29.645 CONDIVISIONI
Coronavirus
23 Luglio 2021
18:11

Burioni contro i No Vax: “Senza green pass sono agli arresti domiciliari chiusi in casa come sorci”

Il virologo Roberto Burioni è stato contestato su Twitter per aver attaccato i No Vax, coloro che non essendosi immunizzati non possono scaricare il green pass e quindi non potranno frequentare molti luoghi pubblici dal prossimo 6 agosto: “Saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come dei sorci”.
A cura di Annalisa Cangemi
29.645 CONDIVISIONI
Roberto Burioni
Roberto Burioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Nel dibattito tra favorevoli al green pass e contrari, che si sta animando sempre più in queste ore proprio alla luce delle nuove restrizioni che sono state emanate ieri dal governo, si è inserito anche il virologo Roberto Burioni. Lo scienziato si è espresso a favore del pass che dal prossimo 6 agosto verrà richiesto in diverse situazioni di socialità e in alcune attività.

Secondo l'ultimo provvedimento approvato ieri dal Consiglio dei ministri il documento servirà infatti a frequentare locali al chiuso, come bar o ristoranti, ma anche per andare in palestre, cinema, piscine, centri termali, spettacoli all'aperto, sale bingo, teatri, eventi sportivi, musei, centri benessere, fiere, sagre, sale scommesse, parchi di divertimento, partecipare a congressi o concorsi. Senza il green pass, che attesta l'avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid o un tampone effettuato nelle ultime 48 ore, non è infatti possibile accedere a questi luoghi.

Lo scienziato Burioni, docente all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, su Twitter ha commentato così: "Propongo una colletta per pagare ai novax gli abbonamenti Netflix per quando dal 5 agosto saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come dei sorci". La provocazione non è piaciuta a molti utenti che lo seguono sui social.

"Io capisco la frustrazione che deriva da attacchi quotidiani volgari, ma rispondere con questi toni, per qualcuno che ha meritoriamente scelto di fare divulgazione, è altamente controproducente e dannoso", ha commentato un utente. "Però io non sono così convinta che questo tipo di messaggio funzioni o aiuti qualcuno", scrive un atro follower del professore. E ancora: "Detto da uno che aspetta con ansia di essere vaccinato: questi toni penso incentivino più persone a NON vaccinarsi, l'opposto di quello che lei sta cercando (giustamente) di fare. Ne vale la pena?".

Burioni si è esposto dopo la conferenza stampa di Draghi, durante la quale il premier ha lanciato un appello a tutti gli italiani, per convincere gli indecisi a vaccinarsi: "L'appello a non vaccinarsi è un appello a morire, sostanzialmente. Non ti vaccini, ti ammali, muori. Oppure fai morire: non ti vaccini, ti ammali, contagi, qualcuno muore", aveva detto, in riferimento alle dichiarazioni di Matteo Salvini, scettico sulla somministrazione del siero anti Covid ai giovani.

Burioni ringrazia Salvini per il vaccino

Il segretario della Lega Matteo Salvini si è vaccinato oggi contro il Covid, e la notizia è stata confermata dal suo partito. Il professor Burioni lo ha ringraziato apertamente sui social: "Si può non essere d'accordo con Matteo Salvini, ma è il leader di un grande partito e il riferimento per molti cittadini. Lo ringrazio di cuore per avere dato il buon esempio in questa lotta comune contro il virus per riconquistare tutti insieme la libertà".

Burioni conferma che il vaccino rende "poco infettivi"

Da uno "studio Usa su pazienti vaccinati" contro Covid-19 "che si sono comunque infettati" emerge "un dato interessante: è che hanno molto meno virus nella loro gola rispetto ai non vaccinati, ed è quindi ragionevole pensare che i vaccinati siano molto poco infettivi. Chi si vaccina protegge se stesso e gli altri", ha spiegato ancora il virologo.

29.645 CONDIVISIONI
27028 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni