1.074 CONDIVISIONI
Notizie sulla detenzione di Patrick Zaki in Egitto

Patrick Zaki arriva domani a Milano, poi va all’Università di Bologna: festa in piazza il 30 luglio

Previsto per le 20,30 di domenica in Rettorato a Bologna l’incontro con Patrick Zaki, il ricercatore egiziano libero dopo aver ottenuto la grazia. Dopo l’arrivo all’aeroporto di Malpensa, l’attivista accompagnato a Bologna dal Rettore Giovanni Molari e dalla professoressa Rita Monticelli.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Susanna Picone
1.074 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Notizie sulla detenzione di Patrick Zaki in Egitto

C’è una nuova data per l’arrivo in Italia di Patrick Zaki, l’attivista egiziano di nuovo libero dopo la grazia presidenziale arrivata dopo la sua condanna a tre anni di carcere. Lo studente dell’università di Bologna arriverà domani, domenica 23 luglio, in Italia.

Zaki arriverà all’aeroporto di Malpensa intorno alle 17 (partenza dal Cairo alle 14 circa) con un volo di linea – si è parlato tanto nelle scorse ore della sua decisione di dire no a un volo di Stato – e da lì sarà accompagnato all’Università di Bologna dal Rettore Giovanni Molari e dalla professoressa Rita Monticelli, coordinatrice del master Gemma seguito dall'attivista.

All’arrivo a Malpensa, a quanto si apprende, non è previsto nessun incontro con la stampa. A Bologna invece l’incontro è stato fissato per le 20,30 di domani in Rettorato, nella Sala VIII Centenario Via Zamboni, 33. L'accesso al Rettorato dell’Università sarà consentito a partire dalle ore 17. A fornire i dettagli sull’arrivo di Zaki in Italia è l'Università di Bologna.

La festa pubblica a Bologna per Zaki

L'attesa festa pubblica per il rientro di Zaki in Italia però slitta di una settimana: secondo quanto fa sapere l’Università di Bologna, si terrà infatti – d’intesa col Comune – in piazza Maggiore domenica 30 luglio alle ore 20. I dettagli saranno forniti nei prossimi giorni.

La rimpatriata per festeggiare la liberazione

Intanto Zaki, che ieri aveva fatto sapere di aver dovuto rimandare la partenza per l'Italia a causa di alcuni documenti ancora non pronti, nelle scorse ore ha festeggiato la revoca della sua condanna a tre anni di reclusione insieme ad altri attivisti. Tra i presenti all'incontro in un appartamento del Cairo c'era anche Mohamed El-Baqer, l'avvocato e difensore dei diritti umani graziato insieme a lui dal presidente al Sisi. Lo stesso ricercatore ha postato una foto dell'abbraccio tra i due su Twitter.

Meloni: "Non mi aspetto riconoscenza, importante liberarlo"

"Per noi era un obiettivo importante, io sono molto contenta di averlo centrato e voglio anche dire che, rispetto al dibattito di questi giorni, non mi aspetto per questo riconoscenza, non mi interessa. Era giusto farlo, l'abbiamo fatto, lo facciamo indipendentemente da ogni altra considerazione". Così il premier Giorgia Meloni, parlando della liberazione di Patrick Zaki.

1.074 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views