10.609 CONDIVISIONI
Alessia Piperno arrestata e liberata in Iran
10 Novembre 2022
12:42

Alessia Piperno è libera: detenuta in Iran, è stata rilasciata e sta tornando in Italia

Alessia Piperno, la 30enne italiana arrestata e detenuta in Iran, è stata rilasciata e tornerà presto in Italia. Lo ha annunciato Palazzo Chigi: a darne notizia alla famiglia Giorgia Meloni.
A cura di Ida Artiaco
10.609 CONDIVISIONI
Alessia Piperno in viaggio
Alessia Piperno in viaggio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Alessia Piperno arrestata e liberata in Iran

Alessia Piperno, la 30enne blogger italiana arrestata in Iran lo scorso 28 settembre e detenuta nel carcere di Evin a Teheran, è stata rilasciata dalle autorità locali e si appresta a tornare in Italia. È quanto rende noto una nota di Palazzo Chigi.

"Dopo un intenso lavoro diplomatico oggi Alessia Piperno è stata rilasciata. Il presidente del Consiglio Giorgia Meloni – si legge ancora nel comunicato -, nel ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a che Alessia riabbracci i familiari, ha informato i suoi genitori nel corso di una telefonata, pochi minuti fa".

Meloni ha anche ribadito quanto successo nel corso della conferenza stampa a margine dell'incontro col segretario della NATO Jens Stoltenberg: "Come avrete saputo Alessia Piperno sta tornano a casa. Volevo ringraziare i nostri servizi di Intelligence, il sottosegretario Mantovano, e il ministero degli Esteri per il lavoro straordinario, silenzioso per riportare a casa questa ragazza".

Pare che a sbloccare la trattativa, che andava avanti sin dalle prime ore dopo l’arresto, sia stata una telefonata tra il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani e il suo omologo di Teheran, Hossein Amirabdollahian, stando a quanto riporta Il Corriere della Sera.

"Sto bene, sono emozionata e commossa", è quanto avrebbe detto, secondo quanto si apprende da fonti qualificate, Alessia Piperno parlando al telefono con i genitori una volta sull'aereo che dall'Iran la sta riportando in Italia.

Era stato il papà di Alessia, Alberto, a lanciare un appello dopo che aveva saputo che la figlia era stata arrestata in Iran. "Erano 4 giorni che non avevamo sue notizie, dal giorno del suo 30 compleanno, il 28 settembre. Anche il suo ultimo accesso al cellulare riporta quella data. Stamattina arriva una chiamata. Era lei che piangendo ci avvisava che era in prigione. A Teheran. In Iran. Era stata arrestata dalla polizia insieme a dei suoi amici mentre si accingeva a festeggiare il suo compleanno. Sono state solo poche parole ma disperate. Chiedeva aiuto", ha scritto Alberto, titolare di una libreria, su Facebook.

Anche gli amici di Alessia si sono adoperati affinché il caso della ragazza non venisse dimenticato, tra cui lo scritto Gianluca Gotto che a Fanpage.it l'aveva definita "una viaggiatrice e non una rivoluzionaria". Oltre, naturalmente, al minuzioso lavoro di Ambasciata e Ministero degli Esteri. Fino all'epilogo di oggi.

Alessia Piperno in viaggio
Alessia Piperno in viaggio

La 30enne si trovava in Iran da due mesi quando è stata arrestata. Erano i giorni in cui sono scoppiate le proteste per la morte nelle mani della cosiddetta polizia morale della 22enne Mahsa Amini.

Alessia stava aspettando di poter rientrare in Pakistan. Dopo essersi diplomata, è infatti sempre stata in giro, amante dei viaggi e curiosa di conoscere costumi e usi di popolazioni lontane. Prima di andare in Medioriente aveva vissuto anche in Australia, in Islanda, a Panama e in Nicaragua. Riusciva anche a lavorare, utilizzando una piattaforma americana da freelance che le permetteva di organizzare viaggi o operare come segretaria a distanza.

10.609 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni