La Germania prolungherà di altre tre settimane, fino al 28 marzo, il lockdown in vigore per contenere la pandemia di Covid-19. Ma dovrebbero esserci alcune ‘concessioni'. La proposta arriva dal cosiddetto gruppo dei quattro, che lavora con il Cancelliere e i vertici dei Laender. Il documento – di cui riferisce Der Spiegel – è una bozza datata ieri sera, 1° marzo, ore 19.10. Sempre ieri il ministro dell’Economia Peter Altmaier aveva parlato di “riaperture responsabili”.

Germania, cosa si potrà fare in lockdown

Stando alla bozza, i negozi potrebbero riaprire nelle zone con una media settimanale di 35 contagi ogni 100mila, ma alcuni punti vendita, come vivai, librerie e negozi di giardinaggio potrebbero riaprire anche con un tasso di contagio più alto. Le librerie, i negozi di fiori e i mercati dei fiori dovrebbero aprire uniformemente in tutti gli Stati federali. Il prerequisito restano adeguate misure igieniche e un limite di un cliente ogni 20 metri quadrati. Sarebbe inoltre consentita la riapertura di musei, gallerie, giardini zoologici e botanici. Nelle zone con bassi contagi potrebbe scattare anche il via libera allo sport, all’aperto e con un massimo di dieci persone.

Le concessioni per Pasqua

La bozza prevede anche ulteriori eccezioni per le festività pasquali: dal 2 al 5 aprile, le visite ai parenti dovrebbero essere possibili anche quando si incontrano più di due nuclei famigliari. In vista di Pasqua, il governo dovrebbe invitare la popolazione a evitare i viaggi, sia in Germania che all'estero. Ad ogni modo il Paese resta in un sostanziale lockdown fino alle vacanze pasquali, in programma dal 29 marzo.