450 CONDIVISIONI
Covid 19
11 Marzo 2021
12:27

Sopravvissuto al Covid dopo settimane in terapia intensiva: “Non ricordo nulla di quei giorni”

Maurizio è sopravvissuto al Covid nonostante sembrava che per lui non vi fosse più nulla da fare. Mesi in terapia intensiva della quale non ricorda niente: i pochi flash che ha gli sono stati trasmessi dai racconti degli infermieri, dei familiari e dei medici. Nonostante tutto, Maurizio è riuscito a tornare a casa dalla sua famiglia. “Non ho alcun ricordo di quei momenti”
A cura di Gabriella Mazzeo
450 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Qui abbiamo visto tanti morti, abbiamo bisogno di vedere i vivi". Sono state queste le parole che il medico ha rivolto a Maurizio Paternieri, classe 1963, quando è tornato in ospedale per vedere dove era ricoverato quando aveva il Covid. Dice di non ricordare niente di quei giorni tra la vita e la morte: neppure un minuto nel bagaglio di quella terribile esperienza. Polmonite interstiziale devastante, terapia intesiva, intubato, febbre a 41 e due arresti cardiaci. Sua moglie Nicoletta, sua figlia e i medici del Policlinico San Matteo di Pavia gli raccontano aneddoti che lui non riconosce. Ha in mente solo qualche flash degli ultimi giorni prima di tornare a casa. Solo qualche dettaglio: la voce di un'infermiera che annunciava il suo risveglio, qualche dialogo catturato per sbaglio e qualche immagine. Dal 12 marzo 2020, dopo il ricovero, soltanto lo scorso venerdì si è sentito dire "sei guarito".

Il medico che lo ha salvato, il dottor Savino Patruno è ormai un suo amico, tanto da averlo portato a rivedere le stanze in cui ha trascorso settimane da incosciente. Il paziente è rimasto in intubazione dal 18 marzo al 25 aprile dell'anno scorso, poi è passato alla terapia sub-intensiva e ha finito in un reparto Covid il 29 aprile. Un altro mese è passato fino al rientro a casa, il 29 maggio: qui ha dovuto combattere contro le complicazioni post malattia. Maurizio racconta di giorni in cui sua madre si informava per la lapide, sua moglie ha chiesto la cremazione e la figlia ha guardato il conto corrente per organizzare le cose burocratiche prima di dirgli addio. Però il destino di Maurizio era un altro: è tornato a casa, sano e salvo, e ha potuto riabbracciare la figlia di 21 anni.

Adesso però cerca di recuperare il sorriso e la vita di sempre nonostante la paura: racconta qualche flash, cose che gli sono state raccontate da altri. Tipo quella volta che era in sub-intensiva e ha visto sua moglie fuori da un vetro. Le aveva detto di vedere un treno in viaggio nelle Langhe. Un'altra volta, sempre confuso, aveva detto alla figlia di essere fortunato perché nonostante l'ospedale aveva davanti a sé una "bella vista lago". Nessun lago, invece, fuori da quella stanza d'ospedale. la speranza è di poterlo vedere presto, il lago, senza doversi preoccupare più di niente.

450 CONDIVISIONI
29784 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni