Narwhal, il cagnolino diventato la star del web, è stato minacciato di morte. Così Rochelle Steffen, responsabile dell'associazione che si è occupata di lui in Missouri, Stati Uniti, la "Missione di Mac", ha deciso di bloccare le adozioni esterne e di portarlo a casa sua, dove sarà di certo più al sicuro. Il cucciolo, nato con una codina sulla fronte, proprio in mezzo agli occhi, e per questo ribattezzato "cane unicorno" (The Little Magical Furry Unicorn), resterà dunque nel rifugio che lo ha salvato. Nonostante siano arrivate più di 300 richieste, Rochelle si è convinta a prenderlo in affido, preoccupata "per quegli stupidi e brutti commenti online su questo adorabile esserino", con tanto di minacce alla sua incolumità. "Non volevo prenderlo all'inizio. Ma voglio essere sicura che resti con chi ha davvero a cuore i suoi interessi", ha sottolineato la donna The Southeast Missourian. La notorietà del cane, che ha attirato tanti ammiratori sui social network, ha purtroppo richiamato anche utenti che hanno espresso il loro disappunto nei suoi confronti.

Rochelle ha anche aggiunto che Narwhal verrà addestrato come cane da pet therapy, per aiutare chi è in difficoltà, sempre sorvegliato a distanza dai volontari dell'associazione che lo ha salvato. "Ci hanno fatto delle offerte esorbitanti per lui – ha sottolineato Steffen -, ma lui non è in vendita. Ci siamo innamorati tutti di lui, ha bisogno del nostro supporto". Ad attirare l'attenzione sul cucciolo a stelle e strisce è stata la famosa coda che presenta al centro della fronte. Come aveva spiegato a Fanpage.it il medico veterinario Maria Carmela Pisu, esperta in riproduzione, si tratta tecnicamente "di una plica cutanea in eccesso che si è sviluppata in quel punto, che in embriologia e anatomia viene definito un ispessimento di un tessuto ed è sinonimo di piega". Dunque, non una coda vera e propria.