505 CONDIVISIONI
16 Giugno 2021
08:51

Patrick Zaki compie 30 anni in carcere, gli auguri da Bologna: “Tieni duro, ti aspettiamo”

Secondo compleanno in carcere per lo studente dell’Università di Bologna, detenuto in Egitto dal 7 febbraio 2020. “Le accuse contro di lui sono assurde: chi conosce Patrick capisce che non hanno senso” sottolineano i suoi amici e colleghi nella città emiliana. Impegnato e con tanti interessi, Zaki si era facilmente integrato in Italia, dov’era arrivato a settembre 2019. “Si muoveva come un bolognese ed era sempre con qualcuno, italiano o straniero”
A cura di Beppe Facchini
505 CONDIVISIONI

Innamorato dell'Italia e curioso di conoscerla ancora meglio. Perfettamente a suo agio sotto i portici di Bologna e con mille passioni e interessi. Dal calcio alla letteratura. Un ragazzo come tanti altri, insomma. Ecco chi è Patrick Zaki, attivista e studente di un master internazionale sugli studi di genere all'ateneo bolognese, in carcere in Egitto dal 7 febbraio 2020. Amici e colleghi, che sotto le Due Torri si sono ritrovati persino ad una cena tipica delle sue parti, raccontano che Patrick al suo Paese d'origine è sempre stato molto legato. Eppure, Il Cairo non ha mai ricambiato l'affetto: a inizio giugno i giudici hanno infatti deciso per ulteriori 45 giorni di detenzione. L'accusa è di propaganda sovversiva su internet. “L’ennesimo rinnovo che non lascia spazio a dubbi: la sua detenzione è un accanimento giudiziario” scriveva qualche giorno fa Amnesty Italia su Twitter. Ma intanto, oggi, comunque Patrick Zaki compie trent'anni in una cella. Lui che la vita l'ha sempre presa a morsi. Impegnato continuamente in qualcosa, ogni giorno pieno di voglia di fare, costantemente dalla parte di una causa che vale la pena sostenere: ecco, in poche parole, chi è Patrick. E da Bologna, quindi, arrivano gli auguri dei suoi amici e di tanti altri che non vedono l'ora di riabbracciarlo. Che poi ce ne sono praticamente dappertutto nel nostro Paese, ma forse non a sufficienza in determinate stanze.

“Lo scopo del regime egiziano è chiaro -spiega Francesca Menneas di Amnesty Bologna-: colpevolizzare il dissenso, annientarlo, zittirlo. Non sono chiari invece gli obiettivi del governo italiano. Non ha ancora concesso la cittadinanza a Patrick, nonostante la votazione al Senato ad aprile, continua a vendere armi all'Egitto e non si fa sentire con le autorità egiziane. Per esempio, avviando un negoziato sulla convenzione dell'Onu sulla tortura, come chiediamo da tempo. È ora di fare tutto il possibile affinchè venga liberato” sottolinea Menneas, che aggiunge: “Non c'è nessuna indagine da compiere, Patrick è innocente”. Lo ripete anche Katherine McGrory, compagna del master Gemma. “Queste accuse non hanno senso: quando conosci Patrick, capisci che non hanno senso”.

Aperitivi, calcetto, partite in tv e in qualche pub, birrette e una gran voglia di stare in compagnia. “Non era mai da solo, era sempre con qualcuno, italiano o straniero” racconta Rafael Garrido, amico venezuelano di Patrick, col quale è nata un'amicizia vera fin dalla prima lezione in università. “Mi manca molto -dice-. Non c'è un giorno in cui non pensi a lui. È molto ingiusto che non sia qui a Bologna con noi. Vorrei parlargli della mia tesi, fare l'aperitivo insieme, andare in biblioteca con lui. Fare quello che facevamo di solito”. “La sua squadra preferita è l'Arsenal” ricorda poi James McMullan, compagno di partitelle e di uscite serali. “Ama Bologna e l'Italia” ripete invece Katherine, che passando davanti all'enorme ritratto di Patrick, all'ombra delle torri, non può non ricordarsi di quel pomeriggio di piadine e gelato tutti insieme. “Ci preoccupavamo solo degli esami, delle cose normali per gli studenti -racconta-. È molto triste”.

“So che ama la letteratura italiana, in particolare la Ferrante, e che stava preparando un esame di storia -ricorda infine la professoressa Rita Monticelli, coordinatrice del master frequentato da Zaki-. Noi non ci arrendiamo e spero che gli arrivi questo sostegno. E speriamo anche che l'impegno delle persone, di tutti, arrivi là dove deve arrivare: da chi può agire in maniera diversa da noi”. Nel frattempo, tanti auguri Patrick.

505 CONDIVISIONI
Patrick Zaki dal carcere: "Situazione peggiora, combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna"
Patrick Zaki dal carcere: "Situazione peggiora, combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna"
Patrick Zaki marcisce in carcere da un anno e l'Italia ha paura di concedergli la cittadinanza
Patrick Zaki marcisce in carcere da un anno e l'Italia ha paura di concedergli la cittadinanza
Caso Patrick Zaki, altri 45 giorni di detenzione per l'attivista
Caso Patrick Zaki, altri 45 giorni di detenzione per l'attivista
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni