16 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Velvet Media vende tutto ma non basta per pagare i debiti: l’azienda aveva abolito orario di lavoro

L’azienda che aveva abolito l’orario di lavoro ha dovuto mettere in vendita i suoi beni per far fronte ai 7 milioni di euro di debiti accumulati. La vendita, però, non basta a far fronte ai creditori.
A cura di Gabriella Mazzeo
16 CONDIVISIONI
Immagine

Avevano deciso di abolire l'orario di lavoro, con una nuova organizzazione basata su turni liberi e condivisione degli spazi di lavoro con i propri animali domestici. L'agenzia Velvet Media Italia, diventata poi Media Production, si è trovata sommersa da un mare di debiti. Sette milioni e 350mila euro di buco che fanno impallidire i creditori che aspettano risarcimenti dall'azienda. Gran parte dei creditori non vedrà l'ombra di un quattrino: sono oltre 200 tra fornitori, professionisti e agenzie di affitto per le automobili che battono cassa perché non pagati.

I debiti più consistenti l'azienda li ha accumulati con l'Inps e Agenzia delle Entrate: quasi 400mila euro per la prima e 5 milioni e mezzo di euro per la seconda. Secondo quanto riporta Corriere della Sera, l'ultimo passo del curatore fallimentare è stata la messa in vendita dei beni smobilizzabili: il parco auto con 4 Mercedes Classe B (fruttato poco meno di 150mila euro), i computer e il mobilio dell'ufficio preso in affitto.

Anche in questo modo però sembra difficile far fronte ai debiti. Le vendite sono riuscite a saldare circa la metà del valore dei debiti con i dipendenti.

A mettere in questa situazione l'azienda sarebbe stata un'operazione spregiudicata avviata nel novembre del 2022.

La società avrebbe infatti pagato i costi per i progetti il cui ricavo sarebbe però stato incassato dalla Velvet Group all'interno della quale non vi è traccia della compagine di soci di Bassel Bakdounes, titolare dell'agenzia Velvet Media Italia.

La nuova impresa, invece, sarebbe formalmente guidata da una ex direttrice commerciale di Velvet Media e da un'altra dipendente storica. Un pantano su cui potrebbero accendersi le luci di un'inchiesta per reati fallimentari.

Chi non riceverà i soldi dovuti dopo la procedura di liquidazione, potrebbe infatti denunciare una manovra illecita riassumibile con l'espressione "una paga e l'altra incassa". Si tratterebbe infatti di bancarotta per distrazione. L'operazione, nata per salvare il brand e forse anche il fatturato, avrebbe impoverito la massa creditizia su cui chi vantava soldi avrebbe potuto agire.

16 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views