835 CONDIVISIONI
21 Marzo 2018
13:40

Stuprata e uccisa a 9 anni mentre torna a scuola a piedi: la storia della piccola Ebony

Un pomeriggio d’estate, mentre torna a casa a piedi dalla fermata dello scuolabus, la piccola Ebony Simpson sparisce. Il suo corpo verrà ritrovato poche ore dopo in una diga: è stata stuprata. A Bargo, si apre la caccia all’orco.
835 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Profondo Giallo

Bargo è una piccola città a sud ovest di Sidney, nota per essere stata teatro del massacro nel 1816, quando i coloni fecero strage degli aborigeni locali per appropriarsi della loro terra. Secoli di pace e sviluppo ne hanno fatto una cittadina tranquilla e accogliente, fino a quando, nell'estate 1992, Bargo viene accostata nuovamente a un episodio di violenza, ma stavolta è tutto diverso.

Era il 19 agosto quando, nelle prime ore del pomeriggio, si diffonde la voce che Christine Simpson ha smarrito la figlia minore di 9 anni. Ebony doveva tornare dalle lezioni estive con lo scuolabus, suo fratello l'aspettava alla fermata per portarla a casa. Per un ritardo del pulmino, però, fratello e sorella non si sono incrociati. Lui è tornato a casa pensando di trovarvi la sorellina, lei è sparita. Una squadra di volontari e forze dell'ordine comincia le ricerche della piccola Ebony, mentre Christine e il marito chiamano amici e parenti, nella speranza che la piccola si sia trattenuta con qualcuno.

Solo poche ore dopo che l'allarme è stato dato la polizia bussa alla porta di casa Simpson. "L'abbiamo trovata", dice un agente, ma lo sguardo è spento e il tono di voce basso. Ebony è stata trovata cadavere in una diga, con la cartella piena di sassi. Non è stato un incidente. La notizia del ritrovamento scava un solco profondo nella comunità di Bargo, dove tutti credevano che i ragazzi fossero liberi di tornare a casa da scuola e invece a Bargo c'è qualcuno che preda i bambini. Qualcuno ha rapito Ebony, l'ha violentata e poi l'ha gettata in una diga, dove la bimba è annegata.

È stato un predatore, secondo gli inquirenti, un uomo tra i 30 e i 40 anni, presumibilmente, che aspettava il passaggio della piccola per aggredirla. Le testimonianze, in proposito, convergono su una misteriosa Mazda gialla parcheggiata sulla strada sterrata che dalla fermata porta a casa Simpson. L'auto, un veicolo singolare, viene identificata e il suo proprietario interrogato. Si tratta di Andrew Garforth, 29 anni, trasferitosi a Bargo alcuni mesi prima dall'Australia occidentale con la compagna e due figli.

Poche ore dopo, senza tradire alcuna emozione, Garforth ammette: "Sono stato io, l'ho afferrata e scaraventata nel bagagliaio della macchina". Tutto, nella ricostruzione dell'assassino di Ebony, è avvenuto nell'arco di pochi minuti, mentre il fratello della piccola tornava a casa e sua madre preparava il pranzo. Pochi istanti che hanno segnato la condanna di una famiglia.

Reo confesso, Garforth viene processato per l'omicidio della piccola Ebony e condannato al carcere a vita. L'uomo, che in prigione ha subito numerose aggressioni per la natura del crimine commesso, è sospettato anche dell'omicidio irrisolto della 19enne Felicia Marie Wilson. La giovane reginetta di bellezza è stata uccisa alla vigilia del suo matrimonio mentre tornava a casa dal lavoro. Il delitto è avvenuto nell'Australia occidentale, a 40 km a sud di Perth, dove Garforth abitava prima di trasferirsi a Bargo.

835 CONDIVISIONI
Giornalista dal 2012, scrittrice. Per Fanpage.it mi occupo di cronaca nera nazionale. Ho lavorato al Corriere del Mezzogiorno e in alcuni quotidiani online occupandomi sempre di cronaca. Nel 2014, per Round Robin editore ho scritto il libro reportage sulle ecomafie, ‘C’era una volta il re Fiamma’.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Profondo Giallo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni