Bruttissima episodio quello che è andato in scena tra le strade del Ragusano nei giorni scorsi: un gruppo di bambini di non più di dieci anni ha preso di mira un cane randagio arrivando a mozzargli le orecchie per puro divertimento, lasciandolo poi sanguinante sull'asfalto. L'episodio ad Acate, comune a nord del capoluogo di provincia dove ad interrompere la macabra scena è stato solo l'intervento di un passante che ha capito cosa stesse accadendo ed è intervenuto mettendo fine allo strazio del povero animale. Un intervento che si è rivelato decisivo visto che fortunatamente l'animale è stato poi salvato grazie alle cure tempestive di un veterinario.

Secondo la ricostruzione del quotidiano locale Ragusa Oggi,  protagonista dell'episodio un gruppetto di bambini tra i 9 e i 10 anni che avrebbero preso di mira una cucciolata di randagi che si aggirava in strada non lontano dalle abitazioni dei piccoli, in un quartiere popolare di Acate. Prima l'avvicinamento ai cani  che forse si sono fidati e poi i maltrattamenti, infine il gruppetto si è scatenato e, armato di coltelli e forbici, ha cercato di catturarne alcuni per mozzargli le orecchie. L'obiettivo era tagliare le orecchie ai più piccoli e, almeno con uno, ci sono riusciti. Fortunatamente un passante ha visto la scena e li ha fermati prima che ripetessero il gesto su altri cani e ha allertato i soccorsi era anche le forze dell'ordine. I piccoli sono stati identificati e riconsegnati alle rispettive famiglie visto che non sono perseguibili in alcun modo a causa dell'età. Il cucciolo è stato portato immediatamente dal veterinario che gli ha ricucito le ferite e ora sta bene: "È stato coraggioso –  hanno fatto sapere i medici –  tanto coraggioso che è stato ribattezzato Leone".