Ha trovato uno zaino abbandonato, ha visto che conteneva oltre ad alcuni effetti personali ben settemila euro in contanti e anche un blocchetto di assegni in bianco e senza pensarci due volte si è presentato in Questura per consegnarlo e aiutare gli agenti a rintracciare il legittimo proprietario. Il bel gesto che vede protagonista un trentunenne tunisino arriva da Rimini. Il giovane aveva visto lo zaino su una sedia di un locale della città, in zona San Giuliano: a dimenticarlo era stato un imprenditore del posto di quarantanove anni che, uscito dal locale in via Ortigara, aveva poggiato lo zainetto coi soldi su una sedia, dove poi è stato ritrovato nella notte.

Il giorno successivo il trentunenne ha portato lo zainetto ritrovato in Questura. A quel punto gli agenti ben presto sono risaliti all’identità del proprietario e oggi l’uomo che aveva perso il prezioso oggetto ha voluto incontrare di persona il giovane tunisino per ringraziarlo e regalargli la somma di 700 euro per “premiare” il senso civico dimostrato. Una somma che sicuramente serve all'uomo, da poco disoccupato in quanto lavoratore stagionale. “Quel ragazzo è un buon samaritano”, fanno sapere dalla Questura di Rimini parlando di una prova di onestà e umiltà.

La storia che arriva da Rimini per fortuna non è unica nel suo genere. Qualche settimana fa si era resa protagonista di un bel gesto simile un'altra persona attualmente senza lavoro, una donna di trenta anni di San Cataldo (Caltanissetta) che dopo aver trovato un portafoglio ricolmo di banconote, con all’interno ben 1.850 euro in contanti, ha subito avvisato i carabinieri e consegnato i soldi. Anche in quel caso grazie a lei i militari hanno potuto rintracciare il proprietario, un ventisettenne del posto.