Mentre in Italia si discute della nuova generazione di politici come Alfano e Renzi, in Austria il nuovo ministro degli esteri appena nominato ha solo 27 anni. Si tratta di Sebastian Kurz, esponente dei popolari nel rinnovato governo costituito dai socialdemocratici del Spoe e dai popolari dell'Oevp. Anche in Austria però Kurz rappresenta il ministro più giovane della storia politica nazionale e la sua nomina ha suscitato molto clamore sulla stampa. In realtà il giovane neo ministro austriaco è tutt'altro che nuovo ad incarichi di governo essendo considerato da tempo l'enfant prodige della politica viennese e avendo ricoperto anche l'incarico di sottosegretario all'integrazione nel precedente Esecutivo. Un incarico prestigioso che manterrà anche ora, ma che sicuramente è meno impegnativo e visibile di quello di Ministro degli esteri. Kurz nonostante la giovane età prenderà addirittura il posto di Michael Spindelegger, il segretario del suo partito, i popolari, che nel nuovo governo passa infatti al ministero delle finanze. Del resto a dare l'annuncio dell'incarico di Kurz al ministero degli esteri è stato lo stesso vicecancelliere Spindelegger all'indomani della formalizzazione dell'accordo raggiunto tra Popolari  e socialdemocratici per portare avanti la Grande Coalizione.