Ecco chi vincerebbe se si votasse oggi alle elezioni politiche. Secondo le rilevazioni che emergono dal Barometro Politico realizzato dall’Istituto Demopolis il M5S è ancora il primo partito in Italia.

L'indagine è stata condotta dal 6 all’8 gennaio 2018, su un campione stratificato di mille intervistati. Ed il dato che emerge è appunto l'avanzamento del M5S, primo partito del Paese con con il 29%, con un vantaggio di 5 punti sul Partito Democratico. Per il Pd, in calo al 24%, continua l'emorragia di consensi. Se si votasse oggi per la Camera, Forza Italia avrebbe il 15,3%, la Lega il 14%. Liberi e Uguali è stabile e si attesta al 7%; Fratelli d’Italia al 5%. Sotto la soglia del 2% resterebbero le altre liste minori.

"Negli ultimi 15 mesi – spiega il direttore di Demopolis Pietro Vento – il Movimento di Grillo, guidato oggi da Di Maio, ha consolidato il proprio consenso guadagnando circa 2 punti in un anno, mentre il PD è passato dal 32% del novembre 2016 al 24% di oggi". 
Con la nuova legge elettorale torna ad essere importante, per l’assegnazione dei seggi nella quota uninominale, la forza delle coalizioni. Secondo l’analisi dell’Istituto Demopolis, l’area di Centro Destra, in crescita negli ultimi mesi, otterrebbe nel complesso il 36,2%; il Movimento 5 Stelle il 29%. In difficoltà appare, al 26,5%, la coalizione di Centro Sinistra, costituita dal PD e dagli alleati minori.
"Con le attuali stime di voto – precisa il direttore di Demopolis Pietro Vento – anche la coalizione più forte resta oggi al di sotto della maggioranza assoluta di 316 seggi a Montecitorio". E questo potrebbe portare ad accordi post elettorali per poter governare.