immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Un docente sarebbe stato schiaffeggiato dalla madre e dalla nonna di un’alunna della scuola media Borgese a Palermo. I fatti sono avvenuti questa mattina, secondo la ricostruzione fatta agli agenti del 118 chiamati sul posto dagli altri insegnanti dello stesso istituto. Stando a quanto raccontato dal maestro, la ragazzina, 13 anni, sarebbe più volte uscita dall’aula senza autorizzazione e l’uomo, dopo averla invitata a non interrompere la lezione, l’avrebbe presa per un braccio e riportata al suo banco. A quel punto la giovane avrebbe telefonato alla madre dicendo: "Mi ha messo le mani addosso, vieni subito". Detto fatto madre e nonna si sarebbero presentate a scuola per dirigersi subito in classe e dare una lezione al prof, di Storia e geografia. I colleghi e il personale Ata hanno subito contattato il 113 cercando nel frattempo di riportare la calma.

La lezione è stata ovviamente interrotta per quanto accaduto ma è poi stata ripresa. La studentessa ha deciso di andare via coi genitori dopo l'intervento della polizia. Ora toccherà al docente decidere se sporgere o meno denuncia nei confronti della famiglia. È stato inoltre convocato un consiglio di classe straordinario per valutare la posizione della studentessa, il cui cognome sarebbe già comparso diverse volte nella pagina delle note di demerito dei registri scolastici. "La scuola sta prendendo i provvedimenti necessari in merito alla vicenda e rifletteremo sulla possibilità o meno di presentare denuncia", dice la dirigente Giusy Di Blasi.