2.024 CONDIVISIONI
2 Ottobre 2021
11:42

Anche le mance vanno tassate: cosa ha stabilito la Cassazione

In un’ordinanza depositata alcuni giorni fa in merito a una causa tra l’Agenzia delle entrale e un lavoratore di una struttura ricettiva in Sardegna, la Cassazione ha stabilito che anche le mance vadano tassate: “In tema di reddito da lavoro dipendente le erogazioni liberali percepite dal lavoratore dipendente in relazione alla propria attività lavorativa, tra cui le cosiddette mance, rientrano nell’ambito della nozione onnicomprensiva di reddito”, si legge. Nel 2007 il lavoratore aveva ricevuto un avviso per un reddito non dichiarato pari a 83.650 euro corrispondenti a mance.
A cura di Annalisa Girardi
2.024 CONDIVISIONI

Anche le mance vanno considerate come parte del reddito di un lavoratore a tutti gli effetti e, quindi, vanno allo stesso modo tassate. A stabilirlo è la sezione tributaria della Cassazione, in un'ordinanza depositata alcuni giorni fa in merito a una causa tra l'Agenzia delle entrale e un lavoratore di una struttura ricettiva in Sardegna. La Corte alla fine ha accolto il ricorso dell'Agenzia delle Entrate, richiamando anche a una sua precedente pronuncia del 2006, stabilendo che: "In tema di reddito da lavoro dipendente le erogazioni liberali percepite dal lavoratore dipendente in relazione alla propria attività lavorativa, tra cui le cosiddette mance, rientrano nell'ambito della nozione onnicomprensiva di reddito fissata dall'articolo 51, primo comma, del dpr 917/1986 e sono pertanto soggette a tassazione".

Accogliendo il ricorso dell'Agenzia, la Cassazione ha annullato la decisione della commissione tributaria della Regione, che aveva invece dato ragione al lavoratore. Il quale aveva ricevuto un avviso riguardante l'anno 2007, per un reddito da lavoro dipendente non dichiarato pari a 83.650 euro corrispondenti a mance. Secondo la commissione tributaria, trattandosi di somme "percepite direttamente dai clienti senza alcuna relazione con il datore di lavoro", la cifra non avrebbe dovuto essere tassata.

Per la Cassazione, invece, "l'onnicomprensività del concetto di reddito da lavoro dipendente giustifica la totale imponibilità di tutto ciò che il dipendente riceve, anche, quindi, come nel caso in esame, non direttamente dal datore di lavoro, ma sulla cui percezione il dipendente può fare, per sua comune esperienza, ragionevole, se non certo, affidamento". Il caso comunque non è ancora concluso, in quanto è destinato ora a tornare in commissione tributaria che, alla luce delle delucidazioni della Cassazione, dovrà riesaminarlo.

2.024 CONDIVISIONI
Cosa dicono gli esperti sulla nuova variante scoperta in Sudafrica
Cosa dicono gli esperti sulla nuova variante scoperta in Sudafrica
Cosa pensano gli elettori di Renzi dei soldi che il loro leader ha ricevuto da Bin Salman?
Cosa pensano gli elettori di Renzi dei soldi che il loro leader ha ricevuto da Bin Salman?
Vaccino Covid obbligatorio per personale scuola e forze dell'ordine, cosa rischia chi non lo fa
Vaccino Covid obbligatorio per personale scuola e forze dell'ordine, cosa rischia chi non lo fa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni