Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito ufficiale un avviso di richiamo, in data 7 agosto 2019, riguardante un lotto di salame campagnolo a marchio Salumi Pasini per rischio microbiologico dovuto a presenza di salmonella. L'avviso era già apparso sul portale di Carrefour qualche giorno prima. Il prodotto oggetto di richiamo è stato posto in vendita nel formato da 270 grammi circa, con il numero di lotto 1056. Il salame è stato realizzato da Salumi Pasini di Smapp Spa, nello stabilimento di via Circonvallazione 7, a Trezzano sul Naviglio in provincia di Milano. Il consiglio ai consumatori, come sempre avviene in questi casi, è di non consumare l'alimento in questione o di riportarlo al punto vendita dove è stato acquistato. Per ulteriori informazioni, scrive Giovanni D'Agata, responsabile dello Sportello dei Diritti, si può contattare direttamente l'azienda al numero 3346689227.

Si ricordi che la salmonella è l’agente batterico più comunemente isolato in caso di infezioni trasmesse da alimenti. Si trova soprattutto in uova, maionese, latte non pastorizzato, pollame, carni di maiale, hamburger, pesci e molluschi cresciuti in acque contaminate ed è responsabile della salmonellosi, una patologia che viene trasmessa attraverso l’ingestione di cibi contaminati o per contatto, responsabile di infezioni gastrointestinali che possono portare a vomito, diarrea e dolore addominale e nei casi più gravi anche febbre alta. In genere i sintomi si manifestano dopo 12-72 ore dall'ingestione del cibo contaminato o, comunque, dall'esposizione al batterio.