953 CONDIVISIONI
Coronavirus
26 Luglio 2021
15:36

Passo indietro di Burioni dopo post su no-vax “in casa come sorci”: “Non lo riscriverei, colpa mia”

Dietrofront del virologo Roberto Burioni dopo il suo tweet in cui sosteneva che i no-vax sarebbero stati chiusi “in casa come dei sorci”: “Certamente quel tweet non lo riscriverei, perché qualcuno si è sentito offeso. Il mio era un tweet ironico, ma ho dimenticato che Twitter non è il luogo dell’ironia”.
A cura di Stefano Rizzuti
953 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Un tweet ironico, ma infelice. E su cui ora arriva un passo indietro di Roberto Burioni, virologo del San Raffaele di Milano. “Certamente quel tweet non lo riscriverei, perché qualcuno si è sentito offeso”, afferma Burioni al Corriere della Sera dopo la polemica nata negli scorsi giorni. Un tweet del virologo, infatti, aveva suscitato l’ira di tanti parlamentari e cittadini: “Propongo una colletta per pagare ai no-vax gli abbonamenti a Netflix quando, dal 5 agosto, saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come dei sorci”, aveva scritto. Con un riferimento ai “sorci” che non era piaciuto a tanti.

Tornando su questa polemica, quindi, Burioni cerca di giustificarsi sostenendo che si trattava semplicemente di un post ironico e che non voleva offendere nessuno: “Il mio era un tweet ironico, ma io ho dimenticato che Twitter non è il luogo dell'ironia (e dell'autoironia). Colpa mia comunque”. Il virologo si trova quindi costretto a rispondere alle polemiche sollevate in questi giorni per il suo tweet, peraltro da più parti politiche. Era stata Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, a etichettare come vergognose le parole di Burioni: “Questa non è scienza, è vergognoso”. Secondo Meloni “frasi del genere non contribuiscono in alcun modo alla campagna vaccinale, servono solo a farsi invitare in televisione e appagare il proprio bisogno di apparire”.

Burioni è stato accusato anche di essere troppo arrogante, specie sui social. Accusa a cui replica: “Mi odiano i neofascisti, ma mi odiano anche i veterocomunisti: penso proprio di essere nel giusto. Però che uno finisca ricoperto di insulti perché dice che bisogna vaccinarsi è roba da non credere nel 2021, dopo quello che abbiamo passato”.

953 CONDIVISIONI
27149 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni