I 113 migranti che si trovano da giorni a bordo della imbarcazione danese Alexander Maersk sbarcheranno a Pozzallo in queste ore. Lo sbarco è stato autorizzato dal Viminale, come ha fatto sapere il sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna: quest’ultimo si era appellato al governo affinché fosse consentito ai migranti di approdare nel porto dopo quattro giorni in cui sono stati fermi davanti alle coste italiane: la Alexander Maersk aveva soccorso i migranti che si trovavano a bordo di un gommone in avaria. Il soccorso era avvenuto con il coordinamento della Guardia costiera italiana e per questo motivo ci si attendeva uno sbarco immediato, che non è invece stato autorizzato fino a questa sera.

Il sindaco di Pozzallo ha fatto sapere che lo sbarco è stato autorizzato e ha espresso la sua “soddisfazione per la positiva conclusione della vicenda perché si è avverato l'auspicio contenuto nel mio appello”. “Era una decisione attesa non solo da parte mia – prosegue Ammatuna – ma anche da tutta la città che ha vissuto con apprensione l'evolversi della situazione”. Il sindaco ha ringraziato il ministro dell’Interno Matteo Salvini “per aver accettato la richiesta umanitaria che ho inoltrato e sono sicuro che la decisione assunta sia quella giusta”.

Lo sbarco è previsto per le 22.30 e la macchina organizzativa è già stata “attivata ed accoglieremo con l'umanità di sempre queste persone che hanno sofferto, cercando di dare loro la dovuta assistenza e restituirgli il sorriso. Un ringraziamento va alla prefettura, alle forze dell'ordine, alla capitaneria di porto ed ai volontari per l'impegno profuso; un ringraziamento particolare va inoltre al comandante e all'equipaggio della nave Alexander Maersk per l'umanità dimostrata”. “Oggi – conclude il sindaco di Pozzallo – è un giorno importante, perché oltre alla lieta conclusione della vicenda è stato dimostrato che la solidarietà è ancora un sentimento diffuso”.