Solo stamattina ha smesso di vivere, il grande scrittore siciliano Andrea Camilleri, subito dopo sono iniziati i commenti degli haters sui social. Un mese fa, in occasione del suo ricovero in ospedale, avevamo già denunciato la vergognosa diffamazione a mezzo social di pochi stupidi, che nasceva dalla querelle con il loro "capitano" su cui lo scrittore si era espresso duramente. "Andranno i migranti a vegliarlo" aveva scritto vergognosamente qualcuno. Stavolta però è troppo. Ancora di più se i peggiori a dare prova di sé, sono i follower del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che invece stamattina in un tweet aveva reso un breve omaggio al papà di Montalbano (forse consigliato dal suo stratega della comunicazione, Luca Morisi.

Andrea Camilleri morto, gli insulti dei followers di Salvini

Ma i sostenitori più acerrimi del ministro e leader della Lega, non l'hanno presa bene. E se la sono presa tanto con Salvini, quanto con il povero Camilleri, morto stamattina all'ospedale Santo Spirito di Roma, lanciandosi in commenti del tipo:

"MA PER FAVORE! Via un’altra zecca anacronistica di propaganda! Si respira meglio senza quel tisico kompagno komunista, molto meglio!"

Tisico kompagno komunista, con la K, così scrive un attivo fan del ministro Salvini sul suo profilo Twitter. "Un pidiota in meno" scrive qualcun altro, "vecchio tartarugone", eccetera, eccetera. Che pena.

Ma c'è anche chi, più realista del Re, se la prende direttamente con Salvini:

Sti cazzi salvi,ricorda come te ha trattato. Per certa gente nn si versano lacrime.

Assurdità, di cui tristemente vi diamo conto. Per non parlare dei commenti di chi, semplicemente, poteva star zitto e invece decide di scriverne:

A me è sempre stato un po' sullo stomaco. Posso confessarlo? Esageratamente idolatrato. Mia opinione, certo…