell'agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati Palestinesi.

La struttura, spiega il funzionario, ospitava "quasi duemila sfollati interni e si sono registrate decine di vittime". Lazzarini ha aggiunto che in nove mesi di guerra a Gaza "più della metà delle strutture dell'UNRWA sono state colpite (190), alcune delle quali più e più volte". I raid hanno provocato "520 morti e quasi 1.600 feriti" tra persone che stavano cercando un riparo sicuro, sperando di averlo trovato in edifici delle Nazioni Unite.

Dopo aver spiegato che le bombe israeliane hanno ucciso "molte donne e bambini" rifugiati negli edifici dell'UNRWA, Lazzarini ha aggiunto: "Un’affermazione ricorrente da parte di Israele è che le nostre strutture vengono utilizzate da gruppi armati palestinesi. Queste sono affermazioni che prendo molto sul serio. Questo è esattamente il motivo per cui ho ripetutamente chiesto indagini indipendenti per accertare i fatti e identificare i responsabili degli attacchi alle sedi delle Nazioni Unite o sul loro uso improprio. I colpevoli devono essere ritenuti responsabili di aver violato il diritto internazionale"

Mentre sulla Striscia di Gaza continuano a cadere le bombe israeliane centinaia di camion carichi di cibo, acqua e aiuti umanitari sono ancora bloccati su una strada egiziana, alcuni da quasi due mesi, in attesa dell'autorizzazione ad entrare nell'enclave palestinese.

Immagine

Gli autisti dei camion, parcheggiati alla periferia della città egiziana di al-Arish, nel Sinai, affermano di non essere stati in grado di consegnare aiuti umanitari da quando Israele ha esteso la sua offensiva a Rafah. Molto del cibo è stato gettato perché si è deteriorato dopo settimane d'attesa sotto al sole rovente: "Giuro su Dio che siamo rimasti fermi per più di 50 giorni e alla fine il carico è stato restituito perché era scaduto", ha detto Elsayed el-Nabawi – l'autista di un tir – all'agenzia di stampa Reuters. Siamo dovuti tornare indietro e restituire tutto. Abbiamo caricato un altro lotto, e ora siamo di nuovo qui e Dio solo sa se questo carico scadrà o verrà consegnato".

103 CONDIVISIONI
917 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views