Mentre 500mila studenti italiani sono impegnati con la Maturità 2020, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha pubblicato online il bando per il test di accesso ai corsi di laurea a ciclo unico e a numero programmato di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina veterinaria e per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie. Le prove per l'anno accademico 2020/2021 si terranno all'inizio del prossimo mese di settembre, il 3 precisamente, e si svolgeranno in presenza. Il decreto del ministero spiega infatti che, in considerazione dell’emergenza Coronavirus, "le università devono assicurare, sia nella fase di accesso ai locali adibiti allo svolgimento delle prove sia nelle fasi successive, il distanziamento fisico e sociale tra i candidati stessi nonché l’adozione, da parte dei candidati e di tutti gli altri soggetti presenti, delle misure igieniche personali e ambientali" adeguate.

Test di Medicina 2020: le date

La data del test di Medicina 2020, così come riportato nel decreto pubblicato sul sito del Miur, è il 3 settembre 2020, con prova unica nazionale sia per i corsi di Medicina che per Odontoiatria e Protesi dentaria, come succedeva gli scorsi anni. Giovedì 10 settembre toccherà invece a coloro che vogliono tentare per i corsi di laurea in inglese. Il test per Medicina e Odontoiatria inizierà alle 12:00, e non alle 11:00 come nel 2019.

In cosa consiste il test e come iscriversi

Il test sarà composto da 60 quesiti con cinque opzioni di risposta: dodici quesiti saranno di cultura generale; dieci di ragionamento logico; diciotto di biologia; dodici di chimica; otto di fisica e matematica. Per lo svolgimento della prova si avranno a disposizione 100 minuti. Gli aspiranti camici bianchi possono iscriversi alla prova di ammissione dal 1 al 23 luglio sul sito Universitaly, e dovranno contestualmente indicare, in ordine di preferenza, le sedi per cui intendono concorrere. Nel testo del Miur è poi specificato che ciascun candidato, "a prescindere dalla sede indicata come prima preferenza di assegnazione, sostiene la prova presso la/e sede/i dell’ateneo/degli atenei disponibili nella propria provincia di residenza o, se non disponibili, nella provincia limitrofa rispetto a quella di residenza".

Punteggio e graduatorie: cosa cambia rispetto all'anno scorso

Secondo quanto stabilito dal Miur, i candidati che abbiano sostenuto la prova risultano idonei all’ammissione a Medicina se abbiano ottenuto un punteggio minimo di venti punti, cosa che non vale per il test di Professioni sanitarie, per il quale c'è la soglia di zero punti. Per quanto riguarda la valutazione delle prove, sono attribuiti al massimo novanta punti, che si ottengono facendo la somma dei seguenti valori: 1,5 punti per ogni risposta esatta; meno 0,4 punti per ogni risposta errata e 0 punti per ogni risposta omessa. Per Medicina, Odontoiatria e Veterinaria, sulla base del punteggio di ciascun candidato, viene pubblicata una graduatoria unica nazionale. Il 29 settembre 2020 verranno pubblicate sul sito riservato le graduatorie nominative di ciascun corso di laurea con l’indicazione per ogni candidato del punteggio ottenuto, della posizione in graduatoria e della sede universitaria in cui lo stesso è collocato come "assegnato" ovvero, tenendo conto della posizione in graduatoria di tutti i candidati che lo precedono e delle relative preferenze di sede, come "prenotato" o come "in attesa".