Si è introdotto nell'ospedale di Santa Maria della Misericordia e ha cercato di abusare di una delle anziane degenti. Un ragazzo di 26 anni residente in provincia di Udine è stato arrestato nella notte, poco prima dell'una, dalla polizia dalla squadra volanti della questura del capoluogo friulano e portato nel carcere cittadino. A suo carico l'accusa di violenza sessuale.

Secondo la ricostruzione delle forze dell'ordine che lo hanno fermato, verso mezzanotte il giovane è entrato in una delle stanze del nosocomio dove al momento erano ricoverate due donne. Dopo aver svegliato la più anziana l'ha trascinata con la forza in un bagno. Quando la donna si è rifiutata di seguirlo, l'ha sollevata di peso dal letto. All'interno del bagno l'uomo si è spogliato e ha tentato di abusare di lei. Fortunatamente è stato interrotto dall'arrivo di un'infermiera che nel frattempo era stata allertata dalla compagna di stanza della donna. L'operatrice sanitaria ha trovato l’anziana visibilmente sotto shock, mentre l’uomo si era nascosto nel vano della doccia. Scoperto, ha tentato inizialmente di giustificarsi dicendo di trovarsi li perché aveva cercato di aiutare la donna, e dopo si è dato alla fuga imboccando il corridoio. Un altro infermiere si è messo ad inseguirlo ed è riuscito a bloccarlo, aiutato dagli agenti di polizia che si trovavano già sul posto per far effettuare un tampone anticovid ad un minore clandestino poco prima rintracciato sul territorio.

Secondo alcuni testimoni, l'aggressione ai danni dell'anziana non sarebbe stato l'unico tentativo del ragazzo che, nella stessa serata, aveva provato ad approcciare una donna seduta su una sedia a rotelle e limitata nei movimenti in attesa di cure al Pronto Soccorso. Aveva provato a trascinarla in un luogo più appartato ma aveva desistito di fronte alle sue urla.