946 CONDIVISIONI
11 Ottobre 2021
08:34

Puglia, carabiniere No vax stroncato dal Covid a 52 anni: grave un collega, anche lui non vaccinato

È ricoverato in gravi condizioni il collega di Donato Guido, l’appuntato dei carabinieri originario del Salento morto sabato 9 ottobre stroncato dal Covid in soli 20 giorni. Il militare, 52 anni, aveva deciso di non vaccinarsi. Anche il secondo carabiniere è un No Vax. “Il virus c’è ancora e miete silenziosamente vittime e le miete servendosi proprio di noi” si legge in una nota diffusa dal sindacato Unarma Puglia.
A cura di Chiara Ammendola
946 CONDIVISIONI
Donato Guido (Facebook)
Donato Guido (Facebook)

Il Covid lo ha ucciso in soli 20 giorni, strappandolo a famigliari, amici e colleghi. La morte di Donato Guido, carabiniere salentino originario di Collepasso, giunge dopo tre settimane in cui il 52enne è stato male tanto da essere ricoverato all'ospedale Vito Fazzi di Lecce. Risultato positivo al Coronavirus le sue condizioni sono apparse subito critiche e le terapie ospedaliere non sono riuscite a salvargli la vita. Guida, 52 anni, appuntato scelto in servizio nei ranghi del Nucleo radiomobile della Compagnia di Gallipoli, non aveva problemi di salute, era leggermente in sovrappeso ma non era vaccinato perché, come riportato da Repubblica.it che ha raccolto la testimonianza di un collega dell'uomo, aveva paura delle possibili conseguenze del vaccino.

Donato Guido non aveva altre patologie: aveva scelto di non vaccinarsi

"Era convinto che il vaccino avrebbe potuto provocargli conseguenze piuttosto gravi e per questo aveva preferito rimanere scoperto" le parole del collega di Guido morto nella mattinata di sabato 9 ottobre: lascia i due figli (Fernando e Francesca), i genitori (Pina e Fernando), il fratello Fabio, i colleghi e tanti amici. Stando a quanto riportato da Repubblica ci sarebbe un altro carabiniere, collega di Donato Guido, che come lui prestava servizio a Gallipoli nel Nucleo operativo radiomobile, che ora sarebbe ricoverato in ospedale in gravi condizioni: originario di Matino, anche lui ha scelto di non vaccinarsi. Positivo al Covid anche un terzo carabiniere non vaccinato della stessa compagnia che però non ha sintomi gravi e ora si trova in isolamento a casa insieme alla sua famiglia.

Il covid-19 è un nemico invisibile, subdolo e mortale

"L'episodio è e resta triste e amaro, ci lascia attoniti e addolorati nella constatazione che un collega non c'è più ed altri ancora lottano per guarire, ma al contempo deve esserci da chiaro monito e farci riflettere: il virus c'è ancora e miete silenziosamente vittime e le miete servendosi proprio di noi – si legge in una nota diffusa dal sindacato Unarma Puglia – per questo motivo, questa associazione sindacale pugliese invita ogni carabiniere alla responsabilità delle proprie scelte e delle proprie azioni, ponendo al centro della disputa sempre la sicurezza, propria e degli altri, ivi compresi i nostri familiari, dentro e fuori dal servizio, quale ineludibile cardine per la lotta al virus e il corretto e sicuro espletamento dei delicati compiti cui siamo chiamati ad assolvere. Il covid-19 è un nemico! Un nemico invisibile, subdolo e mortale che – conclude la note – non si può pensare di combattere a mani nude e senza armi e protezioni, soprattutto da chi è chiamato, ogni giorno, in prima persona, sui campi di battaglia".

946 CONDIVISIONI
Torino, marito No Vax aggredisce la moglie perché si è vaccinata contro il Covid
Torino, marito No Vax aggredisce la moglie perché si è vaccinata contro il Covid
Alta Austria e Salisburgo in lockdown totale: verso blocco generalizzato per vaccinati e no vax
Alta Austria e Salisburgo in lockdown totale: verso blocco generalizzato per vaccinati e no vax
41 di Videonews
USA, morto di Covid telepredicatore No Vax: invitava a pregare contro la pandemia
USA, morto di Covid telepredicatore No Vax: invitava a pregare contro la pandemia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni