462 CONDIVISIONI
Coronavirus
10 Settembre 2021
12:15

Per la scienziata che ha sviluppato il vaccino AstraZeneca la terza dose non serve per tutti

Per il capo del team di sviluppo del vaccino di AstraZeneca, la professoressa Sarah Gilbert dell’università di Oxford, una terza dose del vaccino anticovid non serve a tutti. Per l’esperta, la protezione dal Covid è duratura per la maggior parte delle persone dopo due dose e i vaccini sono più utili per vaccinare i Paesi poveri ed evitare così nuove mutazioni del virus.
A cura di Antonio Palma
462 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

“La protezione dal Covid è duratura per la maggior parte delle persone che hanno ricevuto la doppia dose del vaccino, dunque non è necessario un programma di richiamo di massa con la terza dose”, lo ha affermato una delle scienziate a capo del team di sviluppo del vaccino di AstraZeneca, la professoressa Sarah Gilbert dell’università di Oxford, dicendosi contraria a una terza dose del vaccino anticovid per tutti. In una intervista al Daily Telegraph, l’esperta ha spiegato che alcuni gruppi vulnerabili potrebbero aver bisogno della terza ma l'immunità si è dimostrata duratura nella maggior parte dei casi, anche contro la variante delta, più contagiosa, che ha creato un nuovo picco di casi e decessi nel Regno Unito.

Gilbert: "Vacciniamo i Paesi poveri"

Secondo Gilbert, al momento per combattere la pandemia mondiale sarebbe molto più utile usare quelle stesse dosi per vaccinare le popolazioni di quei paesi con un basso tasso di immunizzazione. "Abbiamo bisogno di vaccini nei paesi in cui finora la maggior parte della popolazione non è stata vaccinata", ha dichiarato la professoressa schierandosi dunque contro quelle che appaiono le intenzioni del governo britannico. "Man mano che il virus si diffonde tra le persone, muta, si adatta e si evolve, come la variante delta e fermarlo il più rapidamente possibile", ha affermato Gilbert, invitando dunque i governi occidentali a fermare la diffusione del contagio fondendo vaccini ai paesi poveri.

Il Regno Unito si prepara alla terza dose del vaccino covid

In Gran Bretagna il Comitato congiunto per la vaccinazione e l'immunizzazione (JCVI) sta ancora discutendo se consigliare una terza dose di vaccino anti covid una decisione  è attesa nei prossimi giorni ma Giovedì la Medicines Healthcare and Regulatory Products Agency, l’ente regolatore dei medicinali del Regno Unito, ha approvato l'uso di entrambi i vaccini Pfizer e AstraZeneca per una terza dose. Spiegando che la protezione dal virus può diminuire nel tempo dopo il primo ciclo di vaccinazione. Lo stesso incaricato della campagna vaccinale nel Paese, Nadhim Zahawi, ha dichiarato che il governo è pronto a offrire la terza dose a circa 35 milioni di persone e che il programma sarebbe iniziato alla fine di questo mese.

462 CONDIVISIONI
27453 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni