226 CONDIVISIONI

Sorelle trovate mummificate a Recanati, morte per cause naturali secondo l’autopsia: “È uno scandalo”

Sono morte per cause naturali Luisa Berenice e Piermaria Luigia Stortini, le due sorelle di Recanati i cui corpi sono stati trovati quasi mummificati l’uno accanto all’altro nella loro casa nei giorni scorsi secondo quanto emerge dall’autopsia. L’avvocato: “Questa tragedia è uno scandalo”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
226 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Sono morte per cause naturali e molto tempo fa Luisa Berenice Stortini, 69 anni, e Piermaria Luigia, 71 anni, le due sorelle di Recanati i cui corpi sono stati trovati quasi mummificati l'uno accanto all'altro nella loro casa in Corso Persiani 27 nei giorni scorsi.

È quanto emerge dai risultati dell'autopsia che è stata effettuata dal medico legale Antonio Tombolini e che era stata disposta dalla Procura per escludere altre cause del decesso.

"La tragedia delle Stortini è uno scandalo perché il Comune conosceva perfettamente la situazione delle due sorelle, basterebbe solo verificare la fitta e prolungata corrispondenza che le due sventurate hanno intrattenuto con l’Ufficio Tributi. Pensare ora che le due poverette giacevano già semi mummificate mi fa rabbrividire e, nel contempo, davvero infuriare", ha detto l'avvocato Mario Pinelli.

Le sorelle Stortini, originarie di Macerata, erano rimaste orfane da piccole ed erano state poste sotto la tutela di qualche parente a Recanati che poi si è dileguato. Secondo i vicini di casa, le donne rifiutavano rapporti con chiunque, dai parenti al vicinato, alle istituzioni. Gli infissi delle finestre della loro casa, che avevano ereditato, erano sempre chiusi ed era raro incontrarle in strada. Vivevano con un modesto reddito e non erano seguite dai servizi sociali.

La città in questi giorni si è molto interrogata su come sia stato possibile per una comunità di poco più di 20mila abitanti perdere memoria delle due donne, che sono state trovate in camera da letto, una adagiata sul pavimento, ai piedi del letto, e l’altra seduta su una sedia.

I due cadaveri sono stati rinvenuti perché dall'appartamento delle due donne filtrava dell'acqua nell’alloggio che si trovava al di sotto del loro e che risulterebbe disabitato. Infatti, solo quando il proprietario è andato a fare un casuale sopralluogo nella casa, si è accorto della perdita di acqua.

226 CONDIVISIONI
Giallo nel Barese, donna trovata morta in casa: disposta l'autopsia, nessuna ipotesi esclusa
Giallo nel Barese, donna trovata morta in casa: disposta l'autopsia, nessuna ipotesi esclusa
Caso Liliana Resinovich, oggi a Milano la nuova autopsia: "Chiarire data e causa della morte"
Caso Liliana Resinovich, oggi a Milano la nuova autopsia: "Chiarire data e causa della morte"
Rodolfo non risponde, la sorella trova sangue sulle scale e il cadavere in casa: disposta l’autopsia
Rodolfo non risponde, la sorella trova sangue sulle scale e il cadavere in casa: disposta l’autopsia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni