273 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Marzo 2022
15:47

Che succede in Corea del Sud: record di contagi Covid e boom di morti a causa di Omicron

Netta crescita dei contagi Covid in Corea del Sud a causa della variante Omicron: aumentano anche i decessi, per questi il governo ha messo in allerta i crematori di tutto il Paese.
A cura di Davide Falcioni
273 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Una persona su cinque in Corea del Sud ha contratto il Covid-19 e il totale delle infezioni dall'inizio della pandemia ha superato quota 10 milioni, mentre il Paese è stato letteralmente travolto da una nuova ondata di contagi che ha messo a dura prova non solo le strutture sanitarie, ma anche le società di pompe funebri. Come riporta Reuters, infatti, la Corea del Sud sta facendo i conti con un forte incremento delle infezioni: ieri, martedì 22 marzo, le positività sono state 490.881, il secondo dato più alto da due anni a questa parte dopo il picco di 621.205 del 16 marzo. Il numero dei positivi complessivo è salito a 10.427.247, con 13.432 morti, 291 dei quali nelle ultime 24 ore.

Benché i tassi d'infezione e mortalità del paese siano ancora molto al di sotto di quelli registrati altrove grazie a una campagna vaccinale condotta con successo, il bilancio delle vittime è pressoché raddoppiato in appena sei settimane, con un picco giornaliero di 429 morti lo scorso venerdì: ciò ha alimentando le richieste alle società di servizi funebri ed è dovuto intervenire il Ministero della Salute, che due giorni fa ha incaricato i 60 crematori del Paese a operare con un orario prolungato per incenerire il maggior numero possibile di cadaveri. Son Young-rae, funzionario del Ministero della Salute, ha spiegato a Reuters che la capacità di cremazione è passata da 1000 a 4000 unità al giorno, anche se ci sono ancora molti corpi "arretrati". Secondo i dati del Governo i 28 crematori nella città di Seoul stanno operando al 114,2% delle loro capacità, mentre in altre regioni come Sejong e Jeju all'83%. In questo quadro ci sono serie preoccupazioni per il futuro: attualmente infatti i pazienti in condizioni critiche sono poco più di mille, ma potrebbero diventare oltre duemila all'inizio di aprile. E con essi crescerà anche il numero dei morti.

273 CONDIVISIONI
32424 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni