L’impatto dell’emergenza Coronavirus sull’economia globale viene valutato da Goldman Sachs. E lo scenario non è dei più rosei. Nel caso in cui si ipotizzi un impatto ottimistico, infatti, la crisi durerà almeno un anno, secondo il rapporto di Goldman Sachs Global Research. “L’impatto sulla crescita dipenderà dalla gravità dell'epidemia” di Coronavirus, secondo quanto si legge nel report. Secondo Goldman “in uno scenario benigno, in cui i nuovi contagi rallentano nettamente entro la fine del primo trimestre, la crescita annuale dovrebbe tornare al suo livello di base entro la fine dell'anno”. Ma c’è anche l’ipotesi di uno scenario più grave, “in cui i contagi continuano a crescere significativamente nel secondo trimestre, la ripresa inizierà più tardi e l'impatto sulla crescita globale diventerà più significativa”.

Moody's parla di probabile recessione globale

D’altronde l’impatto sull’economia globale è rilevante anche per Moody’s, che in un report parla di quasi un punto percentuale perso nel primo trimestre per il Pil e un rallentamento “di 0,4 punti percentuali fino al 2,4% nel 2020. Per il contesto, la crescita potenziale globale è stimata al 2,8%”, secondo Moody’s. Che parla anche di una "probabile" recessione globale nel caso in cui il virus dovesse trasformarsi in una pandemia. E le probabilità che questo possa realmente avvenire sono "verosimilmente alte e aumentano con il crescere dei contagi in Italia e in Corea del Sud".

Coronavirus, Gentiloni: avrà un impatto economico

L’unica certezza, per il commissario europeo agli Affari economici, Paolo Gentiloni, è che “avremo un impatto economico” a livello globale a causa dell’emergenza Coronavirus. Al momento non è possibile stimare quale sia questo impatto, perché “una valutazione e una stima seria non sono ancora possibili”. A margine della presentazione del Country Report Gentiloni aggiunge: “Di fronte all’impatto economico sarà necessario coordinarsi tra i diversi Paesi Ue per adottare delle misure anti-cicliche, che favoriscano l’espansione ed evitino rischi di recessione”.

Poi Gentiloni fa un focus sulla situazione italiana: “L’economia italiana, che ha avuto un brutto quarto trimestre del 2019, avrà i suoi andamenti molto condizionati dall’evoluzione della vicenda del Coronavirus. Un motivo in più per associare alla priorità assoluta della protezione della salute dei nostri concittadini anche l’impegno a limitare la diffusione di panico, che porta al blocco delle attività economiche anche quando non ritenuto necessario dalle autorità sanitarie”.