Settant'anni fa, il primo ottobre 1950, nasceva il Terzo Programma della Rai. Oggi Radio3 (dal 1975 il Terzo Canale prese il nome attuale) festeggia i suoi primi 70 anni con i suoi ascoltatori "mantenendo l'entusiasmo per tutto ciò che è bellezza e intelligenza: rispettando il vincolo della qualità della parola, che vuol dire qualità del pensiero" all'insegna del claim: "Settant'anni e sentirli tutti!". Alle ore 21.00 del primo ottobre 1950, Salvino Sernesi, l'allora direttore generale della Rai, pronuncia queste parole dai microfoni del Centro di Produzione di via Asiago in Roma, annunciando così l’avvio del nuovo canale:

Tra qualche minuto il Terzo Programma della Radio Italiana comincerà ad esistere, non sembri strano od esagerato che dica che questo evento suscita una certa emozione in me ed in tutti coloro che, come me, danno la loro opera per la radiofonia italiana.

La prima trasmissione dell'allora Terzo Programma della Radio Italiana viene diffusa dalle 21.00 alle 23.15 dalle stazioni a modulazione di frequenza di Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia e dalle stazioni a onda corta di Roma. Il Terzo Programma nasce come il canale culturale radiofonico italiano, che nel 1975 diventa Radio 3, che oggi, l'emittente diretta da Marino Sinibaldi afferma essere "un'eredità che da settant’anni a Radio 3 coltiviamo con cura, dedizione ed entusiasmo. Rispettando la vocazione culturale con cui è nato il nostro canale e arricchendolo, ogni giorno, con contenuti, approfondimenti, idee e nuovi linguaggi."

"In questi settant’anni" continua la nota la radio è riuscita rinnovarsi davanti a ogni evento che poteva rappresentare per lei un ostacolo: la televisione prima, internet dopo. La radio ha raccolto ogni sfida, traducendola in nuovi stimoli e nuove soluzioni. Dalle dirette ai podcast il Terzo Programma è sempre… più di quanto immagini."